Apri/chiudi Tab
Le top 10 news di oggi chiudi
Le inchieste di Lettera43 chiudi
Le grandi interviste di Lettera43 chiudi
L43 - Local L’informazione dalla tua città Invia
TUTTO ITALIA EUROPA AFRICA ASIA NORD-AMERICA SUD-AMERICA OCEANIA Login | Registrati |  Martedì, 22 Luglio 2014- 11.15

Economia 

Dichiarazione dei redditi 2013: spese deducibili e spese detraibili

Dagli interventi di recupero del patrimonio edilizio agli oneri previdenziali e assistenziali. Ecco la lista delle agevolazioni per i contribuenti.

GUIDA PRATICA

Le spese detraibili e le spese deducibili riferite al 2012 vanno indicate dal contribuente nella dichiarazione dei redditi annuale. L'obiettivo è ridurre l’imposta dovuta in fase di compilazione del Quadro E del modello 730 anno 2013 e del Quadro Rp nel Modello Unico Pf 2013.  
LA DETRAZIONE. La detrazione è un’agevolazione riconosciuta dalla legge. Il contribuente può scaricarla dal reddito complessivo per diminuire l’importo dell'imposta dovuta. L'entità dell'agevolazione varia a seconda del tipo di spesa: è del 19% sulle spese sanitarie e del 36% sulle quelle di ristrutturazione edilizia effettuate dopo il 1 luglio 2013 (per quelle sostenute entro il 30 giugno la detrazione è pari al 55%). Se l’imposta da pagare dovesse essere inferiore alle detrazioni spettanti, il contribuente non ha diritto ad alcun rimborso, salvo per le detrazioni sui canoni di locazione.
LA DEDUZIONE. La deduzione riguarda invece le spese sostenute nel corso dell’anno di imposta 2012: esse possono andare dal versamento dei contributi obbligatori volontari alle erogazioni liberali a favore di Onlus, università, eccetera.
Gli oneri deducibili sono insomma tutte quelle spese che possono essere sottratte al reddito prima di calcolare l’imposta da pagare.
Vediamo ora una rapida guida alle possibili detrazioni e deduzioni nella dichiarazione dei redditi con Modello 730 e Unico Persone Fisiche, tratta dal sito GuidaFisco.it. Quali sono gli oneri deducibili e le spese detraibili dal reddito Irpef e il limite massimo dell'importo da portare a detrazione?
L'elenco è lungo: si va da tutte le spese mediche generiche, per familiari, coniuge e figli a carico, all’affitto di casa e locazione, dagli assegni al coniuge e ai figli agli interessi per il mutuo della prima abitazione, dalle spese di ristrutturazione ai contributi per colf e badanti. Sono comprese le spese per il funerale, quelle veterinarie, le spese mediche per i disabili, per il risparmio energetico, per handicap, assicurazione, erogazioni liberali, attività sportive dei figli, asilo nido, cani guida assistenza e veicoli per disabili.

Detrazioni 2013 per i familiari a carico

Per i contribuenti che hanno familiari a carico sono previste delle detrazioni dall’imposta lorda. l'entità di tali agevolazioni varia a seconda del reddito. I familiari fiscalmente a carico sono coloro che nel 2012 non hanno posseduto redditi che concorrono alla formazione del reddito complessivo per un ammontare superiore a 2.840,51 euro. 

  • Coniuge non legalmente separato ed effettivamente separato.
  • Figli naturali riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati.
  • Altri familiari: coniuge legalmente ed effettivamente separato, nipoti, genitori, genitori adottivi, generi e nuore, suoceri, fratelli e sorelle.

Detrazioni per il coniuge a carico

La detrazione prevista per il coniuge a carico ammonta a: 

  • 800 euro per un reddito inferiore a 15 mila euro.
  • 690 euro per un reddito compreso tra i 15 mila e i 40 mila euro.
  • 690 euro moltiplicati per il coefficiente derivante dal calcolo 80 mila meno il reddito complessivo, se questo è compreso tra i 40 mila e gli 80 mila euro.

