Peppino Caldarola

MAMBO

Amici del Foglio, non credete alle balle di Sensi

Non esiste nessun complotto contro Renzi degli ex premier. Lui si sputtana da solo.

di

|

12 Febbraio 2016

(© Ansa)

Annuncia Claudio Cerasa, ottimo successore del caro Giuliano Ferrara alla guida del Foglio, che è in atto un complotto di carattere internazionale per travolgere Matteo Renzi.
I golpisti, in combutta con la finanza internazionale (cacchio!!), sarebbero tre ex premier: D’Alema (poteva mancare?), Prodi e Letta. Cioè la nomenklatura deposta da Renzi.
La notizia di Cerasa viene da una fonte interna al Pd, anzi, vicinissima al presidente del Consiglio.
Le prove sono nell’andamento asmatico dello spread e nel precedente-Berlusconi, infilzato allo stesso modo ma da altri protagonisti. Insomma, il nemico è alle porte. I tre ex premier sarebbero non solo avversari di Renzi ma anche nemici della nazione. Roba forte.
NON ESISTE ALCUN COMPLOTTO. Un consiglio da vecchio giornalista con qualche dimestichezza con la politica al giovane Cerasa (e di passata alla mia amica Maria Teresa Meli del Corriere della Sera): non date retta a Filippo Sensi, vi sta fregando. La strategia di destabilizzazione dei critici del premier (e della sua banda dei quattro) prevede un’unica  arma. Screditare gli oppositori, lavorano contro il Paese. Io non scriverò mai che Renzi è un po’ fascista, ma questa strategia lo è.
La notizia è un’altra. Non c’è alcun complotto. Abbiamo qualche contatto anche noi. Una volta Andreotti negò la possibilità che potesse esserci in Italia un colpo di Stato perché non c’era lo Stato.
Non c’è complotto perché i guai di Renzi sono auto-prodotti e nascono da una insoddisfazione e delusione dilagant,i oltre che dai primi segni di protagonismo del centro destra (il Caso Milano con Stefano Parisi di cui mi sono occupato).
Per evitarmi le lagne dei renziani, vorrei precisare che io non mi auguro la caduta di Renzi o del governo. Mi basta che il premier, pur inadatto a governare, venga battuto al prossimo congresso del Pd che e sostituito da un altro segretario che assomigli alla sinistra mondiale (magari anche settantenne come Sanders o quasi, come Corbyn). E mi auguro che nel malaugurato caso che Renzi cada, capottando in parcheggio, il suo sostituto non sia un tecnico indicato dal presidente della Repubblica ma un personaggio scelto dopo libere elezioni.
Detto questo per dovere sindacale e profonda convinzione, torniamo al tema.
SIAMO STANCHI DEI FAVORITISMI DEL PREMIER. Renzi e i suoi amici giornalisti girano poco, ascoltano poco, non vedono. Sta crescendo un antirenzismo che non ha nulla a che fare con i maldipancia di antichi avversari. C’è un’Italia che non sopporta di leggere ogni giorno di banche toscane in cui primeggiano ministri o sottosegretari amici di Renzi (leggere Lettera43.it di ieri), anche perché se era inaccettabile una politica in cui i padri sistemavano i figli, fa ridere una politica in cui i figli sistemano i padri.
C’è un’Italia che non vuole che i Servizi cadano nelle mani di un quisque de populo legato ad amicizie straniere, accettabili in politica ma non per la sicurezza del paese. C’è chi si guarda attorno e vede: debito in crescita, disagio sociale aumentato, nessun intervento strutturale sull’economia reale. L’euforia renziana assomiglia a quella degli Anni 80, della Milano da bere, «dell’individualismo reaganiano», quando invece, sotto traccia, covava una crisi economica e morale spaventosa.
Insisto su un concetto di fondo, che vale anche per gli eventuali complottatori: il renzismo è stato reso inevitabile dall’imbalsamazione della politica. Quindi è stato una necessità storica, marxianamente interpretato. Ha anche suscitato un’aspettativa gigantesca: niente lacci e lacciuoli, “cento fiori” in ogni campo, emergere di una nuova classe dirigente competente e trasparente, il dilagare della gioventù in ogni stanza del potere.
No, sono tornati i dorotei. Tutto qui. Lo sputtanamento estero di Renzi non dipende da D’Alema, Prodi o Letta, dipende dal fatto che gli stranieri ci guardano e gli scappa da ridere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Canoi 15/feb/2016 | 10 :12

Siamo già al complotto evocato da fonte interna? buon segno. Direi che non è complotto ma solare dichiarazione di sfiducia comunicata da Junker presidente della Commissione EU: a Roma non abbiamo interlocutori: Più chiaro di così. Come era chiarissima la disistima dell'UE nei confronti di Berlusconi manifestata dai sorrisi durante una conferenza stampa di Merkel e Sarkozy. Per dire cose importanti bastano poche parole o addirittura un segno del corpo. Per dire nulla serve un articolo un giorno si e un giorno si.

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Il presidente della commissione Ue Jean-Claude Juncker e il commissario dimissionario per i Servizi finanziari Jonathan Hill.
Brexit, i rappresentanti Uk sgraditi a …

Londra temporeggia, ma Juncker vuole il divorzio rapido. Così i gli esponenti britannici dell'Ue si sentono di troppo. E arrivano le prime dimissioni.

prev
next