È morto David Bowie

Addio a David Bowie. Il Duca bianco muore a 69 anni, a pochi giorni dall'uscita di Black Star. L'annuncio della famiglia. Da 18 mesi combatteva il cancro. Le foto.

di

|

11 Gennaio 2016

Come Lazzaro aveva lottato contro la morte, 18 mesi di battaglia al cancro, con la voglia di rinascere ancora una volta. David Bowie si è arreso la notte tra il 10 e l'11 gennaio, spegnendosi circondato dalla sua famiglia. Aveva compiuto 69 anni da due giorni, celebrando la ricorrenza con la pubblicazione di Black Star, il 27esimo album della sua carriera, il primo dopo tre anni di silenzio, l'ultimo della sua vita.
MALATO E SOFFERENTE. Nel video di Lazarus appariva col volto gonfio e sofferente, un aspetto lontano da quello diafano degli anni del Glam Rock, dai lineamenti tagliati e asciutti di Ziggy Stardust e del Duca Bianco, i suoi due alter ego più famosi. Ma forse figlio anche di quei tempi, fatti di eccessi e droga.

 

  • Il video di Lazarus.


Le speranze di chi, anche solo per un attimo, ha creduto alla bufala, sono state spazzate vie dal comunicato sulla pagina Facebook ufficiale del cantante e dal tweet del figlio, Duncan Jones, che ha confermato la morte.

 

 

Nato David Robert Jones, Bowie era un uomo venuto dallo spazio, come cantava in Starman, capolavoro incluso in The rise and fall of Ziggy Stardust and the spiders from Mars, concept album pubblicato nel 1972 e acclamatissimo dalla critica, disco d'oro negli Usa e di platino in Inghilterra.
SEMPRE AL PASSO CON I TEMPI. Aveva l'aria di un essere proveniente dal futuro, di un uomo caduto sulla Terra come il personaggio da lui interpretato nel film di Nicolas Roeg del 1976, capace di anticipare le mode e stare al passo con le innovazioni, fino a diventare il primo artista rock a pubblicare la sua discografia in digitale nel 1984.
L'INCONTRO CON ENO A BERLINO. A metà degli Anni 70, mandato in soffitta Ziggy Stardust, si trasferì a Berlino per disintossicarsi dalla cocaina. Un'esperienza proficua sotto tutti i punti di vista: Bowie si liberò della droga e cominciò a collaborare con Brian Eno, dando alla luce tre album: Low, Heroes e Lodger.

 

  • Il video di Starman.

 

Fuori da ogni schema, fece parlare di sé per la sua arte e le sue preferenze sessuali. Nel 1970 si sposò con la statunitense Mary Angie Barnett, che anni dopo raccontò di averlo sorpreso a letto con Mick Jagger, nel 1992 prese in moglie la top model somala Iman Mohamed Abdulmajid. Nel 1972, in un'intervista a Music Star, raccontò di essere gay, diventando icona del movimento omosessuale, ma nella sua vita amò e fu amato da tante donne, da Amanda Lear a Liz Taylor. Non aveva paura del giudizio degli altri, Bowie, con le sue dichiarazioni spesso sopra le righe come quando definì Adolf Hitler la prima vera rockstar.
NON SOLO MUSICISTA: ATTORE DI SUCCESSO. Artista eclettico, capace di spaziare dal palco al set, fu Ponizio Pilato in L'ultima tentazione di Cristo di Martin Scorsese e Andy Warhol nel Basquiat di Julian Schnabel, e restano memorabili, oltre a L'uomo che cadde sulla Terra, anche la sua apparizione in Furyo di Nagisa Oshima e il suo re dei goblin in Labyrinth di Jim Henson.

 

  • La Magic Dance di David Bowie nel film Labyrinth.

 

Trasformista in musica come nello stile, ha attraversato mezzo secolo sopravvivendo allo scorrere del tempo, costruendosi una longevità artistica che può vantare pochissimi eguali. Attivissimo e in grado di sfornare in media un album all'anno fino al 2003, fu costretto a rallentare quando un infarto lo sorprese il giorno dopo un concerto all'Hurricane festival di Scheßel, in Germania. Era in tour per promuovere l'album Reality e si ritrovò sotto i ferri, ad Amburgo, per un'angioplastica coronarica.
IL RITORNO DOPO 10 ANNI DI SILENZIO. Sembrava la sua fine, ma nove anni dopo Bowie tornò con The Next Day. Non si era arreso, come non si è arreso nemmeno quando, nel 2014, gli è stato diagnosticato il cancro. Malato e sofferente ha inciso Black Star, l'ultimo regalo lasciato alla musica prima di lasciare la Terra su cui era caduto. E tornare sulle stelle da cui veniva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Banche, industria e consumi: l'Italia saluta la ripresa

Il Paese rischia di chiudere male il 2016. Pil a +0,8%. Domanda interna bloccata. Ordini e importazioni in calo. E così si complica il lavoro di Padoan in Europa.

prev
next