Paolo Madron

Chi siamo

La sfida è online

Gli obiettivi di lettera43, il nuovo quotidiano.

di

|

07 Ottobre 2010

A chi ci chiede che tipo di giornale sarà questo Lettera43, se di destra, di sinistra, di larghe intese, tecnico con tendenza terzo oppure quartopolista, maggioritario o proporzionale, la prima risposta che ci viene è che non sarà un giornale di carta, e nemmeno la sua versione digitale.
Laconica fin che si vuole, questa è la vera novità, prima di ogni etichettatura che l'impazzimento della politica italiana rende oggi ancora più ardua. Ed è da questa novità che discende tutto.

Una scommessa, non un azzardo

Consideriamo l'essere solo un giornale online una scommessa, ma non un azzardo: la drammatica involuzione dell'editoria tradizionale fa di internet l'unica possibile via di riscatto. E lo sviluppo tecnologico degli apparecchi intelligenti, rendendo la disaffezione dalla carta un fenomeno irreversibile, fa apparire meno ardui i contorni della sfida.
Il fatto di non essere una propaggine di una testata cartacea all'inizio ci penalizza in termini di brand, ma ci libera da quel timore di cannibalizzazione che sta attanagliando i vecchi editori, per cui una bella e sempre più completa versione on line dei loro giornali si ripercuote nella progressiva riduzione dei ricavi da edicola.

Quotidiano, ma anche magazine

Lettera43 non sarà un blog, nemmeno in certe sue versioni allargate, ma un vero e proprio quotidiano completamente gratuito. Anzi, un quotidiano settimanale, che coniugherà in simultanea la notizia e il suo approfondimento. 
Intenzionato a sfruttare appieno le peculiarità del mezzo, lo farà in modo multimediale, sconvolgendo la tradizionale gerarchia che assegna il primato dell'informazione alla parola scritta, convinti come siamo (e qui qualcuno potrà dispiacersene) che il guardare stia sopravanzando il leggere, il consumo veloce la più meditata attenzione.

Articolo lungo o corto? Liberi di scegliere

Essere veloci e multimediali non significa naturalmente essere superficiali, ma solo tenere conto di un radicale cambiamento nell'attitudine del lettore al quale, proprio per questo, Lettera43 offre una doppia modalità di fruizione, dandogli la libertà di scegliere per tutti gli articoli tra una versione breve e una estesa. Che sia lui, in base al suo tempo e ai suoi interessi, a decidere quale privilegiare.
Ma ci sono altre due peculiarità che contraddistinguono la scommessa di Lettera43, e stanno nella composizione redazionale e societaria.

Un'occasione per giovani giornalisti

Certo, al timone c'è un nucleo di esperti professionisti, ma i nostri redattori hanno un'età media che non supera i 30 anni, e hanno sin qui visto la passione e la dedizione per questo mestiere frustrata dalle rendite di posizione dei colleghi più anziani, nonché da editori i cui bilanci non consentono di investire su di loro.
Così, finora, sono stati tenuti ai margini delle redazioni, pagati in modo vergognoso, utilizzati a cottimo per la confezione di pezzi compiacenti, e costretti a mendicare di testata in testata per racimolare i soldi dell'affitto della casa dove vivono.
Hanno insomma, per usare un termine di moda, la barriera di ingresso sbarrata, e sono vittime dell' autoreferenzialità di una categoria cieca e sorda verso nuovi mondi e valori di cui essi sono portatori, quando invece dovrebbe salutare il ricambio generazionale come un segno di vitalità e forza della professione. Lettera43 vuole offrire a questi giovani un'occasione. 
Ma anche togliere loro un alibi: mostrate quello che valete, che ciò che fate è per voi il mestiere più bello del mondo, o vediamo ora che ne avete l'opportunità se il vostro è soltanto piagnisteo e vittimismo.

