Nuovo record del debito: 2.146,4 miliardi ad aprile

Bankitalia: dato salito di 26,2 mld. Si tratta del massimo storico.

13 Giugno 2014

La facciata della Banca d'Italia.

(© Ansa) La facciata della Banca d'Italia.

Il debito delle Amministrazioni pubbliche è salito ad aprile di 26,2 miliardi, raggiungendo un nuovo massimo storico a 2.146,4 miliardi di euro. Lo comunica Bankitalia.
L'incremento riflette per 11,3 miliardi il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche e per 15,4 miliardi l'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (che hanno raggiunto alla fine di aprile 77,4 miliardi; 42,0 ad aprile 2013).
L'emissione di titoli sopra la pari, l'apprezzamento dell'euro e gli effetti della rivalutazione dei Btp indicizzati all'inflazione (BTPi) hanno complessivamente contenuto l'incremento del debito per 0,5 miliardi, spiega Via Nazionale.
PESA IL CONTRIBUTO ALL'ESM. Il fabbisogno del mese di aprile ha risentito del versamento del contributo italiano al capitale dell'European Stability Mechanism (2,9 miliardi) e della quota di competenza dell'Italia dei prestiti erogati dall'European Financial Stability Facility (1,5 miliardi).
FABBISOGNO PARI A 41,1 MILIARDI. Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 26,1 miliardi, quello delle Amministrazioni locali di 0,2 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è diminuito di 0,1 miliardi. Nel complesso, conclude Bankitalia, nei primi quattro mesi dell'anno il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche, al netto delle dismissioni, è stato pari a 41,1 miliardi, in riduzione rispetto al dato relativo allo stesso periodo del 2013 (48,4 miliardi).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

gallero 13/giu/2014 | 12 :58

tagliato niente
48 m la chiamano rifuzione,rispetto ad 1 annoo(dicasi 1 anno) fa?quì siamo anche alla presa per i fondelli,non si tratta di tagli,ma neppure di spending revisione,questo è il nulla..di fatto;e meno male che vi son stati governi politici,che dovevano far miracoli rispetto a quelli ..tecnici

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Libia, il risiko di Bengasi e della Cirenaica

Il no (dubbio) del parlamento di Tobruk al governo di unità complica gli scenari. Serraj perde consensi, Haftar guadagna terreno nell'Est. C'è il rischio scissione.

prev
next