L'Inail diventa il nuovo «bancomat» del governo

Dall'acquisto delle quote Bankitalia al salvataggio dell'ente Eur: tramite l'istituto Renzi risolve le grane dell'esecutivo. Il prossimo passo? L'edilizia scolastica.

di

|

24 Dicembre 2015

La sede dell'Inail.

La sede dell'Inail.

I critici di Palazzo Chigi dicono che il vero obiettivo di Matteo Renzi sia mettere le mani sulla cassa.
Un tesoro, in larga parte saldamente deposito a interessi zero, che vale 27,6 miliardi di euro.
Un po' come, secondo qualcuno, voleva fare Giulio Tremonti.
L'ATTIVISMO FINANZIARIO DELL'INAIL. Fatto che sta che con la fine dell'anno l'Inail registra un'accelerazione nel suo attivismo finanziario.
Nelle ultime ore l'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro ha prima rilevato per 264 milioni di euro quattro stabili dall'ente Eur (l'Archivio di Stato, il Palazzo della Polizia scientifica, quello della Scienza e quello delle Arti e tradizioni popolari).
Quindi ha annunciato di aver acquistato dall'Inps per 150 milioni di euro il 2% di Bankitalia.
L'ALT DEI COMMISSARI GIUDIZIARI. Tutto bene? Non proprio. Perché come nel caso della vendita dei palazzi dell'Eur, i commissari giudiziari nominati dal Tribunale fallimentare a luglio bloccarono l'operazione: «L’offerta dell'Inail per l’acquisto di quattro palazzi di Eur spa non solo non è assistita da garanzie, ma risulta condizionata all’omologazione da parte del Tribunale», spiegarono. Ipotesi smentita dagli enti interessati.
Le categorie poi chiedono che l'ente usi il suo tesoretto per abbassare i premi per le imprese. Ma la cosa non spaventa il governo.
Pare che nei prossimi mesi Renzi chiederà all'Inail uno sforzo in più sui progetti del governo per l'housing sociale e la ristrutturazione delle scuole.

Risorse superiori a quelle degli altri enti pubblici

Pier Carlo Padoan e Matteo Renzi.

(© Imagoeconomica) Pier Carlo Padoan e Matteo Renzi.

Come detto, l'istituto guidato da Massimo De Felice ha risorse spesso impensabili per gli altri enti pubblici economici. Che tornano utili all'azionista governo per sistemare un po' di partite sospese.
Innanzitutto lo sta utilizzando come cuscinetto per smussare la guerra – sempre più palese – tra la controllata del Tesoro Invimit e la Cassa depositi e prestiti sul controllo degli immobili pubblici.
Infatti ha investito 440 milioni di euro per entrare nella Sgr di via XX settembre, in attesa che al dicastero guidato da Pier Carlo Padoan decidano cosa fare di questo comparto, sempre più appetito in via Goito.
Ma soprattutto lo statuto e le ultime modifiche normative hanno permesso all'Inail, in quanto realtà assicurativa, di tornare a investire per rivalutare il patrimonio.
IL SALVATAGGIO DELL'ENTE EUR. E tanto basta per fare dell'ente uno strumento per aiutare il governo a risolvere non poche grane.
È stato così quando si doveva salvare l'ente Eur sommerso dai debiti, che senza i 265 milioni appena incassati non avrebbe potuto evitare il fallimento o finire i lavori della Nuvola di Fuksas. Cioè della struttura che è alla base dei più ampi progetti di riqualificazione del quartiere modernista di Roma, che sogna di diventare quello che non è mai veramente stato: a metà tra grande centro direzionale e cittadella amministrativa, a un tiro di schioppo dall'autostrada e dal centro occupato dai ministeri.
BANKITALIA, L'INPS SCENDE AL 3%. Nella stessa logica l'acquisto del 2% di Bankitalia nelle mani di Inps. Un'operazione che in questo modo ha permesso all’ente previdenziale di scendere al 3%, come prevede la riforma del governo Renzi sull’azionariato di Palazzo Koch inserita nel decreto Imu.
Nelle prossime settimane l'Inail dovrebbe concludere per circa 130 milioni l'acquisto della sede del ministero della Salute all'Eur, lasciandolo al dicastero a prezzo calmierato.
Uno schema che permette all'ente di garantirsi introiti sicuri e al pubblico di abbassare il costo degli affitti.
Il tutto per la gioia dei privati, che difficilmente venderebbero a prezzi interessanti questi stabili che la crisi rende sempre meno appetibili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati




Dalla nostra HomePage
prev
next