Springsteen a Napoli, notte in tenda per i fan

Il concerto è previsto per il 23 maggio.

22 Maggio 2013

Sorbillo ha inventato una pizza dedicata a Bruce Springsteen.

(© Ansa) Sorbillo ha inventato una pizza dedicata a Bruce Springsteen.

È tutto pronto per il concerto di Bruce Springsteen a Napoli del 23 maggio, prima data di un tour che tocca anche Padova, Milano e a luglio Roma.
Per l'evento di piazza del Plebiscito c'è chi dorme in tenda e chi attende ore sotto il sole. Tutto per guadagnare i posti in prima fila.
I BAGARINI CI PROVANO. I biglietti venduti sono 20 mila e altri 5 mila ne sono a disposizione per una tariffa di 65 euro. E nonostante i bagarini stiano facendo di tutto per piazzare anche ingressi contraffatti, gli organizzatori avvertono che l'accesso è consentito solo attraverso la convalida dei tagliandi attraverso lettori elettronici. Quindi chi non compra i biglietti tramite circuiti ufficiali, rischia di rimanere fuori.
The Boss dovrebbe arrivare il 23 maggio stesso a Napoli, dopo alcuni giorni di soggiorno a Villa d'Este di Cernobbio, in provincia di Como. Pare che il rocker si sia dedicato il 22 maggio allo shopping nel centro della città lariana assieme alla moglie Patti e alla figlia Jessica.
I membri della E-Street band sono invece già arrivati a Napoli. A cominciare dal chitarrista Little Steven.
SORBILLO DEDICA UNA PIZZA AL ROCKER. In occasione della prima volta di Springsteen nel capoluogo partenopeo, la città è pronta a un'accoglienza speciale. Come quella tributata dalla pizzeria Sorbillo, che ha preparato una pizza dedicata a The Boss.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Italia, il dato sul Pil avvicina la manovra bis

L'Istat certifica una crescita sotto le attese. E rafforza la posizione dei falchi Ue. Che chiedono a Renzi una correzione dei conti. Già nella primavera del 2016.

Turchia, Erdogan tiene in pugno la Nato

L'Alleanza manda le navi nel Mar Egeo. Ufficialmente per l'emergenza migranti. In realtà cede al ricatto turco. Fonti interne: «Poveri noi, bistrattati e sviliti».

prev
next