Le nomine Rai e quegli incroci tra Gori e i nuovi direttori

Bignardi è cresciuta a Mediaset con Gori, ex capo di Dall'Orto. Il Post del marito Sofri ha azionisti diventati uomini di Renzi a Palazzo Chigi. Il network di Viale Mazzini.

di

|

17 Febbraio 2016

Bisogna partire da un post su Instagram di Enrico Mentana, conduttore del Tg di La7, per capire le ultime nomine dei direttori di rete in Rai.
Chicco, storico conduttore del Tg5, ha postato una foto di Giorgio Gori, attuale sindaco di Bergamo, assieme a Matteo Renzi, il premier e segretario del Partito democratico.
«IL RUTELLI DELLA TV...». Scrivendo: «Dicono che in Rai comandi quello a destra. Ma il super direttore generale era l'assistente di quello a sinistra, la nuova direttrice di RaiDue era la sua vice e la nuova direttrice di RaiTre è stata creata da lui. È il Rutelli della tv...».

 

 

DALL'ORTO DA GORI A LA7 E RITORNO. In Viale Mazzini comanda Renzi.
E questa non è una novità.
Più interessante è invece l'incrocio su Gori, uno dei renziani della prima ora, con un lungo passato a Canale 5 (nel 1984 era assistente del consigliere di amministrazione della Rai Carlo Freccero), la rete del gruppo di Silvio Berlusconi.
Antonio Campo Dall'Orto, da agosto 2015 direttore generale della Rai, è stato per sei anni vice di Gori nell'ammiraglia Mediaset, dal 1991 al 1997.
DALLATANA CON GIORGIO A MAGNOLIA. E non è finita qui. Direttrice di RaiDue è stata nominata Ilaria Dallatana, che fondò sempre con Gori nel 2001 la Magnolia, società di produzione televisiva italiana, specializzata nella creazione, produzione e adattamento di format di intrattenimento come L'Isola dei Famosi o L'Eredità.

Bignardi cresciuta con Gori ai tempi del Grande fratello

Daria Bignardi, conduttrice della prima edizione del Gf. La Bignardi ha proseguito la carriera su temi più impegnati.

Daria Bignardi, conduttrice della prima edizione del Gf. La Bignardi ha proseguito la carriera su temi più impegnati.

La nuova direttrice di RaiTre è invece Daria Bignardi, dal 2004 moglie di Luca Sofri, direttore del giornale online Il Post, cresciuta televisivamente proprio con Gori a Canale 5 nel 2000, quando conduceva Il Grande fratello.
Fu sempre Dall'Orto nel 2004, da direttore di La7, a portare Daria nell'emittente di Urbano Cairo con il programma Le invasioni barbariche.
E proprio durante una puntata del programma, quando la Bignardi intervistò Renzi, Il Fatto Quotidiano ''beccò'' il marito Sofri nel backstage che chiamava affettuosamente il premier «capo»: un video molto (ri)condiviso nelle ore seguenti alla nomina della Bignardi.
IL POST VICINO A RENZI. Del resto che il segretario del Pd sia vicino a quelli de Il Post non è una novità.
Pochi giorni fa Diego Piacentini, ex vice di Amazon, è diventato capo del digitale di Palazzo Chigi.
Piacentini è tra i soci fondatori proprio del giornale di Luca Sofri.
Così come Vincenzo Manes, patron del colosso del rame Kme Group, anche lui azionista de Il Post, è stato nominato nel 2015 consulente di Renzi per il Terzo settore.
Lo stesso Gori, last but not least, è titolare del 10% delle azioni del giornale di Sofri.
E anche Cristina Parodi, moglie del sindaco di Bergamo, dirige La vita in diretta su RaiUno.
Il cerchio (pardon, il network) si chiude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Van der Bellen, presidente di un'Austria spaccata

Austria, vince il candidato dei Verdi. Con lui donne, laureati, abitanti delle città. Con Hofer uomini, operai e montanari. La sfida ora sarà mettere tutti d'accordo.

Calcioscommesse, 36 anni di scandali italiani in grafici

Ombra camorra sulla B, indagato Izzo. Il Totonero nel 1980, l'inchiesta dell'86, Scommessopoli 2011 e Dirty soccer 2015: i match venduti nel nostro campionato.

prev
next