Matrimoni gay, i benefici per l'economia

Dal Portogallo agli Usa: le nozze omosex hanno effetti positivi sull'economia. Solo in California giro d'affari di 500 mln. E le agenzie dedicate si moltiplicano.

di

|

31 Gennaio 2016

Il Portogallo è una delle mete predilette dalle coppie omosessuali italiane che si sposano all'estero.

Il Portogallo è una delle mete predilette dalle coppie omosessuali italiane che si sposano all'estero.

Ogni anno circa un migliaio di coppie italiane omosessuali va all’estero per sposarsi.
Per ogni matrimonio che organizza (documenti, biglietti aerei, albergo e interprete il servizio minimo) la Travelgay di Genova guadagna circa 400–500 euro, se la cerimonia si tiene nel low cost Portogallo.
E come questa sono tante le agenzie che stanno spuntando sul territorio nazionale per un business che – ai minimi termini – vale almeno mezzo milione di euro.
Ma potrebbe decuplicarsi all’infinito, se si aprisse anche ai viaggi di nozze.
L'ELDORADO È IL PORTOGALLO. La politica ancora litiga se votare o meno il disegno di legge di Cirinnà, ma l’economia si è mostrata sull’argomento più laica e ha capito che si poteva guadagnare garantendo a tutti il diritto di vedersi riconosciuta legalmente la propria relazione.
Anche Gianmarco Casavecchia, 44 anni e direttore commerciale della Travelgay, tre anni fa è volato in Portogallo per sposare il suo compagno. Perché, come la maggioranza della sua clientela, ha scelto il Paese lusitano è semplice: «Consente alle coppie dello stesso sesso di sposarsi anche se non sono residenti, a differenza della Francia o della Spagna, dove uno dei due coniugi deve avere la cittadinanza. E poi ha costi molto bassi rispetto all’altra nazionale europea, più libera dal punto di vista amministrativo su questo versante: la Norvegia».
Dove per un bicchiere di vino in un bar si pagano anche 10 euro.

Il pacchetto costa 1.900 euro tutto compreso

L'articolo citato da Casavecchia.

L'articolo citato da Casavecchia.

La felicità – con il pacchetto minimo – ha il prezzo fisso di 1.900 euro.
Per questa cifra la Travelgay (ma le altre agenzie non sono meno convenienti) offre alla coppia istruttoria matrimoniale, voli, tre notti in hotel, la sala cerimonia, l’interprete presso la conservatoria quando si dice sì o si deve avere la apostillatura del certificato.
«Perché in Portogallo, al di là del basso costo della vita, i ristoranti fanno pagare soltanto i coperti: non come da noi dove c’è da riconoscere anche un extracosto per la location. Noi consigliamo Oporto, perché ha delle bellissime vedute sull’Oceano e romantiche cantine. Ma abbiamo anche organizzato un matrimonio stile Abba a Las Vegas». Costato però 10 volte di più.
LA CALIFORNIA SI ARRICCHISCE. Il Williams Institute, autorevole think tank della Ucla University, ha calcolato che entro un anno il giro d’affari legato alle nozze gay sfiorerà nella sola California il mezzo miliardo di dollari.
A New York il Comune incassa con le pratiche circa 300 milioni l’anno. Il banchiere Jamie Dimon, capo di Jp Morgan, ha dichiarato che «l’introduzione dei matrimoni gay è un bene per la nostra compagnia e per i nostri clienti» e ha sempre sostenuto la causa della comunità Lgbt.
«Anche perché i gay tendono a godersi di più la vita e le lesbiche hanno una maggiore stabilità finanziaria», nota dal suo osservatorio Casavecchia.
PROSSIMA TAPPA: I VIAGGI DI NOZZE. In Spagna sono sorte apposite agenzie con personale che parla l’italiano per aiutare le coppie con l’eterologa (si spendono fino a 13 mila euro per tre impiantazioni). In India molte donne guadagnano il doppio del loro stipendio dando i loro ovuli per coppie americane.
«In Portogallo», aggiunge il direttore commerciale della Travelgay, «è uscito anche un articolo nel quale ci ringraziano, ringraziano il bigottismo italiano che permette loro di far guadagnare sia l’industria locale dell’accoglienza sia la burocrazia locale».
L'Italia, dopo la Cirinnà, potrebbe fare lo stesso. Ma rischia così di saltare il business delle agenzie come la Travelgay: «In teoria sì. In pratica, se fossero finalmente permesse le nozze gay potremmo aprirci a un comparto ancora più lucroso: i viaggi di nozze, al momento monopolio degli etero».

