Piazza Affari chiude negativa (-2,37%)

08 Maggio 2012

Seduta negativa, l'8 maggio, per Piazza Affari. Il Ftse Mib ha perso infatti il 2,37% a 13.936 punti mentre il Ftse All Share il 2,15% a 14.973 punti. MAGLIA NERA A FINMECCANICA E A2A. I peggiori, tra i titoli a maggiore capitalizzazione, sono stati A2A (-6,87%) e Finmeccanica (-5,97%), seguiti da  Saipem (-5,44%) e Stm (-5,33%). Male anche Lottomatica (-4,59%), Fiat (-4,11%) e Luxottica (-4%). MALE I BANCARI, PESANTE MPS. In rosso il comparto bancario con il Monte dei Paschi di Siena che ha lasciato sul terreno il 4,27%, dopo la bocciatura da parte di Societé Generale che consiglia di vendere il titolo. Tra gli altri a perdere quota anche il Banco Popolare (-4,34%), Intesa Sanpaolo (-3,57%) e UniCredit (-2,11%). In tenuta soltanto la Banca Popolare di Milano (+0,53%). PIAGGIO IN LIEVE CALO NONOSTANTE I CONTI. Seduta in rosso per Piaggio nonostante i buoni risultati registrati nel primo trimestre, archiviato con un utile netto di 3,2 milioni di euro, ovvero con una crescita di 3 milioni rispetto ad un anno fa. Le azioni, risentendo del calo dei mercati, hanno chiuso in calo dello 0,92 per cento. TELECOM ITALIA MEDIA A PICCO. Seduta a picco per le azioni Telecom Italia Media in attesa di novità sul futuro assetto di controllo. Le azioni della società proprietaria del canale La7, il 7 maggio erano volate del 20% sulle voci di una possibile cessione, mentre l'8 hanno perso l'8,23 per cento a 0,16 euro (volumi di scambi pari allo 0,5% del capitale). A dettare la frenata ha contribuito anche la smentita del gruppo l'Espresso. La casa editrice ha fatto sapere infatti che non è in corso nessuna trattativa. Il 9 maggio sono in calendario i consigli di Telecom e di Ti Media.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Italia, il dato sul Pil avvicina la manovra bis

L'Istat certifica una crescita sotto le attese. E rafforza la posizione dei falchi Ue. Che chiedono a Renzi una correzione dei conti. Già nella primavera del 2016.

Turchia, Erdogan tiene in pugno la Nato

L'Alleanza manda le navi nel Mar Egeo. Ufficialmente per l'emergenza migranti. In realtà cede al ricatto turco. Fonti interne: «Poveri noi, bistrattati e sviliti».

prev
next