Detrazioni per i figli a carico

Le detrazioni per i figli a carico sono state aumentate con l’entrata in vigore della legge di stabilità, in particolar modo quelle spettanti alle famiglie con figli di età inferiore o uguale a tre anni. Per loro la detrazione base passa da 900 a 1.220 euro, mentre quella per i figli a carico con più di tre anni da 800 alle 950 euro per ciascun figlio. Per i figli portatori di handicap, infine, è prevista una detrazione aggiuntiva di 620 euro per i minori di tre anni e di 550 euro per quelli di età superiore. La misura della detrazione varia a seconda del reddito complessivo familiare, il numero dei componenti del nucleo e ai coefficienti. Nessuno sconto per i redditi oltre i 95 mila euro.

Spese e oneri deducibili e detraibili

Dalla dichiarazione dei redditi 2013, sia essa effettuata tramite modello 730 o Unico, i contribuenti possono portare a deduzione e a detrazione diversi oneri. La misura della detrazione base varia a seconda della tipologia della spesa. Le spese che i contribuenti possono portare a deduzione nella dichiarazione dei redditi devono essere indicate nel rigo E21–E31 del modello 730/2013 e nel rigo Rp21–Rp31 nel modello Unico Persone Fisiche 2013 e sono pertanto quelle sostenute nel corso del 2012 per:

  • Spese mediche generiche.
  • Oneri dei contributi previdenziali e assistenziali.
  • Oneri dei contributi per i fondi integrativi del servizio sanitario nazionale.
  • Oneri dei contributi per forme pensionistiche complementari e individuali per un importo non superiore a 5.164,57 euro.
  • Spese per l’assistenza ai portatori di handicap
  • Assegni periodici per il mantenimento del coniuge separato o divorziato, a esclusione degli assegni periodici per il mantenimento dei figli.
  • Beneficienza a favore di istituti religiosi.
  • Beneficienza a favore delle organizzazioni non governative.
  • Beneficienza a favore di Onlus.
  • Beneficienza a favore di università ed enti di ricerca.
  • Rendite, vitalizi, assegni alimentari e altri oneri.
  • Spese per i contributi colf, badanti, baby sitter fino all’importo di 1.549,37 euro. Non è deducibile il contributo forfettario di 1.000 euro versato per la regolarizzazione dei lavoratori dipendenti stranieri. 
  • Contributo al Servizio Sanitario Nazionale sulla Rc auto-moto e natanti superiore a 40 euro.

Oneri e spese deducibili a 19% sull’imposta

Spese effettuate nell’interesse proprio o dei familiari fiscalmente a carico:

  • Spese sanitarie, se superiori a 129,11 euro e certificate da scontrino fiscale con l’indicazione sia del codice fiscale sia del codice del farmaco.
  • Spese sanitarie per disabili.
  • Spese per acquisto e riparazione veicoli per disabili: spesa massima detraibile 18.075,99 euro per veicolo.
  • Spese per cani guida. 
  • Spese di mantenimento del cane guida: importo massimo detraibile 516,46 euro esclusivamente dal soggetto non vedente a prescindere dalla documentazione della spesa effettivamente sostenuta.
  • Spese per l’istruzione secondaria e universitaria.
  • Spese per attività sportive praticate da ragazzi: spesa massima detraibile 210 euro per ciascun figlio fino a 18 anni. 
  • Spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede: importo massimo detraibile 2.633 euro.
  • Spese per asilo nido: importo massimo 632 euro all’anno.
  • Oneri dei contributi versati per il riscatto del corso di laurea.
  • Oneri dei contributi versati per l’assicurazione obbligatoria Inail riservata alle persone del nucleo familiare per la tutela contro gli infortuni domestici (c.d. assicurazione casalinghe).

Spese effettuate nell’interesse del contribuente: 