Chi fa il giornale ne ha il controllo

La seconda rilevante peculiarità sta nell'azionariato. Quando, oramai quasi un anno e mezzo fa, i quattro soci fondatori di Lettera43 hanno cominciato a concretizzare il loro progetto, imprescindibile era che fossero loro (due giornalisti e due manager del settore) ad avere il controllo della società che andavano costruendo.
L'aver incontrato Banca Sator, che ha condiviso in pieno quel desiderio di autonomia da poteri e gruppi di pressione politico-finanziari, è stata una felice coincidenza.
Uno dei mali dell'editoria infatti, e sono molte ed ecumeniche le voci che nel corso di questi anni lo hanno denunciato, sta proprio nella soffocante presenza nel capitale di soggetti i cui interessi precipui sono altri rispetto a quelli del giornale, il quale invece nella loro ottica li deve servire.
In questo senso internet, grazie anche al fatto che la leggerezza del mezzo si ripercuote sui costi, apre immensi spazi alla democrazia dell'informazione.

Al servizio della notizia e del lettore

Un'ultima annotazione: andiamo in rete con l'umiltà e la trepidazione di chi si accinge ad esplorare nuovi territori. Ci conforta, ma non ci garantisce in nessun modo, il non essere partiti all'avventura, ma l'avere a lungo analizzato la scena e ponderato la scelta. Con noi portiamo, per ora, solo la nostra professionalità e l'orgoglio di avercela fatta a realizzare l'idea.
Contiamo sulla benevolenza di chi ci seguirà e, inizialmente, sulla comprensione per quelli che saranno i nostri limiti.
Ma ci piace tanto rispondere, quando tutti ci chiedono se saremo di destra, di sinistra, o di centro, che siamo un giornale on line, al servizio della notizia e del lettore.
D'ora in avanti lavoreremo per dimostrarlo, sperando, noi che crediamo nella libera concorrenza, che altri (magari non proprio subito) seguano il nostro esempio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fippetto Stefen 19/gen/2015 | 10 :36

inchiesta
Un'inchiesta che farebbe scalpore sarebbe quella di verificare chi ha fatto carriera su quella nave fantasma della marina militare scooperta da poco che consumava per i suoi viaggi virtuali un'enorme quantità di nafta e questo perchè qualcuno già 30nni fa me lo aveva detto ..ma credevo una bufala mentre ora so della sua esistenza e so anche che in Italia si puo fare di tutto anzi di più.

georgiano 18/ott/2011 | 07 :52

Lo chiameremo eSordio
Carissimo Paolo, anche se non ci vediamo da tempo ti rassicuro: esisto ancora. Pure se prepensionato d'autorità dal febbraio scorso, non mi puoi trovare su una panchina del parco while feeding the pidgeons. Ma nemmeno a concordare il taglio di un mio pezzo con qualcuno che non sa - per dirne una - chi sia stato John Fante. A parte questo, come stai brillantemente dimostrando tu con lettera 43, la scoperta delle nuove tecnologie può arrivare anche alla mia età. Ed è entusiasmante, ringiovanente, quasi come una pillola blu, con la sola differenza che funziona più in alto, nel cervello. E più a fondo, nell'animo. Tutta questa premessa per dirti che da giovedì scorso sono online con il mio romanzo d'esordio, un eBook per l'editore americano www.smashwords.com. Non solo: è disponibile in due versioni, italiana e inglese. E nel suo piccolo questa mi sembra una notizia. I titoli sono rispettivamente "Ascoltavo le maree" e "Whispering Tides". Due ore dopo l'invio avevo già venduto la prima copia oltre Oceano, grande emozione! Avrei piacere di vederti ma non so dove recuperarti. Fatti almeno virtualmente vivo con una email. Guido Mattioni

robinson 7 22/ago/2011 | 19 :16

Chi ben comincia..
Ricordiamo che oltre agli imbalsamati problemi cosiddetti politici che rimbalzano tutti i giorni da mesi ed anni su stampa e tv, esistono altri temi da analizzare e discutere, sottraendoli al bla bla delle frasi fatte-
Si potrebbe introdurre il tema della ricerca scientifica, quella che in italia è impossibile fare.
La scuola e l'università massacrate dalla incapacità della ministra-
Napoli e la Campania, il disastro e come uscirne e insomma i problemi veri esposti fuori dai partiti.

