Antibiotici 150519141808
SALUTE 19 Maggio Mag 2015 1418 19 maggio 2015

Allarme, i super batteri resistono all'antibiotico: sono più pericolosi dell'Aids

Si contraggono con facilità e si doffondono tramite cibo e acqua. Ad oggi nessuna ricerca che tenti di creare farmaci più potenti per combatterli.

  • ...

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), i super batteri, cioè quei microrganismi particolarmente resistenti contro cui gli antibiotici attualmente in uso sono quasi inefficaci, risultano più pericolosi dell'Aids.
Ecco sei buoni motivi per crederlo diffusi dal quotidiano inglese The Telegraph.

Gli antibiotici sono quasi inefficaci contro il super batteri.


1. Contrarre super batteri è molto più semplice che contrarre l'Aids

Per evitare il virus dell'immunodeficienza umana (Hiv) basta sottrarsi sia a rapporti sessuali non protetti sia ad aghi usati da persone infette. Evitare i super batteri, invece, è molto più complicato, in quanto si possono contrarre cadendo da una bicicletta, con un'infezione alla vescica, entrando in una casa di cura o in un ospedale, o con l'influenza, la disenteria, un graffio o un livido.

2. In calo il numero degli affetti da Aids, in crescita quello di chi contrae super batteri

Nel 2012 l'Aids è stata diagnosticata a 2,3 milioni di persone, mentre i super batteri li hanno contratti in due milioni. Rispetto al 2001, però, le infezioni da Hiv sono diminuite del 33%. Al contrairo, tra il 2005 e il 2012, secondo l'Oms, in Africa i casi di tubercolosi multiresistente sono aumentati del 650%.

3. La crisi nel settore della produzione di nuovi farmaci

A oggi nessuno sta finanziando delle ricerche che tentino di creare antibiotici più potenti in grado di combattere i super batteri. Quello dello sviluppo di nuovi farmaci è un settore in crisi: tra il 1980 e il 1984, la Food and Drug Administration (Fda), l'ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, ha approvato 20 nuovi antibiotici.
Tra il 2005 e il 2009, invece, ne sono stati approvati soltanto tre.
Brad Spellberg, un esperto di malattie infettive, ha spiegato: «La gente è disposta a pagare anche 50 mila dollari per un ciclo di chemioterapia che allunghi la vita di tre mesi, ma non è disposta a spenderne nemmeno 100 per un antibiotico. Questo perché le persone sono terrorizzate dal cancro, ma non dalle malattie infettive».

4. Gli esperti sconsigliano l'abuso di antibiotici

Alcuni esperti, giustamente, predicano la necessità di utilizzare un minor numero possibile di antibiotici ed è per questo che le aziende farmaceutiche sono sempre meno propoense a svilupparne di nuovi.

5. Gli enzimi resistenti all'antibiotico si diffondo tramite cibo e acqua

Gli enzimi resistenti all'antibiotico possono diffondersi tramite il cibo e l'acqua: in Vietnam, nel 2014, ne sono stati trovati alcuni in 341 tonnellate di frutti di mare e i fiumi della Cina sono sempre ricchi di enzimi farmaco-resistenti.

6. Gli ospedali: il covo dei super batteri

I super batteri prosperano nei luoghi creati per trattarli e rischiano di distruggere l'intero sistema sanitario.
L'ospedale è il loro covo per eccellenza: medici e infermieri si mutano in vettori umani che trasportano i virus da un paziente all'altro.

Correlati

Potresti esserti perso