Apri/chiudi Tab
Le top 10 news di oggi chiudi
Le inchieste di Lettera43 chiudi
Le grandi interviste di Lettera43 chiudi
L43 - Local L’informazione dalla tua città Invia
TUTTO ITALIA EUROPA AFRICA ASIA NORD-AMERICA SUD-AMERICA OCEANIA Login | Registrati |  Venerdì, 25 Luglio 2014- 11.03

Cronaca 

Truffa a ministero, arrestato Boldrocchi

L'imprenditore avrebbe incassato un finanziamento milionario.

ATTIVITÀ PRODUTTIVE

L'imprenditore milanese Massimo Boldrocchi, attivo nel settore dell'elettromeccanica e con un vasto patrimonio immobiliare, è stato arrestato dalla guardia di finanza di Milano in un'inchiesta dei pm Grazia Pradella e Tiziana Siciliano per una truffa ai danni del ministero delle Attività produttive per un finanziamento da 3,4 milioni di euro.
ARRESTATI ALTRI TRE IMPRENDITORI. Assieme a Boldrocchi, sono finiti in carcere anche gli imprenditori milanesi Diego Giancristofaro e Pierluigi Paracchi, mentre ai domiciliari è finito un altro imprenditore Giuseppe Bisceglia, originario di Foggia.
Stando alle indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Alfredo Robledo, Boldrocchi, insieme con Giancristofaro e Paracchi avrebbe truffato il ministero in relazione a un finanziamento per un progetto innovativo nel settore dei rifiuti, un progetto che però era rimasto solo sulla carta.
OTTENUTI 3 MLN E 400 MILA EURO. Per questo progetto gli imprenditori avrebbero ottenuto dal dicastero 3 milioni e 400 mila euro e avrebbero dovuto destinare allo stesso ministero il 50% degli utili, attraverso la loro società la 'Green Fluff'.
In realtà, invece, avrebbero svuotato la stessa società con un danno subito dal ministero Ministero, secondo l'accusa, pari a oltre 1 milione e 200 mila euro. Secondo l'accusa, inoltre, Boldrocchi, con Giancristofaro e Bisceglia, sarebbe stato protagonista di un'altra truffa, stavolta nei confronti del Comune di Manfredonia, in relazione a un finanziamento di circa 1 milione e 500 mila euro.
CONTESTATA ANCHE UN'ALTRA TRUFFA. Il primo episodio di truffa è contestato per gli anni cha vanno dal 2006 al 2012, mentre il secondo tra il dicembre del 2008 e il giugno del 2009. Da quanto si è saputo, inoltre, gli inquirenti hanno anche aperto un fascicolo per il reato di smaltimento illecito di rifiuti (contestazione che non fa parte dell'ordinanza di arresto).

Mercoledì, 03 Luglio 2013 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

L’informazione dalla tua città
Invia