enzacol 12/apr/2011 | 19 :44

studenti
Sono una docente di scienze sociali di un liceo di Lucca, i miei student vorrebbero organizzare per ottobre 2011 un convegno sulla libera informazione, abbiamo una piccola cifra, però ci chiedevamo, qualcuno sarebbe interessato a discutere con degli studenti di questo problema? a darci magari qualche buona idea, visto che avete dato una prova così forte di indipendenza? non ho trovato altri contatti sul sito, ecco perchè uso il commento a un articolo, grazie e buon lavoro, enza.

Teleny 11/ott/2010 | 13 :01

Contributi pubblici??
Il Direttore Madron non ci ha detto se la sua nuova testata si avvale e incamera, a qualunque titolo, contributi pubblici per l'editoria.
Qui non ho mai visto una risposta del Direttore ai suoi lettori, di qualunque tipo (evidentemente pensa che il suo compito sia concluso quando fa quel che giustamente vuole, e non anche quel che gli viene richiesto dai suoi lettori, che se non sbaglio sono la ragione della pubblicazione del suo lavoro).
Non m'illudo che risponda questa volta.

AnnaMasera 10/ott/2010 | 17 :53

Complimenti e buona fortuna
Caro Paolo,
scusa se sono stata offline e non sono comparsa subito a salutarvi appena siete andati online tre giorni fa, ma eccomi qua: complimenti e buona fortuna, ve la meritate. Piacevole la grafica con le notizie che sono ben ordinate e si trovano rapidamente, bella l'idea dell'articolo breve e quello più esteso, ma soprattutto bello l'intento di un giornale al servizio del lettore e della notizia. Ne ho scritto nel blog che curo su LaStampa.it e lo segnalo ai tuoi lettori:
http://www.lastampa.it/cmstp/rubriche/girata.asp?ID_blog=2&ID_articolo=1078&ID_sezione=
A presto, teniamoci in contatto
:-)
Anna

Laura Jelmini 09/ott/2010 | 17 :18

Auguri
Buongiorno a tutti, ho appena ascoltato la presetanzione di lettera43 con l'intervista al direttore su Radio24: vi auguro buon lavoro e grande successo per questa bella iniziativa. A prima vista mi piace molto continuerò a seguirvi e fra un po' manderò i miei commenti.

baldo 09/ott/2010 | 14 :48

Complimenti e auguri
I complimenti sono x il coraggio. Anche se penso che non state cercando di riempire un vuoto ma una voragine. Lo stato dell'informazione su carta è agghiacciante. il mio migliore in bocca al lupo, sarà difficilissimo rimanere ciò che volete essere, almeno in modo proporzionale al successo che avrete. siete la mia nuova homepage.

lori45 09/ott/2010 | 12 :20

prova
voglio proprio vedere se siete un giornale sopra le parti. Me lo auguro perchè sono stufo di questi soloni dell'informazione, sono stufo di prediche, sono stufo di gente che parla a vanvera, sono stufo di mostruose parzialità. AUGURI

