Ferrari debutta alla Borsa di Milano

Il titolo scende subito sotto la quota di partenza, ma risale dopo una sospensione. Chiusura in leggero rialzo (+0,53%). Borse europee a picco dopo il crollo dei listini cinesi.

04 Gennaio 2016

(© Ansa)

Un Palazzo della Borsa rosso Ferrari, con le bandiere della casa di Maranello sulla facciata, ha accolto lunedì 4 gennaio il debutto del Cavallino Rampante. Un esordio positivo ma senza exploit, in una giornata complicata per i listini mondiali. Shangai e Shenzen hanno chiuso in anticipo, mentre perdevano più del 7%. Wall Street ha registrato la peggiore apertura dal 1932, con il Dow Jones sceso brevemente sotto la soglia psicologica dei 17 mila punti. E in tutta Europa c'è stata un'ondata di vendite, con Milano in calo del 3,2% e l'indice del Vecchio continente Stoxx 600 che ha bruciato 264 miliardi. Ferrari, in questo contesto, ha tenuto, chiudendo le contrattazioni con un +0,53% a 43,67 euro.
AZIONI SEPARATE A WALL STREET E PIAZZA AFFARI. La separazione da Fiat Chrysler Automobiles, dopo 47 anni di unione, si è così ufficialmente consumata anche in Italia. Il processo di assimilazione di Ferrari in Fiat era iniziato infatti nel lontano nel 1969, con una quota di partenza del 50%. Ora invece le azioni della casa di Maranello correranno da sole sia a Wall Street, sia alla Borsa di Milano, come deciso dall’assemblea dello scorso 2 dicembre ad Amsterdam. A Piazza Affari l'avvio delle contrattazioni è iniziato alle 9. La campanella di inizio quotazione è stata suonata dal presidente Ferrari, Sergio Marchionne, e dal presidente di Fca, John Elkann e Piero Ferrari.
DEBUTTO, SOSPENSIONE E RIPARTENZA. Ferrari debutta a Piazza Affari a 43 euro per azione. E dopo uno scivolone iniziale, con il titolo sceso sotto quota 42 euro e sospeso dalle contrattazioni per alcuni minuti, Ferrari è risalita a quota 43,39 euro (comunque circa l'1,5% in meno rispetto all'ultima seduta a Wall Street).
La capitalizzazione di mercato è di circa 7,92 miliardi di euro.
Il titolo Ferrari aveva chiuso a 48 dollari (circa 44 euro ad azione) a Wall Street nell'ultima seduta dello scorso anno, con una capitalizzazione di mercato di circa 8,32 miliardi di euro.
LA PRIMA VOLTA DELLA ROSSA A NEW YORK. La Rossa di Maranello aveva debuttato sul listino di New York a 52 dollari ad azione lo scorso ottobre, pari a circa 47,73 euro.
Davanti al Palazzo della Borsa, come era avvenuto a New York in occasione della quotazione a Wall Street, è esposta l'intera gamma della casa di Maranello: una decina di modelli tra i quali l'ultima nata, la F12 Tdf.
Fca apre la seduta a Piazza Affari a 8,48 euro per azione dopo che è diventato operativo lo scorporo della Ferrari. Fca aveva chiuso l'ultima seduta dell'anno a 12,92 euro, con una capitalizzazione di mercato di 16,6 miliardi. L'80% di Ferrari in pancia a Fca valeva, all'ultima chiusura di New York, circa 6,65 miliardi di euro.

Renzi in pole position a Piazza Affari

Il 4 gennaio il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha partecipato al debutto del titolo Ferrari a Piazza Affari.

(© Ansa) Il 4 gennaio il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha partecipato al debutto del titolo Ferrari a Piazza Affari.

Alla cerimonia presente anche il presidente del Consiglio Matteo Renzi. Ad accoglierlo fra gli altri il presidente Ferrari, Sergio Marchionne, il presidente di Fca, John Elkann, e il vicesindaco di Milano, Francesca Balzani.
«Forse Marchionne lo avrebbe fatto comunque», ha detto Renzi parlando alla Borsa di Milano, «ma in un viaggio a Melfi con lui e John Elkann avevamo chiesto tre cose: sfruttare appieno il jobs act e con le assunzioni a Chieti è stato fatto, non dimenticare l'Ilva e su questo ci sono segnali importanti, e quotare anche a Milano. Magari ci aveva già pensato, ma voglio ringraziarlo lo stesso», ha detto.
Il premier ha poi rivendicato «i risultati eccezionali» di Borsa Italiana che ha chiuso un 2015 con un +13,2%, risultato per cui si è complimentato e ha aggiunto che questa è una «straordinaria occasione per gli investitori, per chi crede che la bellezza si coniughi all'innovazione e all'ingegneria».
MARCHIONNE RINGRAZIA. Per il premier, «il mercato non è una minaccia, e la globalizzazione è una grande opportunità. Quest'operazione in fondo è il segno che il capitalismo di relazione è finito, e che è il tempo dell'apertura e della trasparenza», ha detto in un'intervista al quotidiano La stampa.
A ringraziare Renzi è stato Marchionne che proprio al presidente del Consiglio ha dedicato le prime parole del suo discorso alla Borsa di Milano dopo il debutto del titolo Ferrari: «Gli siamo molto grati per la sua presenza qui e per quello che sta facendo per il Paese», ha detto il presidente Ferrari che poi ha parlato del futuro in Formula 1 di Ferrari, «è iniziato l'anno del ritorno in vetta. La squadra c'è, è forte e in corsa, ci manca poco per arrivare al livello degli avversari. Gli investimenti non mancheranno», ha detto il presidente di Ferrari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Canoi 04/gen/2016 | 10 :25

Delle due l'una: a) Renzi è un gufo; b) la quotazione di Ferrari viene letta come uno dei bidoni meglio congegnati della storia della Borsa.

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati




Dalla nostra HomePage
Duello Clinton-Trump, le cose da sapere

Sempre più vicini nei sondaggi. Hillary deve ritrovare la fiducia degli elettori. Donald corteggia i moderati. I temi della sfida in tivù da 100 milioni di spettatori.

Csm, la riforma non elimina il potere delle correnti

Approvato il nuovo regolamento. Per il vicepresidente Legnini palazzo dei Marescialli diventa una «casa di vetro». Ma Galoppi (MI): «Si poteva fare di più»

prev
next