Borsa, il liveblogging del 21 gennaio 2016

Draghi annuncia un possibile nuovo intervento a marzo, per riportare l'inflazione attorno al 2%. Borse europee in territorio positivo, Milano la migliore: +4,2%. Sprint Mps: +43%.

21 Gennaio 2016

(© Ansa)

Ci si attendeva una nuova giornata di forti ribassi per le Borse mondiali, zavorrate dagli sbalzi nei prezzi del petrolio e dalle banche in costante difficoltà.
E invece i listini europei hanno reagito nel giorno della decisione della Bce sui tassi e della successiva conferenza stampa del presidente Mario Draghi.
INTERVENTO BCE A MARZO. L'istituto ha lasciato tutto invariato: il tasso principale di rifinanziamento al minimo storico dello 0,05%, quello sui depositi bancari a -0,30% e quello sui prestiti marginali allo 0,30%. Ma Draghi ha balenato la possibilità di nuovi interventi a marzo: «I rischi al ribasso sono aumentati nel nuovo anno per l’incertezza sui mercati emergenti, la volatilità sui mercati finanziari e l’instabilità geopolitica. Questo crea pressioni al ribasso sull’inflazione e potrebbe richiedere una revisione della politica monetaria in marzo».
MILANO LA MIGLIORE IN EUROPA. Dopo le parole del presidente della Bce, Piazza Affari ha premuto sull'acceleratore e ha superato tutte le altre Borse del Vecchio Continente attestandosi a +4,2%.
BALZO DI MPS: +43%. Sprint dei titoli bancari, congelati più volte al rialzo. In particolare Mps, dopo le perdite dei giorni scorsi, ha chiuso con un balzo del 43,15% e ha riagguantato così la soglia dei 2 miliardi di capitalizzazione.

Liveblogging

 

17.35 - MILANO CHIUDE IN FORTE RIALZO: +4,2%. Chiusura di seduta in forte rialzo per Piazza Affari. L'indice Ftse Mib ha guadagnato il 4,2% a 18.723 punti.


16.42 - LE BORSE CREDONO IN DRAGHI, MILANO +4%. Le Borse europee credono alle parole di Mario Draghi e accelerano nonostante l'andamento più cauto di Wall Street dopo dati contrastanti dagli Usa. Milano (+4%) continua a dare la linea, seguita a distanza da Parigi (+1,7%), Francoforte (+1,4%), Madrid (+1,34%) e Londra (+1,18%). Corrono i bancari, dopo le rassicurazioni del presidente della Bce, da Mps (+42,55% a 0,72 euro) a Carige (+32%), congelate più volte al rialzo. Bene anche Bper (+10,75%), Banco Popolare (+8%), Unicredit (+7,45%) e Bpm (+6%). In luce gli automobilistici Fca (+5,56%), Volkswagen (+5,07%), Porsche (+4,71%), Renault (+4,38%) e Peugeot (+4,36%). Rally delle materie prime con Glencore (+11,67%), Bhp (+9,21%) e ArcelorMittal (+8,39%) spinte dai rialzi dei metalli di base.

 

15.48 - DRAGHI: «PER I CREDITI DETERIORATI CI VUOLE TEMPO». Il presidente della Bce Mario Draghi ha toccato il tema del questionario inviato dalla Vigilanza a diverse banche nell'area euro, fra cui quelle italiane, che ha provocato forti tensioni in Borsa: «Non è un'iniziativa che vuole spingere le banche a risolvere urgentemente il tema dei crediti, sappiamo che ci vuole molto tempo», ha spiegato Draghi. Il senso del questionario «rientra nelle buone pratiche sulla gestione dei crediti deteriorati ed è stato inviato a molte banche in diversi Paesi».

 

15.15 - MILANO +3,8%. Guida i rialzi delle borse europee Piazza Affari (Ftse Mib +3,85%), arrivata a guadagnare fino al 4% dopo le parole di Mario Draghi. Sprint di Parigi (+2,4%), Francoforte (+2%) e Madrid (+1,9%), mentre Londra (+1,3%) resta indietro. In luce in Piazza Affari le banche, da Mps (+39,71%), congelata al rialzo insieme a Carige (+32,19%), a Unicredit (+7,18%) e Bpm (+6,33%). Bene Mediaset (+5,03%) ed Fca (+5,16%), seguita da Ferrari (+3%).

 

15.04 - PIAZZA AFFARI ACCELERA. Accelera Piazza Affari e guadagna il 4% a 18.687 punti dopo le parole di Mario Draghi. Congelate al rialzo Mps (+41% teorico) e Unicredit, mentre rientrano le Popolari con rialzi di oltre il 6% per Banco (+6,45%) e Ubi (+6,98%), mentre Bpm guadagna il 7,5%.

 

15.00 - DRAGHI ANNUNCIA: «POSSIBILI NUOVE MISURE A MARZO». «I tassi sono rimasti fermi e resteranno così per un lungo periodo di tempo», ha detto Draghi in conferenza stampa. «Con l'inizio del 2016 i rischi al ribasso sono aumentati di nuovo, c'è volatilità e in questo contesto l'inflazione resta debole. Le aspettative per l'inflazione si sono indebolite rispetto a dicembre e i tassi possono scivolare in territorio negativo nei prossimi mesi, risalendo nella seconda parte dell'anno». La Bce è quindi «pronta ad agire e a mettere in campo tutti gli strumenti a sua disposizione» per raggiungere l'obiettivo di un tasso d'inflazione vicino, ma sotto al 2%. Al momento, «non vediamo nessun segnale circa una potenziale instabilità finanziaria come prima della crisi», ribadendo tuttavia che «non ci sono limiti» all'azione della Bce all'interno del suo mandato.