Teleny 09/ott/2010 | 12 :17

L'indipendenza non è un proclama
Ottimo.
Quando nasce un nuovo spazio, una nuova piazza, un nuovo "speaker's corner" dove si concretizza la massima einaudiana del conoscere per deliberare è sempre un fatto positivo.
L'informazione, e quindi il contributo alla conoscenza, oltre che essere un dato filosofico ed antropologico (vedi l'incipit della Metafisica di Aristotele, per i più interessati a questo tipo di speculazione), è indice del dinamismo della "democrazia favorevole".
E Dio solo sa quanto abbiamo bisogno che siano "favorevoli" e vantaggiose le democrazie di questo inizio di terzo millennio. In particolare, chè qui viviamo, quella italiana. Che sembra sempre più malata, forse stanca (o spossata per i tentativi di un volo che fatica a realizzarsi), forse anche un po' avvelenata.
Pertanto faccio molti, molti auguri a questa nuova testata, a questo nuovo "Speaker's Corner", a tutta la Redazione.
Vedremo attraverso una indulgente ma attenta verifica del vostro lavoro quanto e se riuscirete davvero ad essere indipendenti, cosa che ci auguriamo tutti per i motivi che ho detto sopra.
Vedo che la costituzione societaria, sono maligno, lo so, non ci regala un grande e fresco respiro per inziare a correre con una soddisfazione liberatoria.
Ma è certamente, questa malignità, un limite dei lettori che troppo hanno visto, e letto.
Nel senso di troppo poco, se son riuscito a spiegarmi.
Vedremo se saranno le nostre aspettative ad esser state esagerate, o se, come speriamo non sia, non sia stato velleitario l'uso del termine "indipendenza".
Un cordiale in bocca al lupo!
Teleny

silber 09/ott/2010 | 10 :04

In bocca al lupo
Intanto congratulazioni per il giornale (e per il coraggio di Paolo Madron) e auguri a tutta la redazione. i commenti? arriveranno dopo. Buon lavoro.

BEBER 08/ott/2010 | 23 :50

Siete ok!
Mi piacete molto, liberi e dinamici, vi auguro tanto successo e lunga vita.

mauros 08/ott/2010 | 18 :18

bravi
auguri

assibi 08/ott/2010 | 17 :09

in bocca al lupo
in bocca al lupo e complimenti!..bella la grafica,l'impostazione e benvenuto ad un nuovo nato nel mondo dei media..vi seguirò con attenzione.E' una nuova opportunità anche per noi lettori.

mcochetti 08/ott/2010 | 17 :05

Perchè copiare da Daly Beast?
Prima di tutto in bocca al lupo per la nuova avventura. Mi chiedo però perchè copiare la grafica da TheDailyBeast?
Un omaggio a chi negli States ha cambiato il mondo dell'informazione online?

ginevragl 08/ott/2010 | 13 :45

scommessa
La scommessa e' capirli i giovani

ludopelli 08/ott/2010 | 12 :03

Bravi!
E' vero, si sente la mancanza dei Feed RSS...comunque, in bocca al lupo!

cibi 08/ott/2010 | 11 :39

Complimenti e auguri di cuore!
Congratulazioni a tutti voi ho appena finito di sperimentarla sia con il computer che con l'iPad e desidero farvi i miei più sinceri complimenti.
Funziona bene sia sotto l'aspetto grafico che quello dei contenuti.
BRAVI!
Vi auguro di cuore un futuro di successi e soddisfazioni!
cb

Valtan 08/ott/2010 | 10 :53

Bello!
Bello! Bella la grafica e il modo con il quale vengono date le notizie. Auguri di cuore e... che l'indipendenza sia con voi.

Aloisio 08/ott/2010 | 09 :53

chi incomincia bene è già a metà del proprio lavoro...
non capita spesso di navigare per giornali online così semplici ed intuitivi, complimenti per le scelte fatte, avete costruito davvero un bel sito. Date le premesse direi che per voi si prospetta una strada tutta in discesa. in bocca al lupo!

red 08/ott/2010 | 09 :34

a me piacete molto!
si, l'impostazione del giornale è buona. certo bisognerà abituarsi, perché è un po' "diversa", ma penso che vi leggerò anche senza twitter (che è una gran moda) e i feed rss (che però sono utili!)

