Milano chiude in rialzo, +2,13%

20 Giugno 2012

Buona seduta a Piazza Affari (Ftse Mib +2,13%), maglia rosa in Europa grazie alla corsa delle banche sull'onda del miglioramento dello spread Btp-Bund. A dar fiato al listino è l'idea che il fondo salvastati Efsf possa essere usato per l'acquisto di titoli di stato dei paesi deboli della zona euro. MEDIOBANCA GUIDA LA VOLATA. Mediolanum (+6,7%) e Mediobanca (+6,27%) guidano la volata delle banche, che coinvolge anche Bper (+6,35%) e Mps (+5,89%), quest'ultima anche grazie alle indiscrezioni su una prossima chiusura della vendita di Biverbanca. In linea con l'indice il gruppo Ligresti e Unipol (+1,58%): Fonsai (+1,55%), Milano (+2,13%), Premafin (+2,36%). Finmeccanica inanella un altro corposo rialzo (+6,87%), seguita da Fiat (+5,14%). Bene anche Telecom (+3,86%) già ieri in luce sulle ipotesi, peraltro smentite, di scorporo della rete con l'intervento della Cdp. CORRONO MEDIASET E ARENA. Un report di Mediobanca con previsioni rassicuranti sulla pubblicità in giugno aiuta il settore editoriale a partire da Mediaset (+5,32%). Rialzo a due cifre per Arena (+21,05%) dopo che la società ha imboccato la via del concordato preventivo per evitare il fallimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Conduttori in tivù, il grande riciclo delle poltrone RISIKO
Mediaset, ora Berlusconi teme la scalata di Bolloré

Rottura tra il Biscione e Vivendi. Il Cavaliere sospetta una manovra dei francesi. Che sfrutterebbero la debolezza del titolo. Fermandosi prima della soglia Opa.

Conduttori in tivù, il grande riciclo delle poltrone RICOLLOCAZIONE
Conduttori in tivù, il grande riciclo delle poltrone

Con Semprini in Rai, Giannini verso La7. Porro a Matrix. Belpietro su Rete4. Telese ci prova coi reportage. Lerner e Santoro in Viale Mazzini. Il gran turnover.

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Jeremy Corbyn.
Brexit, il Labour tra caso Corbyn e …

Mentre May vede i leader Ue, Corbyn è alle prese con tensioni interne al partito. L'ala centrista vuole farlo fuori. Con nuove regole. E cresce il rischio scissione.

Terrore, la narcosi della coscienza ci può salvare

Nizza, Monaco, Rouen: ci abitueremo al male. E l'ossessiva ricerca di soluzioni risulta ripetitiva e inefficace. Successe già negli Anni 70. L'analisi di Lia Celi.

prev
next