Depressione Gravidanza Parto 140403204408
MEDICINA 5 Agosto Ago 2014 1824 05 agosto 2014

Scoperta la molecola della depressione post-partum

80 mila casi in Italia ogni anno.

  • ...

La depressione post parto è nota come sindrome del baby blues.

Scoperta una molecola che potrebbe far luce sulla depressione post-partum e suggerire terapie mirate contro questo disturbo che interessa molte neomamme: solo in Italia, si stima siano ogni anno circa 80 mila le donne colpite.
TAGLIA SEROTONINA E DOPAMINA. Secondo quanto riferito sulla rivista Neuropsychopharmacology, si tratta della molecola 'Monoammina ossidasi A', un enzima 'forbice' che taglia molecole importanti per il benessere del cervello (serotonina e dopamina). Condotto da Julia Sacher dell'istituto tedesco Max Planck a Lipsia, lo studio dimostra che le neomamme con sintomi palesi di depressione post-partum, anche di grave entità, presentano nel cervello elevate quantità di questo enzima.
SBALZI DI UMORE DOPO IL PARTO. La scoperta potrebbe favorire la prevenzione della malattia e anche aprire la strada a terapie mirate. Dopo la nascita di un bebè tutte le donne vanno inevitabilmente incontro a cambiamenti di umore, i cosiddetti baby blues, anche per il brusco calo nel loro organismo degli ormoni estrogeni che si verifica al parto. Per alcune neomamme, però, non si tratta solo di baby blues ma di veri e propri episodi di depressione maggiore.
80 MILA CASI DI DEPRESSIONE IN ITALIA. Nel nostro Paese, secondo i dati dell'Osservatorio nazionale per la salute della donna (Onda), sarebbero ogni anno 55-80mila (il 16%) le neomamme con depressione post-partum. E il dato potrebbe addirittura essere una sottostima perché ancora oggi molte non riconoscono di avere un problema o preferiscono non parlarne, non chiedendo aiuto e supporto ai familiari o ai medici.
ALTA CONCENTRAZIONE DELL’ENZIMA. Gli studiosi tedeschi hanno riconosciuto la presenza di concentrazioni elevate dell'enzima nel cervello di donne che subito dopo il parto hanno manifestato un episodio depressivo. Concentrazioni moderatamente elevate sono state invece riscontrate in donne che, pur non avendo un episodio depressivo, hanno riportato episodi di pianto ricorrente dopo il parto.
ESISTONO GIÀ DEI FARMACI. La scoperta potrebbe spiegare perché gli antidepressivi classici che aumentano i livelli di serotonina non sempre funzionano: la monoammina ossidasi A potrebbe comunque, essendo in eccesso, ridurre i livelli di serotonina innalzati dai farmaci. Poiché oggi già esistono farmaci inibitori di questo enzima forbice, in una fase successiva questa ricerca potrebbe portare a sperimentazioni cliniche per testarli su neomamme depresse. Più difficile è usare la molecola come elemento diagnostico perché, concludono gli esperti, per misurarne la concentrazione nel cervello servono test delicati e bisognerebbe trovare un analogo di questa molecola nel sangue o nella saliva.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso