Debito pubblico record a giugno

13 Agosto 2012

Il debito delle Amministrazioni pubbliche a giugno è aumentato di 6,6 miliardi rispetto a maggio con un nuovo massimo storico pari a 1.972,9. Lo rende noto una nota della Banca d'Italia. L'aumento,spiega Palazzo Koch, è «dovuto principalmente all'incremento delle disponibilità liquide detenute dal Tesoro (di 10,3 miliardi, a 46,1) e a scarti di emissione (1,7 miliardi), che hanno più che compensato l'avanzo di 5,4 miliardi registrato nel mese». L'avanzo è ridotto per 0,2 miliardi (1,4 miliardi nello stesso mese del 2011) per la quota di pertinenza dell'Italia delle erogazioni Efsf. Senza queste erogazioni, l'avanzo del mese sarebbe stato pari a 5,6 miliardi (2,6 miliardi superiore rispetto al corrispondente periodo del 2011), spiega Bankitalia. IN CRESCITA ANCHE LE ENTRATE: +2 MILIARDI. Sono invece cresciute le entrate tributarie nel mese di giugno. Quelle contabilizzate nel bilancio dello Stato sono aumentate di 2,1 miliardi (5,8%) rispetto allo stesso mese del 2011 grazia all'Imu e all'accise sull'energia. Secondo Bankitalia nei primi sei mesi le entrate sono aumentate di 3,7 miliardi (+2,1%). BOT, IL 13 AGOSTO PIAZZATI 8 MILIARDI A UN ANNO. Il 13 agosto, intanto, c'è stata una nuova asta di buoni ordinari del tesoro. Asta positiva il 13 agosto per il Tesoro, che ha collocato sul mercato tutti gli 8 miliardi di euro di Bot a un anno, registrando un rendimento medio del 2,767%, di pochissimo superiore al 2,697% dell'asta di luglio. Buona la domanda, che ha superato di 1,69 volte l'importo offerto, in rialzo rispetto all'1,55 del mese scorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati




Dalla nostra HomePage
Duello Clinton-Trump, le cose da sapere

Sempre più vicini nei sondaggi. Hillary deve ritrovare la fiducia degli elettori. Donald corteggia i moderati. I temi della sfida in tivù da 100 milioni di spettatori.

Csm, la riforma non elimina il potere delle correnti

Approvato il nuovo regolamento. Per il vicepresidente Legnini palazzo dei Marescialli diventa una «casa di vetro». Ma Galoppi (MI): «Si poteva fare di più»

prev
next