Borsa, la cronaca del 28 gennaio 2016

Milano maglia nera tra le europee con Ftse Mib -3,5%. Pesanti i bancari: Unicredit cede il 6,5% e Intesa Sanpaolo il 5%. Positivi i petroliferi sulle attese di un taglio alla produzione di greggio.

28 Gennaio 2016

La Borsa di Milano

(© Ansa) La Borsa di Milano

Pesante rosso a Piazza Affari in una giornata caratterizzata dalla debolezza dei bancari dopo il piano sulle sofferenze che non convince appieno gli analisti. Sul fronte petrolifero si segnala invece un parziale recupero che si è poi ridimensionato nel finale. 
FTSE MIB -3,5%. A Milano, maglia nera tra le Borse europee, il Ftse Mib segna -3,5% a 18.189 punti; l'Allshare cede il 3,2%. Sulle altre piazze del Vecchio continente Francoforte cede il 2,4%, Parigi -1,3% e Londra -1%.
UNICREDIT -6,5%, INTESA -5%. Tra i bancari Bpm perde il 9,8%, Mps, in attesa dei conti, il 7,9%, Bper il 7,5%, Banco Popolare e Ubi il 5,8%. Colpite dalle vendite anche Unicredit (-6,5%) e Intesa Sanpaolo (-5%).
Pesante Fca a - 7,2% dopo che ieri, mercoledì 27, sono stati diffusi i conti 2015. Telecom cede il 6%.
POSITIVE ENI E SAIPEM. Tengono i petroliferi sulle attese di un taglio alla produzione di petrolio per sostenere i prezzi. Positive Eni (+0,2%), Tenaris (+0,3%) e Saipem (+3%).

 

 


 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati




Dalla nostra HomePage
prev
next