Morto Umberto Eco, il ricordo dei lettori sui social

Il popolo del web celebra lo scrittore. Che pure in passato non fu tenero con Facebook e Twitter: «Danno diritto di parola a legioni di imbecilli».

20 Febbraio 2016

Umberto Eco.

(© Ansa) Umberto Eco.

Coi social non era stato tenero di recente. «Danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività», disse in un incontro coi giornalisti a Torino nel 2015. «Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli».
Ma il popolo del web, nonostante la tarda ora in cui è giunta notizia della sua morte, ha celebrato con migliaia di messaggi Umberto Eco.
BOMBIANI SINTETICA: «ADDOLORATI». Sintetico il comunicato di Bompiani: «Lutto per la cultura, ci lascia Umberto Eco: Siamo addolorati».
L'ex ministro Giovanna Melandri aggiunge: «Che tristezza la notizia della morte di Umberto Eco. Un grandissimo intellettuale e scrittore, una persona unica e speciale. Mancherà' tanto».
Anche la cantante Noemi affida le sue sensazioni ai social scrivendo: 'una parte della nostra cultura e letteratura. Ora tocca a noi. Saremo capaci di raccontarci così bene agli Italiani di domani?».
«È mancato un grande italiano» nota Ivan Scalfarotto.
UN FIUME DI MESSAGGI DALLA GENTE COMUNE. Ma quello che salta più agli occhi è la quantità di messaggi lasciata da gente qualunque, lettori e studenti formatisi sui suoi libri, che ricordano Eco postando alcune citazioni. La più ricordata è quella che forse meglio rappresenta il motivo per cui uno scrittore non certo facile sia oggi ricordato come una rockstar: «Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni».
L'ADDIO IN LATINO DI SAVIANO. Anche Roberto Saviano ha scelto Twitter per ricordare Eco: «Nomina nuda tenemos. Addio professore», ha “cinguettato” lo scrittore, citando l’ultima frase del Nome della Rosa. La frase intera «stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus (la rosa che era (ora) esiste solo nel nome, noi possediamo solo nudi nomi, ndr)» è una variazione di un verso del “De Contemptu Mundi” di Bernardo Cluniacense, monaco benedettino del XII Secolo.
IL CORDOGLIO DI RENZI:  Profondo cordoglio per la scomparsa di Umberto Eco è stato espresso ai familiari dal presidente del Consiglio: «Esempio straordinario di intellettuale europeo, univa una intelligenza unica del passato a una inesauribile capacità di anticipare il futuro», ha sottolineato Renzi, che con lui si era intrattenuto a Milano durante Expo insieme con il presidente francese, Francois Hollande. Renzi ha parlato di «una perdita enorme per la cultura, cui mancherà la sua scrittura e voce, il suo pensiero acuto e vivo, la sua umanità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Export, terremoto, costo del denaro: che nubi su Renzi

Cala la fiducia di famiglie e imprese. Aumenta il debito. Preoccupa la deflazione. L’economia italiana è piena di incognite. Il colpo di grazia? Se la Fed alza i tassi...

prev
next