 

14.10 - MPS TORNA AI DUE MILIARDI DI CAPITALIZZAZIONE. Mps vola in Borsa a quota 0,6875 euro per azione e ritrova la soglia dei 2 miliardi di capitalizzazione, persa nei giorni scorsi. Il titolo, ora sospeso al rialzo segna un teorico +35,29%.

 

13.45 - LA BCE LASCIA I TASSI INVARIATI. La Banca centrale europea ha lasciato il tasso principale di rifinanziamento al minimo storico dello 0,05%. Il tasso sui depositi bancari resta fermo a -0,30% e quello sui prestiti marginali allo 0,30%. Migliorano le Borse europee:  Milano (+1,83% a 18.296 punti) è la migliore, ma allungano il passo anche Parigi (+0,73%), Madrid (+0,%) e Francoforte (+0,8%), mentre resta più cauta Londra (+0,5%). Nuovo stop al rialzo per Mps (+31% teorico), mentre Carige (+24%) prosegue la corsa.

 

13.48 - MPS, RIMBALZONE DEL 33%. Mps, dopo essere sprofondata del 22% mercoledì 20 gennaio, recupera il 33%. Mps è una «banca importante che ha fondamentali forti, ha grande liquidità e immagino stia cercando soluzioni di mercato per irrobustirsi ulteriormente, come ha già detto l'amministratore delegato Fabrizio Viola», ha detto il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan. «Il mercato in condizioni normali - ha spiegato il ministro - genera risultati convenienti a chi vende e a chi compra. L'obiettivo di Mps  ma anche di altre banche del sistema italiano è di rafforzarsi, aumentare il proprio capitale che permette di dare più credito alle imprese ma anche di resistere meglio alle turbolenze. È un processo che sta interessando anche altre banche italiane anche grazie alle misure prese dal governo, come la riforma delle banche popolari approvata l'anno scorso».

 

10.34 - CONTINUA A CORRERE MPS, +17,5%. Le Borse europee non riescono a consolidare i guadagni d'inizio seduta e girano in negativo in attesa delle parole del presidente della Bce, Mario Draghi. I listini del Vecchio Continente perdono ora mediamente lo 0,2%, mentre Piazza Affari resta fortemente volatile: dopo aver ampliato il calo intorno a mezzo punto percentuale adesso guadagna lo 0,28%. Incerte Londra e Francoforte che hanno azzerato i guadagni. A Milano continua a correre Mps (+17,5%) dopo i tonfi delle scorse sedute, mentre sprofonda Saipem che al momento resta in asta di volatilità (-11,8% teorico).

 

10.09 - MILANO VOLATILE, PERSO LO 0,3%. Forte volatilità su Piazza Affari dove il Ftse Mib ha improvvisamente girato in negativo (-0,30% a 17.917 punti). Sospese dagli scambi Mps e Saipem.

 

9.45 - EUROPA IN CERCA DI RIMBALZO, MILANO +1,5%. Le Borse europee cercano il rimbalzo dopo la scia negativa delle ultime sedute. I listini del Vecchio Continente crescono mediamente dell'1%, mentre Piazza Affari guida i rialzi con il Ftse Mib che cresce dell'1,5%. Sotto i riflettori ancora Mps, già protagonista di una caduta senza precedenti: adesso il titolo della banca senese vola del 20% a quota 0,61 euro. Sempre a Milano, occhi sulle popolari che salgono di circa 3 punti percentuali con il Banco Popolare, la Bpm e la Bper. Denaro anche su UniCredit, che ha lanciato un'operazione da oltre 1,8 miliardi per il riacquisto di bond subordinati. Maglia nera del listino, infine, Saipem, sospesa con un calo teorico del 7,4% in vista dell'aumento di capitale da 3,5 miliardi a forte sconto.

 

9.29 - IL TITOLO DI MPS VOLA A +20%. Mps torna a scambiare in Borsa e il titolo vola del 20% a 0,60 euro.

 

9.22 - FRANCOFORTE POSITIVA, +0,32%. Borsa di Francoforte positiva in apertura con il Dax che sale dello 0,32% a 9.417 punti.

 

9.21 - PARIGI CAUTA A +0,21%. Apertura cauta per la Borsa di Parigi. Il Cac 40 sale dello 0,16% a 4.128 punti.

 

9.18 - LONDRA APRE A +0,5%. Apre in rialzo la Borsa di Londra: il Ftse 100 sale dello 0,5% a 5.699 punti.

 

9.14 - MPS CERCA IL RISCATTO, +9%. Monte dei Paschi cerca il riscatto in Borsa con il titolo che è già stato congelato per eccesso di rialzo, segnando un +4% teorico. Adesso le azioni sono tornate agli scambi e salgono del 9%.(

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Forte terremoto 6.0 vicino a Rieti

Violenta scossa nel Reatino. Crolli e vittime dal Lazio alle Marche (le immagini). Il sindaco di Amatrice: «Metà paese non c'è più». Si scava sotto le macerie. Live.

prev
next