 

Twitter @FrrrrrPacifico

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Canoi 31/gen/2016 | 11 :51

@adl. Egregio, non sono stupito. Matrimonio gay fa buona economia, se no, no! Do qualche suggerimento, gratis, per fare ottima economia che, ricordo, è diretta conseguenza della velocità con cui "corre" la moneta (Keynes grande economista e, si diceva, omosessuale). Liberalizzazione delle droghe, pesanti e leggere da far gravare solo di IVA 22%; liberalizzazione del servizio di meretricio (maschile femminile)da gravare solo del 22% di IVA; riduzione dei costi di Giustizia mediante immediata impiccagione per i condannati (solo in primo grado) a pene superiori a 5 anni ovvero obbligo di espatrio con le colonne di migranti; abolizione dell'Esercito, Marina e Aviazione e appalto del "servizio" dopo gara competitiva riservata a migranti da Africa e Medio Oriente, totale liberalizzazione del matrimonio omo ed anche etero.... Parola d'ordine, d'ora in poi, liberalizzazione totale: ne abbiamo bisogno perché la nostra economia bloccata da EU s'offre (si con l'apostrofo!) Ora basta. Egregio adl ed anche Magron, ho appena letto una "nota" di provenienza EU sulla bad bank, lunga e per me difficile che rileggerò; ma una cosa è chiara: chi l'ha emessa fa risalire la crisi bancaria in USA prima di tutto po in Irlanda, Spagna, Italia ora, alla forzatura di politiche economiche, quasi sempre l'immobiliare, fuori dal normale stimolo della soddisfazione di un bisogno. Se non ho capito male quando un Governo, ovvero spontaneamente, spinge una attività, per esempio appunto l'immobiliare, fuori dal meccanismo virtuoso i prodotti non vengono più acquistati. Siccome queste attività sono fatte con anticipazioni bancarie l'insolvenza è certa e le conseguenze pure. Ho semplificato per me. Conclusione: chi è causa del suo mal, pianga se stesso. Ohh, non dimentichiamo, queste "aperture" vengono sempre dall'America.

adl 31/gen/2016 | 10 :58

ECCO COSA COMBINANO I TROGLODITI DEL FAMILY DAY...................
Se costoro non rompessero le cosiddette IL PIL AVREBBE UN IMPULSO DA + 12% l'anno.
EVVAI CON LE MULTINANZIONALI TIPO PLANNED PARENTHOOD, a proposito, al SISTEMA MEDIATICO POL.CORR., ed a tutti gli/le NEWSPICKERS, è sfuggita la notiziuola del commercio dei feti finanziati dai fondi federali dell'avanzatissima America che sanziona la Russia. A tutti succede di sbagliare ogni tanto in modo collettivo e sincronizzato.
E' VERO IL PIL AVREBBE UN BOTTO DA FAR IMPALLIDIRE LA CINA, ed al prossimo TELEFISCO si potrebbero porre interessanti quesiti sulle opportunità fiscali varate dai GENDERGOFILI, GENDERNEGAZIONISTI, E GENDERELARGIZIONISTI governativi, della serie:
- La locazione uterina abituale in quale regime fiscale va tassata ???
- Va a SPLIT PAYMENT oppure a REVERSE CHARGE ????
- Se una locatrice d'utero occasionale riceve da un ELTONGIORGIO, 250 MILA EURO, OLTRE AGLI OVVI STRUMENTI DI TRACCIABILITA', dovrà dichiarare la somma oppure no ?????
- Se dovrà dichiararla, è obbligata anche a presentare come le partite IVA, i consueti adempimenti semplificati tipo REDDITOMETRI, SPESOMETRI, PUTTANOMETRI, STUDI DI SETTORE, 730 PRECOMPILATI, MODELLI ISEE, e via dicendo ????
GRANDI OPPORTUNITA' DI BUSINESS VANNO IN FUMO per colpa dei TROGLODITI ANTIDEMOCRATICI FAMILYDAYNI CHE RIFIUTANO DI IMITARE LE GRANDI NAZIONI AVANZATE E PROGREDITE ESEMPI DI MODERNITA' ED INNOVAZIONE ECONOMICA E MORALE !!!!!!!

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Rai, perché i maxi stipendi non sono l'unico problema

Paghe d'oro? Odiose. Ma Viale Mazzini ha anche altri sprechi. Come i 14 canali. Contro i 6 della Bbc. O la lottizzazione. Il prof Doglio: «Mammut senza identità».

prev
next