Arriva la srl semplificata

14 Gennaio 2012

Il pacchetto di liberalizzazioni allo studio del governo Monti prevede anche un importante cambiamento per le società a responsabilità limitata, che, se il decreto diventerà legge, potranno essere costituite in forma semplificata, senza l'intervento del notaio. NEL DECRETO ARRIVA L'ARTICOLO 2463 BIS. Nelle bozze di decreto sulle liberalizzazioni arriva infatti l’articolo 2463-bis, che si aggiunge alla norma del Codice civile che regola la costituzione delle società a responsabilità limitata. Per poter aprire una società secondo le nuove norme, bisogna avere meno di 35 anni: la società deve conservare una compagine sociale giovane, perché al compimento del 35esimo anno il socio è escluso di diritto (viene richiamata la norma codicistica che regola l’esclusione del socio per giusta causa). È comunque possibile evitare l'esclusione del socio: in questo caso la società deve trasformarsi in una normale società a responsabilità limitata, oppure in società per azioni. CAPITALE SIMBOLICO DI UN EURO, NIENTE NOTAIO. La nuova forma societaria non prevede un capitale sociale minimo, ma solo la misura simbolica di un euro. Un altro aspetto di semplificazione riguarda la costituzione della società, per la quale non è più necessario rivolgersi a un notaio, ma è sufficiente la comunicazione unica telematica al Registro delle imprese. La nuova società è inoltre esonerata dal pagamento dei diritti di segreteria e di bollo. Occorre comunque un atto costitutivo, che indichi gli elementi previsti dall’articolo 2463 del Codice civile; nell'atto il costituente deve attestare di essere in possesso dei requisiti di età e  di aver versato l’ammontare di capitale previsto. Nella denominazione si deve inoltre indicare che si tratta di «società semplificata a responsabilità limitata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Il presidente della commissione Ue Jean-Claude Juncker e il commissario dimissionario per i Servizi finanziari Jonathan Hill.
Brexit, i rappresentanti Uk sgraditi a …

Londra temporeggia, ma Juncker vuole il divorzio rapido. Così i gli esponenti britannici dell'Ue si sentono di troppo. E arrivano le prime dimissioni.

prev
next