Sport 3 Marzo Mar 2016 1515 03 marzo 2016

Il 20 marzo la 45esima Stramilano, 50mila di corsa per la città - La notizia

L'assessora Bisconti: Milano capitale del running

  • ...

Milano (askanews) - Quarantacinque anni portati con grande entusiasmo. Milano si prepara alla festa della nuova edizione della Stramilano, la gara podistica, divisa in tre diversi eventi, più famosa del capoluogo lombardo nata nel 1971. Domenica 20 marzo, a segnare l'ingresso nella primavera, si attendono 50mila persone per la corsa da 10 km, alla quale si affiancano la mezza maratona con anche gli atleti professionisti e la Stramilanina per le famiglie sui 5 km. Padrona di casa della presentazione l'assessora allo Sport e al Benessere del Comune di Milano Chiara Bisconti: 'Abbiamo lavorato - ci ha detto - per rendere la città 'corribile', se si può dire, e al tempo stesso le grandi corse, le piccole corse, le corse al mattino e di notte, eventi che si ripropongono ogni anno. Abbiamo proprio valorizzato il sistema che una città bella come Milano permette per chi ama correre'.Sul palco, con entusiasmo bipartisan, anche l'assessore regionale Giulio Gallera, che correrà la mezza maratona. 'Quando c'è la Stramilano, quando si corre per sport - ha detto - si guarda in alto, si vede la bellezza della città, di questi palazzi prestigiosi, dei nostri parchi, dei percorsi di corsa che sono stati realizzati. E' un modo bellissimo e diverso di vivere la città'.Anche quest'anno alla Stramilano collabora fattivamente l'Esercito, con molti militari impegnati per la sicurezza, ma pure in gara. E Milano, anche negli eventi sportivi, si conferma sempre di più una delle capitali dell'Europa più dinamica. 'Sicuramente capitale del running - ha concluso l'assessora Bisconti - lo possiamo dire, si corre tutti i giorni, nei parchi nelle strade, tutti i weeekend dalla Stramilano in avanti fino alla stagione invernale, a Milano è bello correre'.Appuntamento allora in Piazza Duomo la mattina di domenica 20 marzo: dalle nove tutti di corsa.

Correlati

Potresti esserti perso