Uomo armato fermato a Euro Disney, quello che sappiamo

Incensurato e sconosciuto ai servizi. Aveva due pistole automatiche e un Corano. Con lui c'era una donna che è fuggita.

28 Gennaio 2016

Parigi è tornata ad aver paura il 28 gennaio, quando il terrore ha colpito il luogo più amato dai bambini d'Europa, quello di Disneyland Paris. Un uomo di 28 anni è stato fermato all'entrata di un hotel nel parco, appena fuori Parigi. Ecco cosa sappiamo della vicenda.

1. Due armi e un Corano in borsa

Era in possesso di due due pistole automatiche calibro 16.65, un caricatore e un Corano, nascosti in un borsone.

2. «Volevo proteggermi»

Nel corso del suo primo interrogatorio, l'uomo ha affermato di avere con sé le pistole in quanto ha «timori per la propria sicurezza» e «vuole essere in grado di proteggersi».

3. Con lui c'era una donna che è fuggita

Insieme con l'uomo arrestato a Disneyland Parigi c'era una donna, che si è data alla fuga ed è ricercata dalla polizia. L'auto, parcheggiata dall'uomo prima di essere arrestato, è attualmente all'esame degli artificieri.

4. Fermato dal metal detector

L'uomo è stato fermato al passaggio a un metal detector dell'hotel 'New York', dove aveva prenotato una stanza per due persone, quando la sua valigia ha fatto scattare l'allarme. Non ha opposto resistenza ed è stato posto in stato di fermo.

5. Incensurato e sconosciuto all'intelligence

Secondo le prime informazioni, l'uomo - che ha 28 anni ed è nato poco lontano dal parco, a Lagny, ma residente a Parigi, quartiere di Montparnasse - sarebbe incensurato e sconosciuto ai servizi di informazione. Era noto alla polizia semplicemente per un episodio di guida senza patente.

6. Inchiesta non affidata alla procura antiterrorismo

Si sa soltanto che l'inchiesta non è stata affidata alla procura antiterrorismo, segnale che l'episodio in sé non suscita al momento grandi preoccupazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
prev
next