2013 l'anno del Serpente per la Cina

Il Capodanno cinese inaugura cambiamenti profondi.

di

|

10 Febbraio 2013

Il 2013 sarà l'anno cinese del Serpente.

Il 2013 sarà l'anno cinese del Serpente.

Intelligenti e dalle mille vite. A tratti infidi e subdoli. Chi nasce sotto il segno del Serpente, dicono i dotti cinesi, è un pensatore affascinante, mai scontato, e porta dentro di sé infinite risorse di guarigione.
Un po' come lo Scorpione per l'oroscopo occidentale, il Serpente è a suo agio a muoversi nell'oscurità, strisciando nei bassifondi. Ama stare al buio e in silenzio, per scendere indisturbato nei meandri della profondità umana e, infine, potentemente risorgere.
Mors tua vita mea, e così l'anno del Serpente, che il calendario cinese fa iniziare il 10 febbraio 2013, si preannuncia come un periodo di conquiste interiori e grandi trasformazioni personali. Ma anche di morsi letali e di possibili, incisivi, colpi di coda.
Tutto dipende da dove sta il nemico e da chi deve vincere la partita. In Cina, saggezza popolare vuole che un serpente in casa porti fortuna e allontani le sventure.
LE INSIDIE VENGONO DALL'EST. Se per l'Europa piegata dalla crisi il nemico sta a Oriente allora, forse, conviene davvero seguire l'antica arte d'arredare secondo i canoni  del Feng Shui. Che, per quest'anno, raccomanda a chi ha la facciata di casa o di un'attività rivolta verso Est di prendere le dovute precauzioni.
Guai in vista, e non solo economici, per un 2013 in cui occorrerà innanzitutto guardarsi alle spalle, per evitare di essere attaccati dal maligno. O da chi, abile nel commercio dei beni e nella filosofia come l'intuitivo Serpente, trama nell'ombra.
La verità è un pugno duro nello stomaco. Ma senza dolore non c'è metamorfosi.
Per questo, non solo a Oriente, il 2013 potrebbe segnare la tormentata rinascita spirituale di tutti.

Dal Dragone imperiale al Serpente nero di Mao: la Cina cambia registro

In Cina, il Dragone è il simbolo dell'imperatore. Numerosi gli eventi artistici organizzati in suo onore.

(© Getty Images) In Cina, il Dragone è il simbolo dell'imperatore. Numerosi gli eventi artistici organizzati in suo onore.

Archiviati i fasti del Dragone, simbolo di prosperità e coraggio regali, dal rosso fuoco delle celebrazioni 2012 la Cina cambia registro e guarda al nero: il colore del Serpente e dell'austerity che, non a caso, predilige anche il sobrio Xi Jinping, neo segretario generale del Partito comunista (Pcc) e successore del presidente Hu Jintao.
D'altra parte, il 2012 era stato un anno del Dragone solo a metà. L'abbondanza e la forza carismatica del guerriero erano state smorzate dall'acqua. Elemento scivoloso nel quale, a gennaio 2012, era venuto a cadere il segno-simbolo dell'imperatore.
DAL FUOCO AGLI ABISSI. Qualcosa si era già incrinato e, infatti, l'anno passato era stato quello della solenne investitura, a Pechino, del nuovo comitato centrale del Politburo, con il passaggio di testimone ai vertiti del comando. Ma anche l'anno dell'esplosione degli scandali a catena sulla corruzione. E di una generale, preoccupante, frenata dell'economia asiatica.
L'acqua, per gli astrologi orientali dominata da Mercurio, sarà invece l'elemento ideale per guidare l'azione taumaturgica del Serpente: una combinazione che, nell'oroscopo cinese, ricorre ogni 60 anni.
Serpente d'acqua fu il rivoluzionario Mao Tse Tung, nato nell'anno di grazia del 1893, formidabile stratega politico oltre che astuto condottiero. Per questo, saggiamente, i cinesi attendono con positività il cambio di registro del 2013. Foriero dei frutti per una lenta, ma intensa, rivoluzione.
L'ANNO DI CARONTE. È tradizione cinese deporre un delicato ramoscello di pino fuori casa, per accogliere propiziamente l'arrivo del Serpente nero. Che all'esibizionismo e al rumore festante dei baccanali preferisce il ritiro ascetico e il silenzio dell'introspezione. Alle apparenze esteriori antepone l'interiorità dell'inconscio oscuro e senza tempo. E vive la solitudine come un terreno per compiere l'esperienza obbligata del male e degli abissi occulti.
Una volta risaliti dagli inferi, la conoscenza è lucida e profonda. I blocchi del passato sono superati. E dopo la turbolenza liquida del Drago e il balsamo velenoso del Serpente, la Cina sarà pronta per irradiare nel mondo la pervasiva e caparbia energia del Cavallo. Ma solo nel 2014.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Rai, perché i maxi stipendi non sono l'unico problema

Paghe d'oro? Odiose. Ma Viale Mazzini ha anche altri sprechi. Come i 14 canali. Contro i 6 della Bbc. O la lottizzazione. Il prof Doglio: «Mammut senza identità».

prev
next