Corea del Nord, le foto proibite di Michal Huniewicz

Per fotografare il Paese ha sfidato il divieto del regime e il rischio del carcere. Ecco i suoi scatti.

11 Marzo 2016

Ha rischiato il carcere, e più di una volta ha dovuto nascondere di corsa la sua macchina fotografica.
Ma Michal Huniewicz è riuscito nel suo intento: fotografare la Corea del Nord e Pyongyang (leggi il resoconto del primo storico congresso del Partito dei lavoratori dopo 36 anni), aggirando il divieto imposto dal regime ai pochi turisti ammessi nel Paese.
COSTANTE PRESENZA DEL REGIME. Con il suo obiettivo ha immortalato la vita nei campi, la paura e la diffidenza negli occhi della gente, la rigidità dei soldati che, sulle strade, controllano che tutto vada come deve andare, la costante presenza del regime, nei monumenti, nei media, nei mercati in cui è vietato l'accesso agli stranieri.
E il risultato è straordinario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Francesco Greco.
Greco, un indipendente che piace al potere

Greco è il nuovo capo della procura milanese. Estraneo alle logiche correntizie, assicura continuità con Bruti Liberati. E accontenta (quasi) tutti. Renzi incluso.

prev
next