S&P torna a colpire le banche

04 Agosto 2012

Standard & Poor's torna a colpire l'Italia. Nuova mazzata per per 15 banche. Tutte declassate. TRA I BOCCIATI: MPS E UBI. Tra queste: Mps, passata da BBB a BBB-  e Ubi, in discesa da BBB+ a BBB -. Sempre per restare alle banche maggiori, sono state bocciate Carige (da BBB- a BB+), la Popolare dell'Emilia Romagna (da BBB a BB+), la Popolare di Milano (da BBB- a BB+) e la Popolare di Vicenza (da BBB- a BB+). L'AGENZIE PREOCCUPATA DAGLI EFFETTI DELLA RECESSIONE. Il giudizio dell'agenzia americana è stato motivato con l'innalzamento del rischio economico del Paese e il peggioramento delle previsioni sull'evoluzione del Pil in Italia (-2,1% nel 2012 e -0,4% nel 2013): «La recessione sarà più forte e lunga del previsto», si legge nella nota di S&P's, «e per questo riteniamo che la vulnerabilità delle banche italiane al rischio di credito dell'economia stia aumentando». INVARIATI I GIUDIZI PER UNICREDIT E INTESA. I declassamenti più pesanti sono toccati alla Bcc di Conversano (da BBB- a BB+), Dexia Crediop (da BB- a B+), Eurofidi (da BBB- a BB+) e Banca Akros (da BBB- a BB+). Questo downgrade, rende per le banche considerate "junk" ancora più difficile il finanziamento sui mercati internazionali. Invariati i giudizi su Intesa e UniCredit, a poche ore dalla semestrale, così come quello su Mediobanca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Italia, il dato sul Pil avvicina la manovra bis

L'Istat certifica una crescita sotto le attese. E rafforza la posizione dei falchi Ue. Che chiedono a Renzi una correzione dei conti. Già nella primavera del 2016.

Turchia, Erdogan tiene in pugno la Nato

L'Alleanza manda le navi nel Mar Egeo. Ufficialmente per l'emergenza migranti. In realtà cede al ricatto turco. Fonti interne: «Poveri noi, bistrattati e sviliti».

prev
next