S&P torna a colpire le banche

04 Agosto 2012

Standard & Poor's torna a colpire l'Italia. Nuova mazzata per per 15 banche. Tutte declassate. TRA I BOCCIATI: MPS E UBI. Tra queste: Mps, passata da BBB a BBB-  e Ubi, in discesa da BBB+ a BBB -. Sempre per restare alle banche maggiori, sono state bocciate Carige (da BBB- a BB+), la Popolare dell'Emilia Romagna (da BBB a BB+), la Popolare di Milano (da BBB- a BB+) e la Popolare di Vicenza (da BBB- a BB+). L'AGENZIE PREOCCUPATA DAGLI EFFETTI DELLA RECESSIONE. Il giudizio dell'agenzia americana è stato motivato con l'innalzamento del rischio economico del Paese e il peggioramento delle previsioni sull'evoluzione del Pil in Italia (-2,1% nel 2012 e -0,4% nel 2013): «La recessione sarà più forte e lunga del previsto», si legge nella nota di S&P's, «e per questo riteniamo che la vulnerabilità delle banche italiane al rischio di credito dell'economia stia aumentando». INVARIATI I GIUDIZI PER UNICREDIT E INTESA. I declassamenti più pesanti sono toccati alla Bcc di Conversano (da BBB- a BB+), Dexia Crediop (da BB- a B+), Eurofidi (da BBB- a BB+) e Banca Akros (da BBB- a BB+). Questo downgrade, rende per le banche considerate "junk" ancora più difficile il finanziamento sui mercati internazionali. Invariati i giudizi su Intesa e UniCredit, a poche ore dalla semestrale, così come quello su Mediobanca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Terrore, la narcosi della coscienza ci può salvare

Nizza, Monaco, Rouen: ci abitueremo al male. E l'ossessiva ricerca di soluzioni risulta ripetitiva e inefficace. Successe già negli Anni 70. L'analisi di Lia Celi.

Brexit, il Labour tra caso Corbyn e spaccatura

Mentre May vede i leader Ue, Corbyn è alle prese con tensioni interne al partito. L'ala centrista vuole farlo fuori. Con nuove regole. E cresce il rischio scissione.

prev
next