Pil, la Cina supera gli Stati Uniti

Storico sorpasso del Paese asiatico. L'Italia è fuori dalle prime 10 economie.

14 Ottobre 2014

Bandiere della Cina e degli Stati Uniti.

(© GettyImages) Bandiere della Cina e degli Stati Uniti.

La Cina è il numero uno del mondo, mentre l'Italia esce dalla top ten. Secondo quanto emerso dal  meeting annuo che si è tenuto a Washington, la Banca mondiale e il Fondo monetario internazionale, calcolando Pil a parità di potere d'acquisto hanno tolto il trono di prima economia mondiale agli Stati Uniti.
Il quotidiano Repubblica ha riportato che il Pil cinese è arrivato a 17.600 miliardi di dollari, mentre si è fermato a 17.400 quello americano. Ma ci sono ben altre sorprese in questa classifica. L’India è salita al terzo posto superando Giappone e Germania.
INDONESIA NELLA TOP TEN. La Russia e il Brasile (ora sesta e settima) hanno superato la Francia. L’Indonesia ha conquistato  il nono posto, scavalcando l’Inghilterra che viene relegata al fanalino di coda. L’Italia di conseguenza sparisce, espulsa dalla Top Ten.
Ma la situazione mondiale non è così florida, nemmeno per i Brics. Se la crisi europea è cosa nota, quella dei Paesi emergenti è una novità, e gli ultimi dati sulle prime 19 economie, danno questi Stati al ritorno ai livelli del 2009, quando è iniziata la contrazione dei consumi in Europa.
Il freno maggiore adesso, però, è rappresentato dalla Cina.
LA CRISI DEL PETROLIO. Ad esempio, come scritto dal quotidiano diretto da Ezio Mauro, dal 7,5% di aumento del Pil nel secondo trimestre, si è passati al 6,8% nel terzo. Lontani sono in tempi in cui la Repubblica Popolare cresceva del 10% annuo (erano gli anni dopo l’ingresso nel Wto), ma anche l’8% messo a segno quando l’America entrava in recessione.
Il problema per i Brics è la contrazione della richiesta di materie prime della Cina. Tutti, con l'eccezione dell'India, sono esportatori. E il petrolio ora è l'ago della bilancia. Il prezzo è in continuo calo e ha preso alla sprovvista Messico, Russia, e soprattutto l'Opec.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Canoi 14/ott/2014 | 10 :49

Una notiziola buttata là. Cosa volete che sia mai?

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Rouen, Augé: «Vi spiego la trappola simbolica dell'Isis»

Primo attacco a una chiesa. Dopo Charlie, Parigi e Nizza è una svolta simbolica. Augé: «I terroristi non riconoscono l'Europa laica, così ci fanno tornare indietro».

Mediaset, ora Berlusconi teme la scalata di Bolloré

Rottura tra il Biscione e Vivendi. Il Cavaliere sospetta una manovra dei francesi. Che sfrutterebbero la debolezza del titolo. Fermandosi prima della soglia Opa.

Napoli, il 'traditore' Higuain e quel coro ormai da ripudiare

Il Pipita va alla Juve. Napoli cancella il ritornello trash da stadio. Che il bomber cantava sotto la curva. Tornerà Ohi vita ohi vita mia? Storia di una disillusione.

Rouen, moschea salafita accanto alla chiesa

Il terrorista che ha sgozzato padre Hamel si sarebbe radicalizzato in rue Guynemer. La stessa via della parrocchia presa d'assalto. Le prime indagini a Saint-Etienne-du-Rouvray dopo la strage al Bataclan.

prev
next