Paolo Madron

EDITORIALE

Del maiale Rai non si butta via niente

Gli sms con bestemmie di Capodanno erano un introito aggiuntivo per le esangui casse della tivù pubblica. Campo Dall'Orto e Renzi, che figuraccia.

di

|

02 Gennaio 2016

L'sms con bestemmia andato in onda su RaiUno durante la serata di Capodanno 2015.

(© Ansa) L'sms con bestemmia andato in onda su RaiUno durante la serata di Capodanno 2015.

Un timer andato in tilt che fa sballare la mezzanotte, un addetto distratto che lascia scorrere nel sottopancia messaggi d’auguri inframezzati a qualche bestemmia, il solito spettacolino alla viva il parroco dove per contratto bisogna far finta di divertirsi come matti.
La débâcle della Rai arriva come una nemesi nella notte di Capodanno, e rinfocola antiche polemiche sulla tivù di Stato che ancora si fregia garante di un quanto mai ineffabile servizio pubblico, cosa che ne enfatizza ogni scivolata, anche quella grottesca di San Silvestro.
Complice Matera, i sassi, in un approccio da depliant della Pro loco ancorché nobilitato dall’investitura a futura capitale europea della cultura. Che disastro.
BELLE INTENZIONI SEPPELLITE. E chissà cosa avrà pensato Antonio Campo Dall’Orto, direttore generale ora eletto dalla riforma a dominus assoluto, capo azienda dotato di tutti i poteri tranne quello di evitare figuracce in diretta.
Lo stesso Campo Dall’Orto che in un paio di interviste quando ancora era solo direttore generale ha strologato sul ruolo della Rai nella tivù del futuro, sui palinsesti e la loro estensione digitale cui lo spettatore rende nuova vita, tutte teorie che basta un titolista distratto e sciatto a seppellire.
LINFA ALLE ESANGUI CASSE. Poi siccome sono tempi magri e non si butta via niente, si scopre che quella striscia di sms in cui Toni fa gli auguri di buon anno alla fidanzata Samantha sono un introito aggiuntivo per le esangui casse del Cavallo, cui Renzi ha ora assicurato nuova e certa linfa inserendo il pagamento del canone nella bolletta della luce
Il che fa pensare che al prossimo Capodanno quella striscia che fa tanto radio dedica non ci sarà più, e che probabilmente ci saranno soldi per assicurarsi un marchingegno che non si incanti al momento di scandire la fatidica ora.
CROCIATA DELL'OPPOSIZIONE. In tutto questo l’opposizione, Lega Nord e Forza Italia in testa, si indigna per gli scellerati incidenti, e aggiunge un altro tassello alla crociata contro lo strapotere renziano, nella fattispecie incarnato da quella Rai in cui il premier, in pieno delirio da storytelling liberista, improvvidamente giurò di non voler toccare neanche con un dito.
Salvo poi saltarci dentro mani e piedi, piazzandoci un capo di provata e leopoldesca fiducia e un consiglio d’amministrazione che deve aver strappato l’ammirato plauso dell’ora ottuagenario Cencelli.
DAL PENTOLONE ESCE DI TUTTO. Siccome però il diavolo fa le pentole ma non i coperchi, Renzi doveva mettere in conto che dal pentolone Rai potevano uscirne di ogni, e che il responsabile sarebbe stato lui che alla fine l’ha plasmata (come ha fatto con l’Unità) a sua immagine e somiglianza.
Naturalmente il premier è un colpevole di ultima istanza, nessuno se non gli avversari del meschino e routinesco agone politico potevano addossargli la responsabilità di un Capodanno da strapaese condito da qualche sacrilego intercalare (se mai, ma qui il discorso si allunga e sconfina, si potrebbe eccepire sulla sua contemporanea scelta di andare vedere il film di Zalone).
UN INGOVERNABILE CARROZZONE. Il suo peccato originale è stato di aver voluto mantenere salda la presa sulla tivù pubblica, invece che favorirne la vendita, la sola cosa che avrebbe interrotto i continui rigurgiti di quel peccato.
Un errore di presunzione (forse pensava di poter governare l’ingovernabile carrozzone), ma soprattutto di narrazione.
Neanche un sottotitolista ubriaco o distratto potrebbe infatti trovare una qualche coerenza tra il Renzi che ha voluto questa Rai e quello che partì rottamatore ed entusiasta digitale.


