The hateful eight, 10 cose da sapere sul film

Colonna sonora da Oscar. Film evento. E pensare che tutto poteva saltare. Il fim di Tarantino in pillole.

 

di

|

05 Febbraio 2016

Quentin Tarantino è arrivata a quota otto film diretti con l'attesissimo The Hateful Eight. Il western ambientato nel freddo inverno del Wyoming, presentato il 28 gennaio a Cinecittà, è pronto ora ad arrivare nelle sale nel suo formato originale in 70 millimetri e nel formato destinato alle sale non dotate di proiettori adatti alla spettacolare visione.
UNA SERIE DI INCONTRI CASUALI. La storia inizia con il viaggio del cacciatore di taglie John Ruth (Kurt Russell) e di Daisy Domergue (Jennifer Jason Leigh), la sua prigioniera destinata a essere impiccata a Red Rock. Durante il loro tragitto i due si imbattono nel Maggiore Marquis Warren (Samuel L. Jackson) e in Chris Mannix (Walton Goggins), che sostiene di essere il nuovo sceriffo della città verso la quale sono diretti. Una tempesta di neve li obbliga però a fermarsi nella merceria di Minnie, dove incontrano quattro sconosciuti.
I fan della violenza esagerata e dell'ironia tagliente di Tarantino non rimarranno delusi da The Hateful Eight, nonostante l'approccio sia più orientato ad approfondire con la dovuta calma ogni personaggio presente in scena, capitolo dopo capitolo.
SPAZI RISTRETTI E SCENOGRAFIA ESSENZIALE. Gli spazi ristretti, la scenografia essenziale in contrasto con le splendide aree innevate, e la bravura del cast permettono al regista di inserire molte tematiche da lui amate, dal razzismo alla politica, in un quadro generale in cui ogni dettaglio è importante, costruendo quasi un Dieci piccoli indiani in salsa western.
Chi ha apprezzato il ritmo quasi frenetico di altre opere firmate da Tarantino subirà forse un po' il peso di questa struttura così ricca e teatrale, tuttavia è innegabile che il risultato finale sia un'esperienza cinematografica di raro fascino.
Andiamo alla scoperta di qualche dettaglio sul film e sulla sua realizzazione.

1. Un film che ha rischiato di non arrivare nelle sale: lo script emerso online

La prima bozza della sceneggiatura scritta da Quentin Tarantino è apparsa online nel gennaio del 2014, scatenando la reazione del regista che inizialmente aveva deciso di rinunciare al progetto.
Il documento era stato consegnato a due persone di fiducia e agli attori Michael Madsen, Bruce Dern e Tim Roth.
«NON È STATO ROTH». Tarantino aveva aggiunto di essere certo che non fosse stato Roth a farlo circolare, sottolineando che uno degli altri due interpreti l'aveva passato al suo agente che, a sua volta, l'aveva distribuito senza l'autorizzazione del regista.
Il dispiacere aveva portato il filmmaker ad annunciare che la storia sarebbe forse apparsa pubblicata come un romanzo. Poco tempo dopo, tuttavia, Tarantino è tornato sui suoi passi e ha deciso di modificare profondamente la sceneggiatura, finale compreso.

2. Un attore pronto a tutto pur di avere la parte: lo stalker Channing Tatum

Channing Tatum ha rivelato di aver fatto veramente di tutto pur di convincere Tarantino a farlo recitare in The hateful eight. Ospite del Tonight show, l'attore ha spiegato di aver inviato al regista un'email al giorno per ben un anno nel tentativo di ottenere la parte e ha persino minacciato i suoi potenziali rivali dicendo che sarebbe stato pronto ad affrontarli in uno scontro fisico pur di mantenere la possibilità di arrivare sul set.
UN PESCE FUOR D'ACQUA. Entrare a far parte della «famiglia» di Tarantino non è stato però facile: Channing era uno dei pochi interpreti a non conoscere gli altri colleghi e nei primi momenti sul set ha quasi rischiato di far cadere da una sedia Bruce Dern.

3. Ennio Morricone e il suo iniziale rifiuto: la moglie decisiva per il sì

Il compositore Ennio Morricone, dopo il Golden Globe, potrebbe conquistare grazie a The Hateful Eight il suo primo Oscar nella categoria Miglior colonna sonora originale, dopo aver ricevuto quello alla carriera. E pensare che all'inizio non voleva nemmeno lavorare al film, e aveva rifiutato la proposta di Quentin Tarantino. È stata la moglie Maria a convincerlo dopo aver ricevuto la sceneggiatura.

4. Un legame con gli altri film: un nome in comune con Bastardi senza gloria

Il filmmaker ha confermato recentemente che tutti i suoi lungometraggi sono collegati tra loro e sono parte di due universi separati. In una di queste «realtà», abitata da alcuni personaggi, esiste a sua volta un universo cinematografico. I protagonisti di Pulp Fiction, ad esempio, potrebbero andare al cinema a vedere Kill Bill o Dal Tramonto all'Alba.
CHI È PARENTE DI ARCHIE HICOX? Senza rivelare troppi spoiler, uno dei personaggi di The Hateful Eight a un legame di parentela con Archie Hicox, interpretato da Michael Fassbender in Bastardi senza gloria.

4. A caccia di neve: tra ritardi e riti mistici

Il film è stato girato a Telluride, in Colorado, nella proprietà della famiglia Schmid che si trova ai margini di una foresta. La mancanza della neve ha però rischiato di ritardare le riprese e di far lievitare il budget previsto inizialmente.
I produttori hanno quindi dovuto programmare le scene da girare giorno per giorno prevedendo varie opzioni diverse in base alle condizioni meteo.
NEVE NATURALE PORTATA SUL SET. Harvey Weinstein ha rivelato che Tarantino, durante le giornate più problematiche, gli aveva chiesto se poteva procurargli della neve naturale da portare sul set.
Secondo alcune indiscrezioni, a Telluride si sarebbe persino svolta una cerimonia per chiedere «alle divinità delle nevi» un meteo favorevole. Per riuscire a lavorare nel migliore dei modi all'aperto e in mezzo alla neve, inoltre, sono stati assunti dei consulenti, che avevano già lavorato con Frank Marshall e al film The Grey, in grado di spostare le attrezzature tecniche senza rovinare l'aspetto del paesaggio innevato e gestire tutti gli elementi necessari a dei ciak ad alta quota.

5. Da Ben Hur a The Hateful Eight: un film nuovo con lenti vecchie

Tarantino ha deciso di girare il film informato Ultra panavision 70mm e per farlo ha dovuto utilizzare delle lenti vecchio stile, già impiegate per le riprese di Ben Hur.
SUPERATO IL TEST DEL FREDDO. Il materiale è stato messo alla prova e adattato per le nuove attrezzature. Un grande timore riguardava però la loro resistenza alle basse temperature, tuttavia non ci sono stati particolari problemi.

6. La decisione di Kurt Russell: non abbandonare Jennifer

Nel film di Tarantino il cacciatore di taglie interpretato da Kurt Russell trascorre quasi tutto il suo tempo amanettato a Daisy, ruolo affidato a Jennifer Jason Leigh.
SEMPRE LEGATI. L'attore ha scelto di non abbandonare la collega nemmeno nelle sequenze in cui era previsto l'utilizzo di un manichino e di rimanerle vicino il più possibile: «Mi sembrava strano non restare accanto a chi lo era stato a me».

7. Il passaggio da potenziale sequel di Django Unchained a The Hateful Eight: un nuovo personaggio

Tarantino aveva iniziato a lavorare alla storia del film pensando a un possibile sequel di Django Unchained, ma la presenza del personaggio interpretato da Jamie Foxx rendeva complicata giustificare alcune azioni che si sarebbero dovute evitare per rispettarne il codice morale.
UNA PARTE PER SAMUEL L. JACKSON. Il regista ha quindi abbandonato lo spunto iniziale e ha dato vita alla parte affidata a Samuel L. Jackson.

8. Dal grande schermo a teatro: il futuro di Tarantino

Il regista da tempo ha spiegato che vuole concludere la sua carriera cinematografica dopo aver realizzato 10 lungometraggi, per poi dedicarsi ad altri progetti, tra cui quelli teatrali.
Dopo aver organizzato una lettura pubblica della sceneggiatura di The Hateful Eight pubblicata online senza il suo consenso, Quentin ha iniziato a pensare a una possibile riduzione teatrale della storia.
VERSO LA TRASPOSIZIONE IN TEATRO. Harvey Weinstein aveva provato a convincerlo di realizzare questa idea prima della versione cinematografica, tuttavia Tarantino voleva mantenere il mistero sulle svolte della trama e sfruttare la bellezza dei paesaggi e del formato in 70mm. Conclusa la stagione dei premi e le varie presentazioni del film, tuttavia, ritornerà a lavorare alla pièce.

9. Dopo la sceneggiatura anche il film piratato: per chi non può pagare il biglietto

Prima ancora della sua distribuzione nelle sale americane, online era apparso il file illegale di una copia di The Hateful Eight utilizzata per la visione da parte dei membri delle giurie di alcuni premi.
Il gruppo che ha effettuato l'upload del materiale ha successivamente porto le proprie scuse a Quentin Tarantino per gli eventuali danni causati, sottolineando però di aver acquistato il video da qualcuno che lo vendeva lungo la strada e che lo avevano condiviso su internet per permettere a chi non può permettersi i soldi del biglietto al cinema.
«MAGGIORE VISIBILITÀ AL FILM». I responsabili di Hive-CM8 hanno inoltre sostenuto che la notizia della comparsa del file piratato abbia aiutato il lungometraggio ad avere maggiore visibilità e spazio sui mezzi di comunicazione.
Le indagini sull'origine della copia piratata di The Hateful Eight portavano invece alla Alcon entertainment e al produttore Andrew Kosove che, tuttavia, ha negato di aver mai avuto in suo possesso il dvd incriminato.

10. Greg Nicotero: un vero esperto in trucco 'horror'

Quentin Tarantino ha collaborato ancora una volta con Greg Nicotero, famoso per il suo lavoro nella serie The Walking Dead, per realizzare le sanguinose scene inserite nel film. I due hanno già lavorato insieme in occasioni di Bastardi senza gloria, i due capitoli di Kill Bill e Django Unchained.
UNA RICETTA SPECIALE PER IL SANGUE FINTO. Secondo alcune indiscrezioni, inoltre, il regista avrebbe una sua personale ricetta per realizzare la grande quantità di sangue finto versata ogni volta durante le riprese dei suoi film.

 

  • Il trailer di The Hateful Eight.

 

Regia: Quentin Tarantino; genere: western (Usa, 2015); attori: Samuel L. Jackson, Kurt Russell, Walton Goggins, Jennifer Jason Leigh, Tim Roth, Michael Madsen, Bruce Dern, Demian Bichir, Zoe Bell, Dana Gourrier, James Parks, Channing Tatum, Gene Jones, Keith Jefferson, Craig Stark, Belinda Owino, Quentin Tarantino.

 

Twitter @B_P81

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
prev
next