  • Spese sanitarie per patologie con esenzione Ssn
  • Spese funebri: massimo importo in detrazione 1.549,37 euro.
  • Spese per intermediazione immobiliare: non superiore a 1.000 euro.
  • Spese veterinarie: solo per importi superiori a 129,11 euro, ma con un limite massimo di 387,34 euro.
  • Interessi per mutui ipotecari per l’acquisto dell’abitazione principale: detrazione massima 19% ovvero pari a 4 mila euro. Quindi la detrazione massima è pari a 760 euro. Oltre agli interessi passivi, vanno indicati gli oneri, gli oneri accessori come commissioni, iscrizione e cancellazione ipoteca, provvigione, spese istruttoria ecc e le quote di rivalutazione pagati nel 2012.
  • Interessi per mutui ipotecari per l’acquisto di altri immobili stipulati prima del 1993: importo massimo 2.065,83 euro.
  • Interessi per mutui contratti dopo il 1997 per recupero edilizio: importo massimo da detrarre 2.582,28 euro.
  • Interessi per mutui ipotecari stipulati per costruire l’abitazione principale: la detrazione massima di 2.582,28 euro.
  • Interessi per prestiti o mutui agrari: non possono essere detratti importi superiori a quelli dei redditi dei terreni dichiarati.
  • Premi assicurazioni sulla vita e infortuni: a condizione che la durata contrattuale non sia inferiore ai cinque anni e che non consenta a concessione di prestiti, importo massimo da portare a detrazione è di 1.291,14 euro.
  • Beneficienza ed erogazioni liberali a favore di: partiti politici, Onlus, società e associazioni sportive dilettantistiche, società di mutuo soccorso, associazioni di promozione sociale, società di cultura La Biennale di Venezia, attività culturali e artistiche, enti operanti nello spettacolo e fondazioni operanti nel settore musicale.

Spese con detrazione del 36% e del 55%

Le spese sostenute dal contribuente nell’anno 2012 e/o negli anni dal 2008 al 2011 per interventi finalizzati al risparmio energetico degli edifici esistenti, di qualsiasi categoria catastale, sono detraibili al 55%. Tale agevolazione è prorogata al 30 giugno 2013 ed è estesa anche alle spese per interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria. Dal 1 luglio 2013 la detrazione scende dal 55% al 36%. Per le spese effettuate fino al 30 Giugno 2013 le tipologie di interventi previste sono:

  • Spese per la riqualificazione energetica di edifici esistenti: importo massimo da portare a detrazione euro 100 mila da ripartire in tre rate di pari importo non superiori a 33.333,00 euro.
  • Spese per gli interventi sull’involucro di edifici esistenti: ovvero interventi su pareti, coperture pavimenti, miglioramento termico, manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, eccetera. L’importo da indicare in questa colonna non può essere superiore a 109.090,90 euro per una detrazione entro il limite massimo di 60 mila euro, da ripartire in tre rate annuali di pari importo non superiori a 20 mila euro.
  • Spese per l’installazione di pannelli solari: importo da indicare in questa colonna non può essere superiore a 109.090,90 euro per una detrazione entro il limite massimo di 60 mila euro, da ripartire in tre rate annuali di pari importo non superiori a 20 mila euro. 
  • Spese per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale: con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione. L’importo da indicare non può essere superiore a 54.545,45 euro per una detrazione entro il limite di 30 mila euro, da ripartire in tre rate annuali di pari importo non superiori a 10 mila euro. 

Detrazioni per i canoni di locazione (10%)

Dal 2013, la detrazione per i canoni di locazione scende dal 15% al 10%. 

  • Detrazione per gli inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale, a condizione che il contratto di locazione sia stato stipulato o rinnovato secondo quanto disposto dall’art. 2, c. 3, e dell’art. 4, commi 2 e 3, della L. n. 431 del 1998 (c.d. contratti convenzionali).
  • Detrazione per i giovani di età compresa tra i 20 e i 30 anni che stipulano un contratto di locazione per l’abitazione principale che deve essere diversa da quella destinata ad abitazione principale dei genitori o di coloro cui sono affidati dagli organi competenti ai sensi di legge.
  • Detrazione per i lavoratori dipendenti che trasferiscono la propria residenza nel comune di lavoro o in un comune limitrofo nei tre anni antecedenti a quello di richiesta della detrazione e siano titolari di qualunque tipo di contratto di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale degli stessi e situate nel nuovo comune di residenza, a non meno di 100 km di distanza dal precedente e in ogni caso al di fuori della propria regione.

Mercoledì, 27 Marzo 2013 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

L’informazione dalla tua città
Invia
borsa in diretta
Guida Fisco
Notizie e approfondimenti sulla Fiscalità Italiana.
La Guida Online su Fisco e Tasse in Italia!