Terrorismo, tre arresti a Berlino: «Volevano colpire Checkpoint Charlie»

«Nel mirino anche Alexanderplatz». Stessa regia degli attacchi di Parigi.

04 Febbraio 2016

Il Checkpoint Charlie a Berlino.

Il Checkpoint Charlie a Berlino.

Programmavano un attentato a Berlino. Per questo sono stati arrestati tre uomini in un blitz il 4 febbraio in Germania.
Secondo quanto riferisce il Tagesspiegel, che cita fonti dei servizi di sicurezza, l'obiettivo era colpire Checkpoint Charlie, l'ex posto di blocco al confine tra il settore sovietico e quello americano a Berlino, oggi un punto di grande richiamo turistico.
NEL MIRINO ANCHE ALEXANDERPLATZ. In precedenza la Bild aveva rivelato che nel mirino dei sospetti terroristi poteva esserci l'Alexanderplatz di Berlino. Anche in questo caso un luogo di grande attrazione turistica, oltre che uno snodo di traffico importante della città.
STESSA REGIA DEGLI ATTACCHI DI PARIGI. Dietro il piano di attentato, rivela Tagesspiegel, ci sarebbe un gruppo dirigente dell'Isis in Siria che ha ideato anche gli attacchi dello scorso 13 novembre a Parigi.
NON PARLAVANO PIÙ DEL PIANO DA GIORNI. La polizia sarebbe entrata in azione il 4 febbraio perché cinque sospetti membri della cellula terroristica (oltre ai tre fermati ci sono altri due ricercati) non parlavano più del piano da diversi giorni. I cinque erano osservati da servizi e polizia: «Quando hanno smesso di comunicare tra di loro sull'attentato c'era da temere che avessero concluso il piano», hanno riferito i servizi.
Gli inquirenti tuttavia non escluderebbero anche che i sospetti terroristi avessero deciso di abbandonare il progetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Libia, il risiko di Bengasi e della Cirenaica

Il no (dubbio) del parlamento di Tobruk al governo di unità complica gli scenari. Serraj perde consensi, Haftar guadagna terreno nell'Est. C'è il rischio scissione.

prev
next