Twitter @paolomadron

© RIPRODUZIONE RISERVATA

adl 03/gen/2016 | 11 :47

E' MAI POSSIBILE CHE UNA BESTEMMIA ............
.............POSSA PROVOCARE L'EPILOGO, DELL'ERA RENZI E DELLA SUA MINCULPOPPIANA TRIRETE A CANONE GARANTITO ED ASSICURATO IN BOLLETTA, RIDENOMINABILE TELERENZI ?????
Siamo seri, se nulla è successo fino a ieri, nulla succederà domani.
Opposizioni litigiose e addormentate e/o inesistenti, hanno fatto passare di tutto. Hanno varato assurde COMMISSIONI PARLAMENTARI D'INCHIESTA DEL PESCE (o meglio del Risparmio) FRITTO, dopo che poveri risparmiatori sono stati FOXXUTI, perdendo i loro risparmi.
Hanno fatto assurde pantomime parlamentari, sulle BOSCHI e sui boschetti, lasciando passare il messaggio che CHI HA PERSO I RISPARMI TUTTO SOMMATO ERA POCO INFORMATO SUI RISCHI DELL'INVESTIMENTO.
Se davvero avessero voluto, le opposizioni avrebbero potuto, COORDINANDOSI, massacrare il governo e NON LO HANNO FATTO PER IGNOBILI MOTIVI POLTRONAI.
Per una bestemmia in più, o in meno, NON SUCCEDERA' UN BEL CAXXO DI NULLA.
Il presidente del consiglio, in CAMPAGNA ELETTORALE PERMANENTE EFFETTIVA, da oltre 18 mesi, tramite la TV DI STATO A CANONE GARANTITO e assicurato, CONTINUERA' A FARE TUTTO QUELLO CHE VUOLE.
Si rassegnino gli scandalizzati animi puri, chiesa compresa.
TELERENZI - RAI, continuerà la sua opera di disinformazione nazionale con maggior forza e maggior vigore. Anzi a mio parere tra poco si rispolvereranno vecchi FORMAT ristilizzandoli ed aggiornandoli ai contenuti attuali. Si possono già prevedere i nuovi "NON E' MAI TROPPO TARDI" DI MAMMA TELERENZI-RAI DELL'IPOCRISIA NAZIONALE:
- COME SI SCEGLIE UNA BANCA corso rapido ed efficace per risparmiatori distratti;
- GLI ARCOBALENI, LE ARCOBALENE, I GENITORI 1 I GENITORI 2 ED I GENITORI X per una famiglia MODERNA ED al passo coi tempi;
Ecc. ecc. ecc.
TELE RENZI EXPO, si è appena concluso ma altri ne verranno presto.....
Per i conti di EXPO si può attendere, per ora accontentiamoci del fatto CHE CHECCO ZALONE, IN UN SOLO GIORNO E SENZA SOLDI PUBBLICI HA VENDUTO UN TERZO DEI BIGLIETTI VENDUTI DA EXPO, senza nessun bisogno
DI UNA TELE ZALONE e ad un prezzo medio forse non molto differente.....!!!!!

Camillo Coppola 03/gen/2016 | 01 :22

DAMNATIO MEMORIAE
DAMNATIO MEMORIAE

"Fanno parte di quel paffuto sottobosco 'mobile, trasversale e prezzolato' di intellighenzia asservita al padronato ed ai collegati governi: Hanno liberamente scelto di essere nemici dei lavoratori e rimarranno tali anche dopo morti."
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10206825705955215&l=e123a887b6

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
prev
next