I Bronzi di Riace truccati da Gerald Bruneau

Stop ai pregiudizi. Tanga sulle statue.

31 Luglio 2014

Un drappo bianco come se fosse una sposa. Un tanga leopardato e un boa fucsia come strumenti di seduzione.
I Bronzi di Riace, simboli della mascolinità, sono stati trasformati in emblemi dell'omosessualità. È questa l'ultima provocazione di Gerald Bruneau (foto). 
Come raccontato il 31 luglio da Dagospia, il celebre fotografo (allievo di Andy Warhol e reporter per importanti testate italiane e straniere) si è introdotto a febbraio nel Museo nazionale della Magna Grecia di Reggio Calabria è ha trattato i capolavori dell'arte greca del V secolo a.C. come se fossero opere kitsch.
CONTRO PREGIUDIZI E IPOCRISIE. Le due sculture classiche, adornate, travestite, velate, divengono protagoniste di un'azione rivolta a smascherare pregiudizi e ipocrisie.
Si fanno interpreti di una performance in cui ogni movimento è come un atto di corteggiamento, un gesto amoroso dissacrante e sfrontato.
«Le immagini», ha tenuto a precisare la soprintendente ai Beni archeologici della Calabria, Simonetta Bonomia, «sono state realizzate senza autorizzazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Tiro al bersaglio su Parisi

L'attacco di Bisignani. Le trame di Verdini e Toti. I malumori dentro Forza Italia. L'ex Chili è nel mirino. E i suoi nemici si fregano le mani. Scaglia in primis.

prev
next