Froniera Russo Norvegese 150829171940
LA STORIA 29 Agosto Ago 2015 1718 29 agosto 2015

Migranti, profughi in Norvegia attraverso il Polo

Almeno 100 siriani sono arrivati in Norvegia. Passando la frontiera di Kirkenes. Come? In bicicletta. Nuovi sbarchi a Messina e Taranto.

  • ...

La froniera russo-norvegese di Kirkenes.

Mediterraneo, Balcani. Ma anche Circolo polare artico. Niente barconi o camion, ma semplici biciclette.
Almeno un centinaio di rifugiati siriani sono riusciti a raggiungere l'Europa attraverso la Russia, fino ad arrivare al valico con la Norvegia settentrionale.
Come ha raccontato il quotidiano norvegese Local, almeno 133 richiedenti asilo hanno raggiunto il piccolo centro di Kirkenes, una città abitata da nemmeno 3.500 anime affacciata sul Mare di Barents attraversando la frontiera a Storskog, a due ore di auto da Murmansk, nella Russia del Nord.
LA SALVEZZA A 5.500 CHILOMETRI DA CASA. Il paese si trova a 5.500 chilometri da Damasco, la temperatura media è di poco sopra lo zero e in questo periodo il sole non tramonta praticamente mai.
Non solo: i profughi hanno varcato il confine in maniera del tutto legale.
In base agli accordi tra i due Paesi, infatti, è vietato sia attraversare la frontiera a piedi sia accettando passaggi in auto senza documenti validi. La polizia locale aveva tra l'altro arrestato alcuni autisti russi che, dietro ricompensa, si erano offerti di trasportare i profughi in Norvegia.
Poco male: i migranti sono passati in sella a una bicicletta, senza quindi infrangere la legge.
LA PISTA CICLABILE DELLA GUERRA FREDDA. Kirkenes, infatti, è la città più a nord della pista della Cortina di Ferro, la ciclabile tracciava il confine tra l'Europa orientale e occidentale durante la Guerra Fredda.


Questi passaggi sono un «fenomeno relativamente nuovo», ha spiegato al Guardian Thomas Pettersen, l'unico poliziotto in servizio nella stazione di polizia Kirkenes, «cominciato circa un anno e mezzo fa».
Come i rifugiati siriani siano venuti a conoscenza di questo passaggio resta ancora un mistero.

In Italia nel fine settimana attesi 1.500 arrivi

Cambiando latitudine, a Messina sono sbarcati 683 migranti che si trovavano sulla nave Diciotti della Capitaneria e sono stati soccorsi mentre erano in viaggio nel Canale di Sicilia su due barconi.
A bordo ci sarebbero anche due cadaveri.
A TARANTO QUASI 800 PROFUGHI. Arrivi anche in Puglia. A Taranto, sabato 29 agosto, sono sbarcati dalla nave Phoenix 415 profughi tra cui 39 donne e 37 minori, 15 dei quali non accompagnati.
Domenica è poi previsto un altro sbarco di migranti salvati nelle ultime ore nel Mediterraneo. Saranno 371, a quanto si è appreso, a giungere al molo San Cataldo a bordo della nave Aviere dopo esser stati soccorsi dalla Mimbelli.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso