Francesca Balzani a cena dal finanziere Micheli

Tra gli invitati, Urbano Cairo, Cesare Rimini, Manfredi Catella, Ornella Vanoni e Stefano Boeri.

di

|

22 Gennaio 2016

Francesca Balzani.

(© Imagoeconomica) Francesca Balzani.

Il finanziere rosso Francesco Micheli, presidente di Mito, esponente economico e politico di spicco a Milano, ha organizzato per la sera di venerdì 22 gennaio una cena con amici dove l'ospite d'onore sarà Francesca Balzani, l'assessore al Bilancio della giunta Pisapia in corsa per le primarie di centrosinistra.
Non è un novità, dal momento che le cene a casa di Micheli, situata dietro il Castello Sforzesco, sono ormai una consuetudine quando iniziano le battaglie elettorali per palazzo Marino.
Non si tratta di una raccolta fondi. «Apro le porte ai miei amici, per fare quattro chiacchiere sulla politica», ha spiegato diverse volte.
E non è detto che nei prossimi giorni questi appuntamenti conviviali possano moltiplicarsi anche con altri candidati.
ALTRI INVITATI: DA CAIRO A BOERI. Del resto già ai tempi della sfida del 2011, le cene con Letizia Moratti e Pisapia fecero discutere i salotti del capoluogo lombardo.
Micheli è stato spesso descritto come un uomo dei 'poteri forti', capace di mettere insieme intorno a un tavolo il numero uno di Pirelli Marco, Tronchetti Provera, e il presidente del Consiglio di Sorveglianza di Intesa San Paolo, Giovanni Bazoli.
Secondo quanto si apprende, alla cena parteciperanno Urbano Cairo del Gruppo Cairo Editore, l'architello Stefano Boeri, l'economista Severino Salvemini, Manfredi Catella di Hines, l'avvocato Cesare Rimini, il notatio Piergaetano Marchetti, presidente della Fondazione Corriere della Sera e la cantante Ornella Vanoni.
Nomi che contano. E che di certo potrebbero pesare nella sfida con gli altri numerosi poteri forti che sostengono Giuseppe Sala, l'ex amministratore delegato di Expo 2015 che gioca per vincere a Milano, sin dalle primarie.   

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Isis, l'evoluzione della propaganda anti-Turchia

Nel 2016 sono tre gli attentati attribuiti da Ankara al Califfato. Che però nega. Pur definendo Erdogan un «apostata». E paragonando Istanbul al Vaticano.

prev
next