Visto che però molti criticano metto anch'io la mia: non è stato possibile registrarmi senza dover forzatamente accettare che trattiate "i miei dati personali ai fini dell'invio di materiale pubblicitario, vendita diretta, ricerche di mercato, concorsi a premio, sondaggi, invio di materiale pubblicitario e comunicazioni commerciali tramite posta, allegato in fattura, e-mail, fax o telefono". Ma questa spunta non dovrebbe essere opzionale? Se io non voglio spam, dovrei poter rifiutare! :)

In bocca al lupo comunque, siete già tra i preferiti!

esignoretti 08/ott/2010 | 09 :30

bravi ma avete già fatto un passo falso.
Iniziative come questa sarebbero sempre da premiare, spero che sarete fra quelli che riportano le notizie così come sono (senza dare nessuna colorazione politica).

Peccato che non vi seguirò. Non ho neanche guardato i contenuti, magari saranno anche buoni,ma come si fà a non avere un account twitter e/o un rss feed nel 2010?

Ok avete fatto un giornale su internet... forse era meglio se facevate un giornale per internet!

Spero che sia stato un passo falso iniziale dovuto all'euforia del momento.

kanuat 08/ott/2010 | 09 :17

L43 si occupera' anche del piu' grande problema non citato lavoro????
Con piacere vedo in primo piano: attualita' cronaca politica etc. ma non vedo la parola piu' importante LAVORO......sara' anche questo il tema fondamentale di L43 per risolvere i problemi dei 53enni disoccupati come me???? Buon Lavoro Auguri

matteou 08/ott/2010 | 07 :58

Se.....
....ci riuscite siete uno dei motivi per restare italiani. In un periodo in cui tutto sembra andare per il verso sbagliato, pregiudicati al governo, zii che fanno cose incommentabili, calciatori che guadagnano fortune e gente che fa fatica ad arrivare a fine mese è bello vedere che c'è qualcuno che non si rassegna e che ha voglia di prendere la strada giusta. Grandi! Buona fortuna.

ggennaro 08/ott/2010 | 07 :25

Un bel giornale
Ho "sfogliato " il giornale e le devo perciò fare i complimenti. Non è secondo a nessuno. E' un giornale, mi si passi il termine, con i controcazzi anche nel senso della impaginazione. Non dia retta, direttore, agli amici che criticano la eccessiva presenza di immagini. Vogliono giornali on line tutti uguali o simili? La notizia è fatta anche d'immagini. Sono loro che calamitano l'attenzione del lettore, anche di quello on line. Complimenti ancora!

Marco 08/ott/2010 | 05 :45

Critica costruttiva
Anzitutto complimenti. E poi subito una critica costruttiva: dove sono i feed RSS? O non ci sono, o sono difficili da trovare (io non ci sono riuscito). Metteteli, per favore. Metteteli subito. Moltissima gente li usa tanto da non poterne fare a meno per tenersi aggiornata.
M.

lettera43 08/ott/2010 | 02 :39

Ottima iniziativa
Complimenti per la grafica (è la prima cosa che si nota).
Visto il "peso" dei nomi sono certo che i contenuti saranno più che adeguati.

Io vivo a Phuket -Thailandia- e internet è il vero e unico punto di contatto con la realtà italiana.

Realtà un pò troppo spesso vista attraverso la lente deformata dalla ideologia e dalla pura convenienza (basta vedere come Repubblica difende a spada tratta un "nemico" come Fini....) o come il Corriere ha sottaciuto la notiza della casa a Montecarlo finchè non è stato letteralmente "costretto" a dare la notizia......

Fa sempre un grande piacere vedere che ancora esiste chi rischia del proprio per una idea...che vi auguro si trasformi in una corazzata di internet.

gecapoda 08/ott/2010 | 02 :23

E' subito tra i "preferiti"
Complimenti. Davvero un bel sito ed un giornale on line interessante e costantemente aggiornato. Continuate così. Ad maiora. Gennaro Capodanno

Luca 08/ott/2010 | 02 :01

I miei migliori auguri!
L43 è già tra i miei preferiti!
Un saluto

BENY65 08/ott/2010 | 01 :06

E' troppo presto per dare un giudizio.Per ora posso solo dire che mi piace molto la grafica, che è molto accattivante.
Che il successo sia con voi.......

v.kens 07/ott/2010 | 23 :28

Un bell'impegno il vostro, essere indipendenti di questi tempi... Che sia la volta buona?
Buon lavoro!

