Apri/chiudi Tab
Le top 10 news di oggi chiudi
Le inchieste di Lettera43 chiudi
Le grandi interviste di Lettera43 chiudi
L43 - Local L’informazione dalla tua città Invia
TUTTO ITALIA EUROPA AFRICA ASIA NORD-AMERICA SUD-AMERICA OCEANIA Login | Registrati |  Mercoledì, 23 Luglio 2014- 20.04

Economia 

Mediobanca, guerra alla tripla A tedesca

Proposta una vendita massiccia di Bund.

ECONOMIA

Mediobanca ha dichiarato guerra ad Angela Merkel.
L'istituto di credito italiano ha esortato i mercati ad attaccare la tripla A della Germania, considerata non più sostenibile, per «svelare il bluff» di Berlino.
Secondo un report degli analisti bancari di Mediobanca Securities, la mossa che i mercati dovrebbero fare per cercare di chiudere la partita della crisi europea consiste in «una vendita massiccia di Bund tedeschi» che faccia salire i rendimenti dei titoli della Germania e metta il governo della Merkel con le spalle al muro: smettere di tergiversare e dire se vuole uscire dall'area euro oppure allinearsi ai suoi partner europei, aprendo il paracadute degli eurobond.
«BERLINO PRENDE TEMPO». Secondo il team londinese di Mediobanca, capitanato da Antonio Guglielmi, «prima di ogni break-up» dell'area euro la Germania avrà due opzioni: «Quella di lasciare l'euro o di continuare a prendere tempo, come ha fatto fino ad ora».
Ma in ogni caso «i bassi rendimenti dei Bund non riflettono il rischio a cui la Germania andrebbe incontro in qualsiasi di queste opzioni. E cioè l'inaridirsi della domanda estera», dovuta alla morsa della recessione sul Vecchio Continente.
RISCHIO DA 600 MILIARDI. Il rischio di un break-up potrebbe costare a Berlino perdite «fino a 600 miliardi di euro, il 25% del suo prodotto interno lordo», cioè l'equivalente dell'esposizione sull'Eurozona, contro i 50-100 miliardi necessari per un nuovo salvataggio della Grecia.
Per questa ragione, Piazzetta Cuccia ritiene che il mercato, nel continuare a considerare la Germania un porto sicuro, «non si stia aiutando a chiudere la partita» della crisi.
«SFIDARE LA TRIPLA A». Lo spread tra gli eurobond e i Bund tedeschi a sette anni viene calcolato ipoteticamente in 145 punti base, contro gli 85 punti base di un anno fa: è dunque chiaro che «l'opzione di prendere tempo è troppo conveniente» per Berlino.
La proposta di Mediobanca è quella di «sfidare la tripla A della Germania che potrebbe essere il prossimo compito del mercato».
L'occasione potrebbe arrivare «dall'indebolimento della Spagna, potenzialmente bisognosa di un salvataggio, certamente in cerca di un fondo salva-banche».
BLUFF TEDESCO. Una vendita massiccia (sell-off) di Bund tedeschi, si legge nel report, «è la carta migliore per dirci se la Germania stia bluffando nel ridurre la distanza dai suoi partner europei».

Mercoledì, 06 Giugno 2012 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

L’informazione dalla tua città
Invia
borsa in diretta
Guida Fisco
Notizie e approfondimenti sulla Fiscalità Italiana.
La Guida Online su Fisco e Tasse in Italia!