Sanremo, Ceres regina del marketing pop

Dalle elezioni al Festival. Il brand sfrutta al meglio la potenza della Rete.

09 Febbraio 2016

In occasione del Festival di Sanremo, gli utenti di Twitter non hanno potuto non notare in cima ai trending topic l'hashtag #SanremoCeres.
Si tratta solo dell'ultima prova di marketing pop da parte del brand che già in passato si è distinto per la sua capacità di sfruttare gli argomenti più discussi del momento, soprattutto sui social.   

 



L'ABITO DELLA SANTANCHÈ. Alla prima della Scala aveva fatto scalpore l'abito verde di Daniela Santanchè e Ceres aveva colto l'occasione per postare un tweet che recitava: «Heineken ti siamo vicini» e «Don’t drink & La Scala».
LA CAMPAGNA PER LE ELEZIONI. Memorabile anche la campagna per le elezioni da parte dell'azienda di birra, con frasi sui cartelli pubblicitari come «Gli eroi non si astengono», «Prima si vota, poi si beve. Non come le altre volte» e «Bottiglie aperte solo a urne chiuse».
LA POLEMICA SULLE STATUE COPERTE. Ceres ha saputo sfruttare anche la recente polemica sulle statue coperte nei musei di Roma per la visita del presidente iraniano Hassan Rohani con un post in cui compaiono un pannello-frigo e la scritta «tra le birre siamo un monumento».
VELOCITÀ, FURBIZIA E UMORISMO. Gianluca Comin, professore di Strategie di Comunicazione alla Luiss di Roma, ha spiegato su Lettera43.it che «velocità, furbizia e una buona dose di umorismo» rendono un brand «capace di sfruttare la potenza della Rete e mettere in atto strategie di real time marketing».
«Come per le crisi, è necessario monitorare attentamente gli eventi e le notizie di attualità. Bisogna istituire un team dedicato – in questo caso interno alla funzione digital media – che sia in grado di agire in maniera autonoma e comunicare al suo interno per creare contenuti in linea con l’evento accaduto».
CONTENUTI VIRALI. Se da un lato è importante toccare le corde emozionali del proprio target di riferimento, dall'altro non bisogna scadere nella banalità, nel già visto e nella volgarità.
«Il real time marketing», spiega Comin, «se ben sfruttato, con intelligenza e ironia, è in grado di generare enormi risultati in termini di engagement, rendendo i contenuti dell’azienda virali e visibili a un grande numero di persone».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Isis, l'evoluzione della propaganda anti-Turchia

Nel 2016 sono tre gli attentati attribuiti da Ankara al Califfato. Che però nega. Pur definendo Erdogan un «apostata». E paragonando Istanbul al Vaticano.

prev
next