Luxottica, via l'ad Adil Khan: deleghe a Del Vecchio

Lascia l'azienda dopo un solo anno, con buonuscita di 7 milioni: «In tre non eravamo efficienti». Del Vecchio diventa presidente esecutivo. Nel 2015 fatturato di 8,8 miliardi.

29 Gennaio 2016

Adil Mehboob-Khan, ex ad mercati di Luxottica.

(© Ansa) Adil Mehboob-Khan, ex ad mercati di Luxottica.

Il consiglio di amministrazione di Luxottica ha deciso: l'amministratore delegato Adil Mehboob-Khan, arrivato nell'ottobre del 2014, lascia il gruppo dell'occhialeria.
Il presidente e maggior azionista, Leonardo Del Vecchio, assume tutte le sue deleghe, quelle sui mercati, e diventa presidente esecutivo. Mentre l'altro amministratore delegato, Massimo Vian, che si occupa del prodotto, rimane al suo posto con deleghe invariate.
RISOLUZIONE CONSENSUALE. «Non c'è stato alcun contrasto su alcun argomento con il cavaliere Del Vecchio: è un tema di semplificazione del management, in tre non eravamo abbastanza efficienti», ha dichiarato Khan, precisando che per ora non ha «nuovi approdi professionali definiti» e che lascerà l'azienda a febbraio. Secondo il manager, nato a Londra da padre pakistano e madre italo-ungherese, «fare il cambio in un momento di forza è sempre la cosa migliore».
BUONUSCITA DI 7 MILIONI DI EURO. La sua buonuscita? «Pari alla somma complessiva lorda di 6.800.000 euro, oltre alle competenze di fine rapporto, a fronte della risoluzione consensuale che avverrà con effetto dal 29 febbraio, e del rapporto di amministrazione cessato in data odierna», si legge in una nota del gruppo. A tale incentivo, «si aggiunge la somma lorda 200 mila euro, che verrà corrisposta nell'ambito di una transazione generale novativa, a fronte della rinuncia da parte di Adil Mehboob-Khan nei confronti di Luxottica Group e di ogni altra società del gruppo a ogni domanda o diritto comunque connessi o occasionati dagli intercorsi rapporti di lavoro e di amministrazione e dalla loro risoluzione».
DEL VECCHIO: «SERVE SPIRITO IMPRENDITORIALE». Leonardo Del Vecchio, presidente di Luxottica, ha spiegato così il cambio al vertice: «La mia decisione di assumere deleghe operative e dare un contributo più attivo al management deriva dalla consapevolezza che in questo nuovo scenario di mercato e per accelerare l'evoluzione in corso nell'area mercati ci vuole un rinnovato spirito imprenditoriale». Un passaggio che «rappresenta inoltre la garanzia che crescita, efficienza e investimenti rimangono priorità»
LUXOTTICA, NEL 2015 CRESCITA DEL 4,3%. Massimo Vian ha commentato: «È stato un anno di grande collaborazione e risultati», e ha confermato la presentazione del nuovo piano industriale per i primi di marzo. Il 2015 di Luxottica è stato un anno decisamente positivo. Il fatturato ammonta a 8,8 miliardi, in crescita del 4,3% a cambi costanti rispetto al 2014. Il dato 'adjusted' supera i 9 miliardi, in aumento del 5,5% mentre i ricavi della divisione wholesale crescono di quasi il 7%, quelli del retail del 2,3%. Nel solo quarto trimestre 2015 il fatturato del gruppo è salito del 2%. L'area Asia e Pacifico, in particolare, ha chiuso con un incremento dei ricavi del 5,5% a cambi costanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati




Dalla nostra HomePage
Arte e criminalità organizzata: un business miliardario

Le due tele di Van Gogh ritrovate nel Napoletano? Forse un ''rapimento'' della camorra. Che funge da assicurazione. Aste, affari all'estero e traffico di falsi. Il fenomeno spiegato dallo storico Campiglio.

prev
next