Lettera43.it vince il bando DNI fund di Google

Creeremo una piattaforma per valorizzare il lavoro dei freelance nel mondo.

24 Febbraio 2016

Una piattaforma collaborativa che reinventa il ruolo dei giornalisti e dei video-foto report freelance, restituendo al loro lavoro centralità, visibilità e soddisfazione economica.
Uno strumento che ripensa il rapporto tra i freelance - il cui impegno in Italia è tradizionalmente sottostimato e sottopagato - e la comunità dei lettori, creando nuovi canali di comunicazione e di partecipazione; e che rimodella anche il rapporto tra i freelance sparsi in giro per il mondo, una miniera giornalistica, e i media che ne usano il lavoro sporadicamente, senza impegni e senza avere peraltro propri reporter su tutti gli scenari da coprire. Una piattaforma, infine, che crea nuovi flussi di ricavi per l’editoria, puntando sulla qualità e sulla molteplicità delle storie raccontate.  
SCELTO IL PROGETTO DI L43. Si chiamerà FreeJourn ed è l’idea con la quale News3.0, su elaborazione del team Innovazione di Lettera43, ha vinto i fondi messi a disposizione da Google con il Dni Fund, bando pubblicato nell'ottobre scorso e rivolto ai media di tutta Europa. Big G ha messo a disposizione 150 milioni di euro per realizzare progetti digitali che rivoluzionassero il sistema editoriale, favorissero la creazione di nuovo giornalismo e aiutassero a individuare nuove forme di ricavi.
FreeJourn risponde a tutti i requisiti, e la versione Beta della piattaforma sarà disponibile fra circa sei mesi.
Alla chiamata di Google hanno partecipato complessivamente 1.000 progetti da 23 Paesi e 128 società editoriali. Il colosso ha assegnato in totale 27 milioni di euro, di cui 1 milione 540 mila in Italia.  

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati




Dalla nostra HomePage
Csm, la riforma non elimina il potere delle correnti

Approvato il nuovo regolamento. Per il vicepresidente Legnini palazzo dei Marescialli diventa una «casa di vetro». Ma Galoppi (MI): «Si poteva fare di più»

prev
next