Debito pubblico, nuovo record: 2.166,3 miliardi

Bankitalia: a maggio è aumentato di 20 mld sul mese precedente.

14 Luglio 2014

La facciata della Banca d'Italia.

(© Ansa) La facciata della Banca d'Italia.

Nuovo record assoluto per il debito pubblico che a maggio è aumentato di 20 miliardi sul mese precedente e ha toccato quota 2.166,3 miliardi.
È quanto emerge dal Supplemento conti pubblici al bollettino statistico di Bankitalia. Dall'inizio dell'anno il debito è aumentato di 96 miliardi con una crescita del 4,7%.
AUMENTO DEBITO-PIL. L'aumento percentuale da inizio 2014, a fronte di una crescita dell'economia che si prevede di minore entità, lascia prevedere un aumento anche del rapporto debito-Pil.
L'incremento riflette per 5,5 miliardi il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche e per 14,9 miliardi l'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (pari a fine maggio a 92,3 miliardi; 62,4 a maggio 2013); l'emissione di titoli sopra la pari, l'apprezzamento dell'euro e gli effetti della rivalutazione dei Btp indicizzati all'inflazione (Btpi) hanno contenuto l'incremento del debito per 0,4 miliardi.
PESANO I CONTI DELLE AMMINISTRAZIONI CENTRALI. Con riferimento alla ripartizione per sottosettori emerge che a pesare sull'aumento è l'andamento dei conti delle amministrazioni centrali che hanno fatto segnare una crescita del debito di 20,9 miliardi a fronte di un calo di 0,9 miliardi delle amministrazioni locali è diminuito di 0,9 miliardi. Con una lettura di dettaglio si scopre che è calato il debito delle Regioni e delle Province Autonome, scendendo da 37,9 a 36,6 miliardi, è rimasto stabile quello delle province (a 8,4 miliardi) mentre è aumentato da 47,6 a 48 miliardi il debito dei Comuni. Il debito degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato.
ENTRATE TRIBUTARIE +1,6%. Nei primi cinque mesi dell'anno le entrate tributarie sono cresciute dell'1,6% (2,2 mld). La Banca d'Italia sottolinea come, tenendo conto di una disomogeneità nella contabilizzazione di alcuni incassi, le entrate tributarie sono aumentate solo lievemente. A maggio 31 mld incassi (+2,9%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Gustavo Gesualdo 15/lug/2014 | 00 :59

Il governo dei record miserabili
Governo renzi-berlusconi-alfano:
in pochi mesi batte x ben due volte il record del debito pubblico
+ spesa + disavanzo + deficit + debito =
DIMISSIONI IMMEDIATE
Gustavo Gesualdo, alias, il Cittadino X

Canoi 14/lug/2014 | 13 :36

La sostanza del nostro disastro è ben rappresentata (manca solo il debito previdenziale). Non ci sono commenti che possano rendere più esplicita la nostra condizione. D'ora in poi L43 non parli più delle "riforme" di Renzi. Non abbiamo bisogno di essere estraniati.

gallero 14/lug/2014 | 13 :19

per ridurre l'orrore hanno pure distinto tra debito e deficit
lo sprofondo del debbito è un problema solo per gli italiani normali,i governanti dicono che va tutto bene,che risolveremo senza problemi i ..loro ..problemi ,d'altra parte,da poltici che han votato per l'immunità parlamentare,cioè loro, cosa potremmo aspettare?

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati




Dalla nostra HomePage
prev
next