Boom (+21,3%) per la Cig a luglio

07 Agosto 2012

Nuovo boom per la cassa integrazione a luglio e oltre 525 mila lavoratori a zero ore nei primi sette mesi. Secondo le elaborazioni della Cgil, da inizio anno le ore totali di cig sono state 639.490.295 (+8,76% sul 2011) e nel mese di luglio 115.729.889, in forte aumento sia su giugno 2012 (+21,32%) sia su luglio 2011 (+44,20%). Il ricorso alla cassa mostra un rialzo complessivo «che non si registrava da ottobre 2010», segnala il sindacato. LA RECESSIONE CONSOLIDA IL RICORSO AGLI AMMORTIZZATORI. I pesanti incrementi della cassa integrazione sono, secondo la Cgil, un «segnale inequivocabile di come si stia tornando ai livelli più pesanti mai toccati dalla crisi produttiva, con la recessione che consolida l'aumento negativo della cig» e che si «andrà ben oltre il miliardo di ore di cassa integrazione anche per il 2012». «Troppe crisi industriali sul tavolo del Governo, aperte da mesi ed anni, senza prospettiva e in un continuo logoramento che prefigura solo chiusure definitive», osserva il segretario confederale Elena Lattuada, che rimarca il bisogno di politiche industriali. LA LOMBARDIA E' LA REGIONE DOVE SI FA MAGGIORE RICORSO ALLA CASSA. L'impennata di luglio riguarda tutte le tipologie con la cassa ordinaria (cigo) a 34.526.520 ore (+11,56% su giugno), la straordinaria (cigs) a 44.614.924 ore (+19,59%) e quella in deroga (cigd) a 36.588.445 (+34,84%). Quanto ai dati dei sette mesi c'é un aumento del 45,25% per la cigo e del 6,76% per la cigd, mentre la cigs cala del 9,60%. La Lombardia è la regione con il ricorso più alto alla cassa (143.393.626 ore da gennaio), mentre il settore più coinvolto è la meccanica (203.455.514 ore), seguito da commercio ed edilizia. Considerando i lavoratori equivalenti a zero ore, si arriva a 525.897 persone per un taglio del reddito totale di oltre 2,4 miliardi, 4.663 euro a testa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Angela Merkel e Matteo Renzi a Maranello. Nel riquadro, l'analista politica Rosa Balfour.
Flessibilità, perché l'asse italo-tedesco …

Il premier vede Merkel. Ma per allentare il patto di stabilità «serve un progetto coi socialisti Ue», dice l'analista Balfour. Come su migranti e Brexit. Lo spunto.

Vestager, la donna incubo delle multinazionali

Vuole scucire ad Apple 13 miliardi. E inchioda Google, Fiat, Starbucks, Gazprom. Così la commissaria Vestager prova a dimostrare che l'Ue non è solo burocrazia.

prev
next