Dipendenti pubblici, il confronto con l'Europa

Viaggio nella giungla della Pa italiana.

di

|

04 Settembre 2014

Marianna Madia e Matteo Renzi.

Marianna Madia e Matteo Renzi.

La proroga del blocco dei contratti per oltre 3 milioni di dipendenti pubblici italiani, comunicata mercoledì 3 settembre dal ministro della Pubblica amministrazione Marianna Madia, preannuncia un autunno ancora più caldo di quanto immaginato finora.
LE PERDITE IN BUSTA PAGA. I sindacati hanno stimato perdite per 4.800 euro a lavoratore (600 euro per il 2015 e 4.200 dal 2010, anno in cui è iniziato lo stop, al 2014) e definito «intollerabile» la scelta del governo dicendosi pronti alla mobilitazione. A poco è servita la promessa di rendere strutturale il bonus degli 80 euro, di cui usufruiranno anche i lavoratori del pubblico impiego che guadagnano fino a 26 mila euro l’anno.
LA SCURE DOPO L’OK ALLA RIFORMA. Una decisione, peraltro già nell’aria, che arriva dopo l’approvazione della riforma della Pa targata Renzi-Madia che prevede fra le altre cose il dimezzamento dei permessi e dei distacchi sindacali e il trasferimento di un dipendente da un ufficio all’altro nel raggio di 50 chilometri senza motivazioni, misura da cui sono però esclusi i genitori con bambini sotto i tre anni o i soggetti che usufruiscono della legge 104 (l’assistenza ai parenti malati).
Un cambiamento di verso che, unito alle altre misure previste dal testo, dovrebbe favorire - almeno nelle intenzioni - la tanto agognata staffetta generazionale.

In Italia i dipendenti pubblici 'pesano' per l'11,1% del Pil

Una manifestazione dei dipendenti pubblici.

(© Ansa) Una manifestazione dei dipendenti pubblici.

Ce n’è comunque quanto basta per azionare la miccia in un Paese dove quello sulla Pubblica amministrazione è un dibattito annoso, una matassa difficile da sbrogliare.
Numeri alla mano, sia in termini quantitativi sia di spesa pubblica, la situazione di casa nostra non è molto diversa rispetto al resto d’Europa.
IN ITALIA 58 IMPIEGATI OGNI 1.000 ABITANTI. Un recente studio dell’Eurispes ha reso noto che in Italia si contano 58 impiegati nella Pa ogni 1.000 abitanti contro i 135 della Svezia, i 94 della Francia, i 92 del Regno Unito, i 65 della Spagna e i 54 della Germania. Inoltre, segnala sempre il rapporto, negli ultimi 10 anni l'Italia ha visto diminuire i propri dipendenti pubblici del 4,7%, mentre tutti gli altri hanno assunto: +36,1% in Irlanda, +29,6% in Spagna, +12,8% in Belgio e +9,5% nel Regno Unito.
RECORD ALLA LOMBARDIA. Distribuiti principalmente al Nord - con 409 mila addetti la Lombardia è la Regione con più dipendenti pubblici, seguita da Lazio e Campania - i lavoratori del pubblico impiego “pesano” per l’11,1% sul nostro Prodotto interno lordo. Anche in questo caso i numeri sono più bassi rispetto al resto dei partner europei. Basti pensare che in Danimarca il dato è pari al 19,2%, in Svezia e Finlandia al 14,4% mentre Francia, Belgio e Spagna spendono, rispettivamente, il 13,4%, il 12,6% e l’11,9% del Pil.
ETÀ MEDIA IN AUMENTO. Il rovescio della medaglia è però un progressivo aumento dell’età media dei dipendenti pubblici, cresciuta di due punti nel 2010 e oggi superiore a 50 anni: colpa del blocco del turnover e dell’aumento dell’età pensionabile. Il che però pone un problema di efficienza all’interno della Pa.
In Francia, per esempio, circa il 30% dei lavoratori pubblici ha meno di 35 anni, nel Regno Unito sono il 25% (uno su quattro) mentre in Italia solo il 10%. La percentuale di addetti sotto i 25 anni, inoltre, è pari all’1,3%: una miseria nonché il segno che il rapporto fra le università e la Pubblica amministrazione è tutt’altro che lineare.  

Gli squilibri: dirigenti ministeriali con stipendi d’oro e docenti malpagati

I docenti italiani sono sottopagati rispetto ai colleghi britannici.

I docenti italiani sono sottopagati rispetto ai colleghi britannici.

