I Bronzi di Riace truccati da Gerald Bruneau

Stop ai pregiudizi. Tanga sulle statue.

31 Luglio 2014

Un drappo bianco come se fosse una sposa. Un tanga leopardato e un boa fucsia come strumenti di seduzione.
I Bronzi di Riace, simboli della mascolinità, sono stati trasformati in emblemi dell'omosessualità. È questa l'ultima provocazione di Gerald Bruneau (foto). 
Come raccontato il 31 luglio da Dagospia, il celebre fotografo (allievo di Andy Warhol e reporter per importanti testate italiane e straniere) si è introdotto a febbraio nel Museo nazionale della Magna Grecia di Reggio Calabria è ha trattato i capolavori dell'arte greca del V secolo a.C. come se fossero opere kitsch.
CONTRO PREGIUDIZI E IPOCRISIE. Le due sculture classiche, adornate, travestite, velate, divengono protagoniste di un'azione rivolta a smascherare pregiudizi e ipocrisie.
Si fanno interpreti di una performance in cui ogni movimento è come un atto di corteggiamento, un gesto amoroso dissacrante e sfrontato.
«Le immagini», ha tenuto a precisare la soprintendente ai Beni archeologici della Calabria, Simonetta Bonomia, «sono state realizzate senza autorizzazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Elezioni Spagna, la sconfitta dei partiti del cambiamento

La Spagna resta nella palude. Podemos manca il sorpasso sul partito socialista. Mai così in crisi di consensi. Mentre il flop di Ciudadanos rafforza il Pp di Rajoy.

prev
next