Suntech, lascia Zhengrong Shi

16 Agosto 2012

Zhengrong Shi lascia la carica di amministratore delegato del gruppo Suntech Power Holdings. Dopo l'annuncio, arrivato a sorpresa dal fondatore, il primo produttore di pannelli solari al mondo sarà ora guidato da David King. KING, UN NON CINESE ALLA GUIDA DEL GRUPPO. Una nomina arrivata inattesa per i mercati: King non è di nazionalità cinese ed è entrato da meno di un anno nel gruppo. Nella nota, Shi afferma che, «considerato il momento critico dell'industria solare che comporta difficoltà da affrontare e opportunità da cogliere, ritiene di dover impiegare il suo tempo nel guidare strategicamente la società, costruendo relazioni con partner chiave e guidando lo sviluppo della tecnologia». Da parte sua King, entrato in Suntech nel 2011 come direttore finanziario, ha fatto sapere di augurarsudi «lavorare con Shi per affrontare le sfide a breve termine, continuando a guidare la crescita e rafforzare la  la posizione di leadership di Suntech».  NESSUN CENNO ALLA TRUFFA DEI FALSI BUND. Nel comunicato ufficiale non ci sono cenni alla maxi truffa da oltre mezzo miliardo di euro, di cui Suntech è caduta vittima mentre stava portando avanti un investimento in Sud Italia. Il 30 luglio scorso, infatti, il gruppo cinese aveva fatto sapere che i Bund tedeschi del valore di 560 milioni posti come garanzia per un mega investimento in Puglia e Sicilia erano falsi.  Già nel 2009 erano arrivate le prime segnalazioni al riguardo del fondo di private equity Mandarin Capital Partners, che con alcune email alla China Development Bank (Cdb) aveva cercato di mettere in guardia la società dall'investimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Emissioni, l'Ue alza i livelli e si sbugiarda

Il dieselgate? Dimenticato. Bruxelles aumenta i limiti dei gas delle macchine. Sconfessando una sua legge del 2007. Il M5s: «È l'ennesimo favore alle lobby».

prev
next