Ezio Bosso, 10 canzoni dell'artista che ha commosso Sanremo

Una carrellata di brani per conoscere meglio il pianista, compositore e direttore d'orchestra.

11 Febbraio 2016

Ezio Bosso sul palco dell'Ariston.

(© Ansa) Ezio Bosso sul palco dell'Ariston.

Ha emozionato tutti con le sue parole sul palco dell'Ariston.
Ha fatto commuovere una giovane violinista. E ha dato un assaggio della sua musica a chi non lo conosceva.
Ezio Bosso è stato il protagonista assoluto della seconda serata del Festival di Sanremo, meritandosi la standing ovation del pubblico e rimanendo per ore al primo posto tra gli hashtag di Twitter.
Dopo l'esibizione con Following A Bird, il suo album The 12th Room è volato nella classifica di vendite su iTunes in Italia mentre continuano a crescere i like della pagina Facebook ufficiale dell'artista affetto da una malattia neurologica degenerativa.
AMORE PER LA MUSICA SIN DA PICCOLO. Nato a Torino il 13 settembre 1971, Bosso si è avvicinato alla musica in età precocissima, quando aveva appena quattro anni, ma è stato l'incontro con il maestro Ludwig Streicher a segnare la svolta della sua carriera artistica, indirizzandolo a studiare composizione e direzione d'orchestra all'Accademia di Vienna.
È STATO IL BASSISTA DEGLI STATUTO. Dal 1985 al 1988 è stato anche bassista del gruppo ska Statuto con il soprannome di Xico, prima di dedicarsi alla musica classica.
Negli Anni 90 Bosso ha calcato le migliori scene internazionali: Royal Festival Hall, Southbank Centre, Sydney Opera House, Palacio de Bellas Artes di Città del Messico, Teatro Colón di Buenos Aires, Carnegie Hall, Teatro Regio di Torino, Houston Symphony, Auditorium Parco della Musica di Roma sono solo alcune delle più importanti stagioni concertistiche internazionali, nelle quali si è esibito sia come solista sia come direttore o in formazioni da camera.
TANTE COLLABORAZIONI, MA UN SOLO DISCO DA SOLISTA. Ha collaborato con il regista Gabriele Salvatores componendo le colonne sonore di Io non ho paura, Quo vadis, baby? e Il ragazzo invisibile.
Vive dividendosi tra Torino, Bologna e Londra, dove è stato direttore stabile e artistico dell'unica orchestra d'archi di grande numero inglese: The London Strings.
Nonostante l’incredibile mole di collaborazioni, composizioni e concerti, non ha inciso nessun disco ufficiale da solista fino all’ottobre 2015, quando è stato pubblicato The 12th Room. Ecco 10 canzoni per conoscere meglio il talento di Ezio Bosso.


Clouds, The mind on the (Re)Wind (Ezio Bosso piano, Giacomo Agazzini violino).

 

 

Rain, In Your Black Eyes (Ezio Bosso piano, Giacomo Agazzini violino, Relja Lukic violoncello. Dall'album Music for weather elements)

 

 

Roots (Ezio Bosso e Mario Brunello).

 

 

Sweet and Bitter (dall'album Seasong 1-4 and Other Little Stories)

 

 


Ezio Bosso direttore d'orchestra in Symphony No 1 Oceans. Mov. Finale, 'We Unfold'

 

 


Speed Limit, A Night Ride (Ezio Bosso & the Buxusconsort. Registrata agli Abbey Road studios di Londra)

 

 

 

Thunders and Lightnings (tratta da Music for Weather Elements)

 

 


Symphony No. 2, Under Trees' Voices - Between Man and Trees (Live a 'Suoni delle Dolomiti')

 

 

 

Solitudes - tratta da Un Amore (1999)

 

 

The Sky seen from the Moon - da The Way of 1000 and One Comet

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Jeremy Corbyn.
Brexit, il Labour tra caso Corbyn e …

Mentre May vede i leader Ue, Corbyn è alle prese con tensioni interne al partito. L'ala centrista vuole farlo fuori. Con nuove regole. E cresce il rischio scissione.

Terrore, la narcosi della coscienza ci può salvare

Nizza, Monaco, Rouen: ci abitueremo al male. E l'ossessiva ricerca di soluzioni risulta ripetitiva e inefficace. Successe già negli Anni 70. L'analisi di Lia Celi.

prev
next