Il libro si guarda, ma non si legge

Perché il fenomeno del book trailer è un flop.

di Federico Vergari

|

01 Maggio 2012

Con il book trailer si sponsorizzano i libri in uscita con spot video.

Con il book trailer si sponsorizzano i libri in uscita con spot video.

Sono sempre di più le case editrici che ricorrono all'utilizzo dei book trailer, gli spot video utilizzati per creare attenzione e consenso intorno a un libro in uscita. Però i risultati non sono sempre quelli sperati e così può accadere che un trailer piaccia, ma il libro rimanga sullo scaffale.
PUBBLICITÀ SU BLOG E TWITTER. Gli autori poco conosciuti solitamente utilizzano strategie di marketing per creare un po' di attenzione intorno al nuovo titolo. Per esempio si aprono discussioni su blog e forum letterari, l'autore si ritrova a cinguettare su Twitter furiosamente anche il più inutile dei suoi pensieri. Ma non è finita, perché spesso si ricorre persino a scrivere recensioni fittizie, fino ad assegnarsi valutazioni altissime nelle librerie online.
BOOK TRAILER SU YOUTUBE. Vista l'incapacità di differenziarsi, da qualche anno gli editori stanno puntando sui book trailer per coinvolgere i lettori con un video in stile cinematografico, che anticipa ciò che possono leggere sulle pagine del libro. Ma se le major del cinema possono trasmettere i trailer su vari circuiti (per esempio radio e televisione), gli editori sono costretti a utilizzare solo canali come YouTube e il sito della casa editrice.

Solo lo 0,2% dei lettori compra un libro dopo aver visto il book trailer

Peccato, però, che gli sforzi degli editori di lanciare nella Rete i nuovi libri non abbiano ancora ottenuto risultati evidenti.
Secondo una ricerca condotta nel 2010 dal New York Times, soltanto lo 0,2% dei lettori intervistati aveva comprato un libro dopo averne visto il book trailer. E nella maggior parte dei casi, i video che ricevevano un buon numero di consensi non permettevano al libro di ottenere il successo di vendite.
STRUMENTO PER DARE VISIBILITÀ. Secondo Davide Lunardelli, social media editor di Becco Giallo Editore, è necessario fare piccoli passi e valutare con attenzione se e come promuovere un libro attraverso un book trailer: «Si tratta di uno strumento fondamentale per far uscire il libro dalla naturale dimensione cartacea e per far emergere i contenuti e la sostanza. Ma tutto dipende dalla qualità del prodotto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Rouen, Augé: «Vi spiego la trappola simbolica dell'Isis»

Primo attacco a una chiesa. Dopo Charlie, Parigi e Nizza è una svolta simbolica. Augé: «I terroristi non riconoscono l'Europa laica, così ci fanno tornare indietro».

Mediaset, ora Berlusconi teme la scalata di Bolloré

Rottura tra il Biscione e Vivendi. Il Cavaliere sospetta una manovra dei francesi. Che sfrutterebbero la debolezza del titolo. Fermandosi prima della soglia Opa.

Napoli, il 'traditore' Higuain e quel coro ormai da ripudiare

Il Pipita va alla Juve. Napoli cancella il ritornello trash da stadio. Che il bomber cantava sotto la curva. Tornerà Ohi vita ohi vita mia? Storia di una disillusione.

Rouen, moschea salafita accanto alla chiesa

Il terrorista che ha sgozzato padre Hamel si sarebbe radicalizzato in rue Guynemer. La stessa via della parrocchia presa d'assalto. Le prime indagini a Saint-Etienne-du-Rouvray dopo la strage al Bataclan.

prev
next