Un altro tasto dolente è quello che riguarda le retribuzioni delle diverse categorie di lavoratori. Spesso, infatti, quando si parla di «dipendenti pubblici» in modo generico ci si dimentica che al loro interno ci sono, per esempio, gli insegnanti e i dirigenti gallonati, che a fine mese mettono in tasca cifre molto diverse fra loro. Su Lavoce.info Roberto Perotti, economista e docente alla Bocconi di Milano, ha preso in esame gli stipendi di alcune tipologie di lavoratori del pubblico impiego confrontandoli con quelli del Regno Unito.
INSEGNANTI E VIGILI DEL FUOCO: MEGLIO LA GB. Raffrontando i salari di insegnanti e vigili del fuoco italiani con i loro omologhi britannici, il quadro che viene fuori è tutt’altro che esaltante. Nel primo caso, scrive Perotti, «le remunerazioni medie degli insegnanti sono più basse in Italia, sia in termini assoluti che in rapporto al Pil procapite».
Nel nostro Paese lo stipendio di un docente delle scuole elementari, nel quale sono incluse le indennità e le spese accessorie, è di 24.849 euro contro i 37.400 (in media) degli inglesi. Stesso discorso vale per gli insegnanti della scuola superiore: 28.547 euro è ciò che percepiscono i nostri, 41.930 quelli di Sua Maestà.
Non va diversamente se l’analisi si sposta sui vigili del fuoco. «Anche in questo caso», sostiene l’economista, «le remunerazioni britanniche sono nettamente maggiori, sia in valore assoluto sia in rapporto al Pil. In questo caso la differenza, sia assoluta sia percentuale, aumenta con il grado».
MINISTERI, VERTICI CON CIFRE A SEI ZERI. Perotti ha però analizzato anche un altro settore: quello dei dirigenti ministeriali. Il docente della Bocconi ha confrontato le retribuzioni dei vertici di quattro ministeri italiani (Politiche agricole, Esteri, Economia e Salute) con quelle degli omologhi britannici. Nel primo caso, l’Agricoltura, un capo di gabinetto italiano guadagna 275 mila euro contro i 192 mila del permanent undersecretary britannico: una differenza del 43%.
Al dicastero oggi guidato da Beatrice Lorenzin, invece, un direttore di dipartimento percepisce circa 294 mila euro, il 45% in più del permanent secretary inglese (192 mila).
PEROTTI: «TROPPI VERTICI E IPERPAGATI». «I dirigenti di vertice italiani sono troppi, e iperpagati», sottolinea Perotti. «Non esiste alcuna giustificazione per remunerazioni così alte. Semmai, ci si aspetterebbe l’opposto» visto che «i ministeri britannici competono nell’attrarre talenti con la City di Londra, che ha salari altissimi, mentre non esiste niente di comparabile a Roma».
Uno spread che, prima o poi, bisognerà necessariamente ridurre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

adl 05/set/2014 | 12 :03

LE BARZELLETTE ESILARANTI DEI REVOLUTIONGOVERNANTI COMICI A LORO INSAPUTA ???!!!!!
"GLI INSEGNANTI ED I PRECARI DEVONO MERITARSI LE PROMOZIONI E QUINDI GLI SCATTI DI RETRIBUZIONE".
Il principio è giusto in se ed andrebbe applicato ovviamente all'intera platea dei dipendenti pubblici con evidente priorità per i NABABBI A SCROCCO, o se non A SCROCCO, remunerati in maniera spropositata rispetto ad un benchmark, che potrebbe essere ad esempio lo stipendio dell'uomo più potente del mondo ovvero IL PRESIDENTE USA.
E' evidente che a parte le frasi in libertà non vigilata né controllata e le frasi da propaganda elettoralpoliticheggiante da MINCULPOP gentilmente diffuse in quantità enorme dalle varie casse di risonanza GIORNALAIA, in modo acritico e senza analisi ed approfondimento alcuno, da TV e carta stampata, SORGEREBBERO SPONTANEE ALCUNE DOMANDINE:
1) CHI CONTROLLA LA QUALITA' DEL LAVORO E LA CONGRUITA' DI RETRIBUZIONE DEI POLITICANTI INCLUSI PIANISTI CHITARRISTI TROMBONISTI E CHI PIU' NE HA NE METTA, DI STATO REGIONE COMUNI E QUALI PENALIZZAZIONI RETRIBUTIVE ESISTONO PER CODESTI GENERALMENTE SALVO RARISSIME ECCEZIONI, POCO MERITEVOLI SOGGETTONI DA AVANSPETTACOLO ???
2) CHI CONTROLLA LA QUALITA' DEL LAVORO DELLE DATTILOGRAFE E DEGLI STENOTIPISTI PARLAMENTARI PAGATI PRESSAPPOCO TANTO QUANTO IL PRESIDENTE USA E PRUDENZIALMENTE SALVAGUARDATI DALLA RECENTE RIFORMA CHE NON LI ELIMINA DAL SENATO FORSE MA NON E' SICURO, IN VIA DI ESTINZIONE ???
3) CHI CONTROLLA LA QUALITA' DEL LAVORO DEI DIPENDENTI DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE O DELLA BANCA D'ITALIA CHE RESISTE IMPERTERRITA CON MEGA RETRIBUZIONI NONOSTANTE ORMAI VOGLIANO FARE SPARIRE DEFINITIVAMENTE IL CONTANTE DAI CIRCUITI DELL'ECONOMIA NON ILLEGALE PER LASCIARNE IL MONOPOLIO ALLA ECONOMIA CRIMINALE ???
4) CHI CONTROLLA LA QUALITA' DEL LAVORO E LA CONGRUITA' DELLE RETRIBUZIONI DEI SALVATORI DELLE ALTRUI PATRIE, NONOSTANTE I MEGADISASTRI MACRO E MICROECONOMICI DA QUESTI CAUSATI GRAZIE ALLA VENERAZIONE ED AI SACRIFICI UMANI TRIBUTATI AL NUOVO VITELLO D'ORO OVVERO SUA MAESTA' LO SPREAD ????
SI POTREBBE CONTINUARE AD LIBITUM MA LE AMARE RISATE PROVOCATE DAI COMICI A LORO INSAPUTA, SONO TALI E TANTE CHE E' PREFERIBILE PIANTARLA QUI.

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Omicidio Sara, le cose da sapere

Confessa l'ex fidanzato. Gli inquirenti: «Bruciata viva. Ha chiesto aiuto, nessuno si è fermato». Dal ritrovamento del corpo alle ricostruzioni con le immagini di una videocamera, il delitto della Magliana in 5 punti.

prev
next