Apri/chiudi Tab
Le top 10 news di oggi chiudi
Le inchieste di Lettera43 chiudi
Le grandi interviste di Lettera43 chiudi
L43 - Local L’informazione dalla tua città Invia
TUTTO ITALIA EUROPA AFRICA ASIA NORD-AMERICA SUD-AMERICA OCEANIA Login | Registrati |  Sabato, 19 Aprile 2014- 13.58

Cronaca 

Truffa a ministero, arrestato Boldrocchi

L'imprenditore avrebbe incassato un finanziamento milionario.

ATTIVITÀ PRODUTTIVE

L'imprenditore milanese Massimo Boldrocchi, attivo nel settore dell'elettromeccanica e con un vasto patrimonio immobiliare, è stato arrestato dalla guardia di finanza di Milano in un'inchiesta dei pm Grazia Pradella e Tiziana Siciliano per una truffa ai danni del ministero delle Attività produttive per un finanziamento da 3,4 milioni di euro.
ARRESTATI ALTRI TRE IMPRENDITORI. Assieme a Boldrocchi, sono finiti in carcere anche gli imprenditori milanesi Diego Giancristofaro e Pierluigi Paracchi, mentre ai domiciliari è finito un altro imprenditore Giuseppe Bisceglia, originario di Foggia.
Stando alle indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Alfredo Robledo, Boldrocchi, insieme con Giancristofaro e Paracchi avrebbe truffato il ministero in relazione a un finanziamento per un progetto innovativo nel settore dei rifiuti, un progetto che però era rimasto solo sulla carta.
OTTENUTI 3 MLN E 400 MILA EURO. Per questo progetto gli imprenditori avrebbero ottenuto dal dicastero 3 milioni e 400 mila euro e avrebbero dovuto destinare allo stesso ministero il 50% degli utili, attraverso la loro società la 'Green Fluff'.
In realtà, invece, avrebbero svuotato la stessa società con un danno subito dal ministero Ministero, secondo l'accusa, pari a oltre 1 milione e 200 mila euro. Secondo l'accusa, inoltre, Boldrocchi, con Giancristofaro e Bisceglia, sarebbe stato protagonista di un'altra truffa, stavolta nei confronti del Comune di Manfredonia, in relazione a un finanziamento di circa 1 milione e 500 mila euro.
CONTESTATA ANCHE UN'ALTRA TRUFFA. Il primo episodio di truffa è contestato per gli anni cha vanno dal 2006 al 2012, mentre il secondo tra il dicembre del 2008 e il giugno del 2009. Da quanto si è saputo, inoltre, gli inquirenti hanno anche aperto un fascicolo per il reato di smaltimento illecito di rifiuti (contestazione che non fa parte dell'ordinanza di arresto).

Mercoledì, 03 Luglio 2013


Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

L’informazione dalla tua città
Invia