Ilva Genova, i dipendenti occupano la fabbrica

Cortei e blocchi stradali. Così i lavoratori invocano il rispetto dell'accordo di programma. Foto.

25 Gennaio 2016

Uno stabilimento occupato e cortei per le strade di Genova. Così l'assemblea dei lavoratori dell'Ilva convocata da Fiom e Failms ha deciso per alzata di mano di manifestare il proprio dissenso nei confronti del governo. I dipendenti hanno occupato la rotonda che si trova tra la strada Guido Rossa e il terminal Spinelli a Cornigliano.
FUOCO AI COPERTONI. In 200 hanno effettuato un blocco stradale in via Cornigliano nei pressi della stazione, anche con grandi mezzi. Sono stati incendiati alcuni copertoni e un cassonetto è stato rovesciato in strada, che è stata chiusa al traffico.
«Pacta servanda sunt», si legge in uno degli striscioni, i patti vanno rispettati.
FIOM: «UNO SCHIAFFO ALLA CITTÀ». «Abbiamo deciso l'occupazione della fabbrica perché pensiamo che il governo abbia dato uno schiaffo alla città di Genova oltre che ai lavoratori dell'Ilva», ha detto Bruno Manganaro, leader della Fiom genovese. «Il governo vuole superare lo scoglio del 10 febbraio senza intimorire i privati con l'accordo di programma di Cornigliano. Il governo senza dichiararlo sta strappando l'accordo di programma, per questo dobbiamo alzare la voce per difendere reddito, posti di lavoro e stabilimento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Terrore, la narcosi della coscienza ci può salvare

Nizza, Monaco, Rouen: ci abitueremo al male. E l'ossessiva ricerca di soluzioni risulta ripetitiva e inefficace. Successe già negli Anni 70. L'analisi di Lia Celi.

Brexit, il Labour tra caso Corbyn e spaccatura

Mentre May vede i leader Ue, Corbyn è alle prese con tensioni interne al partito. L'ala centrista vuole farlo fuori. Con nuove regole. E cresce il rischio scissione.

prev
next