McSac 07/ott/2010 | 22 :42

Ci voleva!
In bocca al lupo direttore, e buon lavoro a lei e alla sua squadra!
Che dire di Lettera43... ci voleva!!!

:-) 07/ott/2010 | 22 :20

auguri a tutti e complimenti
peccato non essere più under 30...
:-)

Mad Hartigan 07/ott/2010 | 21 :58

In bocca al lupo
Grazie per questo nuovo quotidiano. Seguo sporadicamente il Daily Beast, che ha un modello accattivante ma e' un po' vacuo (molto meglio l'HP).

Spero che nell'eterno tradeoff tra forma e contenuto, vinca quest'ultimo.

emilio 07/ott/2010 | 21 :48

Auguri!
Auguri da un trentenne lettore di giornali online... Buona l'idea di mettere gli articoli nella doppia versione, bello il logo e l'impaginazione, anche se ho avuto un po' di difficoltà a trovare il form per la registrazione (lo cercavo nella sezione commenti, mentre era solo in coda agli articoli). Essere al servizio della notizia e del lettore è un compito difficile, inevitabilmete chi scrive interpreta i fatti... Il mio augurio è che la vostra interpretazione non sia faziosa, che non sia legata a nessun interesse particolare, che sappia superare dicotomie che ormai non hanno più senso mentre altre ne nascono, e che sia finalmente nuova. In bocca al lupo!

lindap 07/ott/2010 | 21 :06

in bocca al lupo, e soprattutto a barbara.
ho letto ed è un giornale interessante.

sarah 07/ott/2010 | 20 :25

Complimenti al direttore e a tutta la redazione (soprattutto a Mario ...)! Faccio il tifo per lettera43 (molto bello) e per tutte le 'scommesse' on line che fanno informazione onesta e di qualità. In bocca al lupo Sarah

supersimo 07/ott/2010 | 19 :58

wow wow
mi piace un sacco il vostro giornale!! complimenti... tenete DURO!!
Da Perugia vi seguiremo assiduamente! baci a Vita
Simo

Leone 07/ott/2010 | 19 :50

Condivido il commento di Francis
Nel nostro mondo del lavoro chi ha passato i 30 e magari non ha nemmeno raggiunto i 40 è già considerato in qualche modo "vecchio": costa già troppo, anche se può portare in dote un pochino d'esperienza in più rispetto a un esordiente. Certo che i fondatori hanno un'esperienza e uno spessore che compensa in parte quella che manca ai loro under 30... però fare un po' più di mix non sarebbe sbagliato. Ancora in bocca al lupo!

annamad 07/ott/2010 | 19 :43

nepotismo
Grande Fratello!!!

barcaiolo 07/ott/2010 | 19 :43

UNA SPERANZA
Per favore, fatemi ritrovare il piacere di leggere e credere senza necessità di alcun retropensiero. Mi auguro di riuscire ad esserVi fedele per molto tempo confidando nel Vs. entusiasmo. Una ultima raccomandazione: cercate di raccontare la storia del Sud con angolazioni ed atteggiamenti diversi da quelli omologati ed artefatti consueti. Buon lavoro , Giovanni

AlVino 07/ott/2010 | 19 :40

Alla via così
ci voleva qualcosa di nuovo, veramente nuovo. In bocca la lupo.

Sergio Luciano 07/ott/2010 | 19 :25

Caro Paolo, cari tutti, complimenti per Lettera, è bello e andrà bene, come merita.
Sergio

dpin 07/ott/2010 | 19 :25

complimenti
complimenti e in bocca al lupo a tutti!

