VERSO IL CONCLAVE

Ior, la minaccia del Vaticano

L'idea dei porporati: sciogliere l'istituto.

25 Febbraio 2013

L'idea choc viene dai porporati stranieri: fare a meno dell'Istituto per le opere di religione (Ior) per far scomparire migliaia di conti riservati. E un bel numero di segreti.
A decidere il futuro dello Ior, però, è il papa e quindi il destino della banca vaticana è nelle mani del successo di Benedetto XVI che alle 20 di giovedì 28 febbraio si appresta a lasciare la Santa sede con destinazione Castel Gandolfo.
Lo Ior, secondo quanto svelato dal quotidiano La Repubblica, è indicato come uno dei temi più importanti da affrontare nelle cosiddette Congregazioni generali, le giornate di discussioni sul futuro della Chiesa e sul nuovo pontefice che sono in agenda dal 1 marzo.
SCANDALI E RIFORMA DELLA CURIA. Ma non c'è solo la banca del Vaticano tra gli argomenti in programma. Di estrema attualità anche l'evangelizzazione all'estero (il 2013 è l'anno della fede), la riforma della Curia (Joseph Ratzinger ha ammesso di non essere riuscito a rivoluzionare) e poi ci sono gli scandali che hanno segnato indelebilmente il pontificato di Bendetto XVI.
Eppure il nodo più importante è quello dello Ior. E il suo possibile scioglimento.
CORDATA GUIDATA DA SCHOENBORN. A sponsorizzare l'idea di chiudere l'istituto vaticano è un gruppo di cardinali, irritati da tempo per la gestione dello Ior, considerato come uno dei protagonisti per i danni dell'immagine della Santa sede a livello internazionale.
A farsi portavoce del malcontento è l'arcivescovo di Vienna Christoph Schoenborn, considerato un conservatore illuminato e indicato da molti come possibile successore di Ratzinger, di cui è stato allievo.
Il porporato potrebbe essere quindi in grado di riunire intorno a sé una serie di eminenze, in gran parte straniere, pronte a schierarsi contro la gestione 'italiana' dello Ior, ovvero il segretario di Stato Tarcisio Bertone e il suo predecessore Angelo Sodano. E non importa che Benedetto XVI abbia appena confermato Ernst Von Freyberg (manager tedesco) al vertice dell'istituto dopo l'uscita di scena di Ettore Gotti Tedeschi.
ACCORDO CON BANCA STRANIERA. Tuttavia, in caso di scioglimento dello Ior, i cardinali dovrebbero pensare a un'alternativa credibile. Da qui l'idea di un accordo con una banca straniera.
L'istituto vaticano, infatti, è considerato come una fonte continua di problemi per la Santa sede: dallo scandalo Enimont, al crac dell'Ambrosiano. E poi la presenza di personaggi come Michele Sindona e monsignor Paul Marcinkus, che ha presieduto lo Ior per 18 anni.
La banca, nata nel 1942 per volere di Pio XII, è stata quindi spesso criticata sia per la sua gestione spregiudicata sia per i suoi numerosi privilegi. Si racconta infatti, che quando Giovanni Paolo II, dopo lo scandalo Calvi, chiese la lista dei correntisti dello Ior, si sentì rispondere che non era possibile violare la riservatezza dei clienti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

volverin 25/feb/2013 | 09:43

Non capisco come la chiesa possa assumere il ruolo di faro e guida nel mondo quando la sua banca è intasata dagli scandali e sicuramente farà la banca con tutte le conseguenze morali che ne derivano che non coincidono certamente con la "morale" cattolica . Non capisco soprattutto come fa a dettare regole morali come il no all'eutanasia , no ai contraccettivi e no alle unioni civili quando al suo interno protegge e tutela la pedofilia? Come fa il (pseudo) cardinale di Bologna a dare indicazioni di voto e non schierarsi apertamente contro la casta vaticana che copre i pedofili all'interno della chiesa?

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Le TOP 5 di oggi
1. PAURA Canada, spari al parlamento di Ottawa 2. EUROLANDIA Manovra, arrivata la lettera Ue all'Italia 3. VERTICE Legge di stabilità, incontro governo-Regioni 4. RIPICCA Foto osè per vendicarsi di Mediaset, Emilio Fede indagato 5. CRONACA Usa, uomo scavalca il cancello della Casa Bianca
Dalla nostra HomePage
L43 Twitter
prev
next