Confapi, le piccole imprese si dividono

26 Luglio 2012

L'imprenditore umbro Gabriele Chiocchi, leader dei separatisti di Confapi.

L'imprenditore umbro Gabriele Chiocchi, leader dei separatisti di Confapi.

Doveva essere l'assemblea per l'elezione del nuovo presidente. Ma la riunione che la Confapi (Confederazione italiana della piccola e media industria privata) ha tenuto il 26 luglio a Roma, si è trasformata nel teatro dello scontro fra fazioni opposte. CHIOCCHI GUIDA LA DIASPORA. Capeggiati da Gabriele Chiocchi, fino a questo momento presidente di Confapi Umbria, i rappresentanti di 15 organizzazioni (5.000 imprese con più di 75 mila occupati) hanno annunciato l'addio a Confai e hanno abbandonato la sala decidendo di riunirsi in un altro luogo per dare vita a un progetto di una nuova entità che rappresenterà gli interessi delle pmi in Italia. 12 ASSOCIAZIONI AVEVANO GIA' ABBANDONATO CONFAPI. «Ad uscire dalla assemblea Confapi», ha detto Chiocchi, «sono stati i rappresentanti delle 15 organizzazioni delle aree economicamente più importanti del Paese. Il nostro intento è quello di ridare ruolo e voce al sistema delle pmi in Italia, oltre che quello di riaggregare anche le altre 12 associazioni che hanno già abbandonato Confapi nei mesi scorsi». In questo modo, attorno al progetto di un nuovo organismo, potrebbero aderire complessivamente circa 10 mila imprese per 155 mila dipendenti. CASASCO ELETTO PRESIDENTE. FINISCE L'ERA GALASSI. Intanto, l'assise ha proceduto a rinn0vare il vertice dell'associazione. Dopo 7 anni, si è chiusa la gestione di Paolo Galassi. La leadership è passata per il prossimo triennio a Maurizio Casasco. Bresciano d'adozione, Casasco è presidente e amministratore delegato di un'azienda operante nel settore della diagnostica strumentale, e ricopre la carica di presidente della Federazione Medico Sportiva Italiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Italia, il dato sul Pil avvicina la manovra bis

L'Istat certifica una crescita sotto le attese. E rafforza la posizione dei falchi Ue. Che chiedono a Renzi una correzione dei conti. Già nella primavera del 2016.

Turchia, Erdogan tiene in pugno la Nato

L'Alleanza manda le navi nel Mar Egeo. Ufficialmente per l'emergenza migranti. In realtà cede al ricatto turco. Fonti interne: «Poveri noi, bistrattati e sviliti».

prev
next