Francis 07/ott/2010 | 19 :24

Caro Direttore, prima di tutto le faccio i miei migliori auguri per la testata. Poi, le lancio una provocazione. E' proprio sicuro che siano i giovani giornalisti ad essere gli emarginati dell'editoria italiana? Io credo che, in questo momento, i problemi più grossi ce li abbiano, invece, quei giornalisti che i trenta gli hanno superati da qualche anno. Sono loro che dopo anni di lavoro spesso si ritrovano ad elemosinare pezzi malpagati! In questo paese, le rare iniziative editoriali inglobano under 30, disposti lavorare a costo quasi zero, e gli amici dei direttori che guidano truppe di praticanti.

Bernardo Fedeli 07/ott/2010 | 19 :03

In bocca al lupo
Grande Paolo, in bocca al lupo di cuore a tutti

Gadalonso 07/ott/2010 | 18 :50

in bocca al lupo!
internet si amplia di una nuova voce. in bocca al lupo per il vostro lavoro.

pierumberto 07/ott/2010 | 18 :42

Vi meritate successo
Siete partiti bene. Continuate ad esprimerVi con buon senso. Si ha bisogno di critica costruttiva.

StefanoS 07/ott/2010 | 18 :38

Finalmente on line!
Finalmente la mia nuova home page!
E se è vero che la NEWS 3.0 è nata il 3 agosto (come me) ..... beh, un ulteriore motivo di simpatia!
Un grosso in bocca al lupo a tutti!

strongale 07/ott/2010 | 18 :37

In bocca al lupo
Ogni voce in più online è sempre la benvenuta!

Francesco Di Martile 07/ott/2010 | 18 :35

commenti troncati
c'è qualche problemino... i commenti vengono troncati. Sob

DF 07/ott/2010 | 18 :31

In bocca al lupo
In bocca al lupo... complimenti per il sito..

paolac 07/ott/2010 | 18 :28

AUGURI E COMPLIMENTI
finalmente qualcuno che dà spazio ai giovani....
e finalmente un giornale INDIPENDENTE!
chissà che ci possiamo sentire meno immersi nella melma di questo paese, leggendolo!
auguri!
PaolaCorponi

Leone 07/ott/2010 | 18 :27

In bocca al lupo
Sì, dire "in bocca al lupo" è un po' scontato ma è la prima forma di augurio che mi viene in mente... Internet ha tante qualità (è un po' giornale, un po' radio, un po' tv e un po' tutt'altra cosa) e i suoi difetti (la redditività) e lo so,

Francesco Di Martile 07/ott/2010 | 18 :27

Spaccate tutto!
I miei complimenti per l'impresa. Le premesse "ideologiche" mi incuriosiscono: la redazione di 30enni mi diverte moltissimo e spero che i giovani colleghi abbiano la scanzonata improntitudine di rompere scatole e schemi. Le "vecchie volpi" di vertice

salvatoreditaranto 07/ott/2010 | 18 :25

benvenuti
In bocca al lupo e benvenuti!

elislow 07/ott/2010 | 18 :21

veloce e dinamico, una nuova sfida da seguire quotidianamente ;-)

U24 07/ott/2010 | 18 :18

Lettera43 ci piace!
Un grandissimo in bocca al lupo da tutta la redazione di umbria24.it

riformista 07/ott/2010 | 18 :16

stra mega in bocca al lupo
caro paolo (e non solo visto che forse conosco qualcuno della tua redazione)

dura lanciare novita' nel mondo del giornalismo e ancora di piu' fare soldi online.. ma tu hai quelle doti che non tutti hanno e son sicuro che farai bingo..

un grandissimo s

leliosimi 07/ott/2010 | 18 :06

in bocca al lupo...

Retore 07/ott/2010 | 17 :59

in bocca al lupo...

armi 07/ott/2010 | 17 :55

Auguroni
Auguroni, Paolo.
Michele

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
prev
next