Borsa, la cronaca del 5 febbraio 2016

Wall Street negativa sull'aumento del numero dei lavoratori inferiore alle attese trascina l'Europa al ribasso. A Milano Ftse Mib -2,13%. Bancari in sofferenza con Intesa -3,87% dopo i conti. Sprofonda Finmeccanica.

05 Febbraio 2016

Chiusura di settimana in rosso per Piazza Affari con Ftse Mib -2,13% a 17.250 punti e All Share -2,11%.
In calo anche Francoforte (-1,14%), Londra (-0,86%) e Parigi (-0,67%) sulla scia di Wall Street dopo la pubblicazione dei dati sul mercato del lavoro Usa.
PESA L'OCCUPAZIONE USA. A gennaio il numero di occupati è aumentato di 151 mila nuovi addetti, meno di quanto si attendesse. Tuttavia il tasso di disoccupazione è sceso dal 5 al 4,9% ai minimi dal febbraio 2008. 
INTESA IN ROSSO DOPO LA TRIMESTRALE. A Milano pesante Intesa dopo la trimestrale. Il titolo ha vissuto rialzo fino a oltre il 4% per poi cedere il 3,87%. Pur apprezzando il dividendo oltre le stime, vari analisti considerano i risultati al di sotto delle attese a causa del rialzo dei costi del personale.
PESANTI BPM E BP. Male anche Bpm (-5,75%) e Banco Popolare (-5,67%), che i rumor vogliono vicine alla fusione. Bper (-2,09%).
Brilla Mps (+3,51%) in attesa dei conti. Positive Carige (+2,03%) e Ubi (+1,96%). 
SAIPEM -1,79%. Saipem chiude a -1,79% ma è andata peggio per i diritti di opzione: il valore in mano agli azionisti è sceso a 331 milioni di euro. In due settimane è stato bruciato l'82% del valore di borsa dei titoli.
AFFONDA FINMECCANICA. Sprofonda Finmeccanica con -5,8% dopo le notizie su ritardi per la firma del contratto per 28 caccia Eurofighters da vendere al Kuwait.
Brilla invece Cnh con +6,23%. Positivi Tenaris (+3,1%), Buzzi (+1,13%) e Fca (+1,1%).
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Tiro al bersaglio su Parisi

L'attacco di Bisignani. Le trame di Verdini e Toti. I malumori dentro Forza Italia. L'ex Chili è nel mirino. E i suoi nemici si fregano le mani. Scaglia in primis.

prev
next