Gianluca Corrado 160325141329
PROFILO 25 Marzo Mar 2016 1251 25 marzo 2016

M5s Milano, chi è Gianluca Corrado

Il padre vicino a Fi. Il nonno della Dc. L'eredità del grillino che corre a Milano.

  • ...

Gianluca Corrado.

Gianluca Corrado, il nuovo candidato grillino consacrato da un referendum sul blog come sostituto di Patrizia Bedori, è un figlio (e nipote) d'arte, politicamente parlando.
A ricordarlo è stato il quotidiano online Notiziario Eolie che ha fatto il suo 'in bocca al lupo' al proprio concittadino. Corrado, infatti, nato a Messina 39 anni fa, ha vissuto fino ai 18 anni a Lipari, prima di trasferirsi a Bologna per studiare Giurisprudenza.
IL MESSAGGIO DA LIPARI. «L’avvocato trentanovenne Gianluca Corrado», si legge online, «si è guadagnato la fiducia del guru Gianroberto Casaleggio, come papabile sindaco di Milano. Una bella notizia che merita il tifo delle Eolie. Un giovane proveniente da una famiglia di politici con in testa il nonno paterno che dal suo ufficio di Sottomonastero rappresentava una parte importante della Democrazia cristiana che aveva in Checchino Vitale un sindaco quasi a vita. Ma la mente di quel successo fu il nonno, il braccio destro e la voce della politica eoliana».
«CASALEGGIO? MAI VISTO». Sorvolando sulla fiducia della Casaleggio Associati su cui si era mormorato molto negli ultimi mesi, tanto da spingere Corrado a smentire qualsiasi conoscenza diretta con il guru («Non ne conosco nemmeno l'ubicazione», ha scritto il grillino su Facebook. «Non ci ho mai parlato, né con lui né con Grillo», ha aggiunto ad Affari Italiani ricordando che «nel M5s quando si vuole diffamare qualcuno dici di lui che è vicino a Casaleggio»), vero è che sia il padre sia il nonno dell'avvocato grillino erano politici conosciuti e apprezzati sull'isola.
IL PADRE FORZISTA. Il primo Ferdinando 'Nando' Corrado, ex dipendente del Banco di Sicilia e membro del Rotary club, è stato anche presidente della Lipari Porto, una società mista partecipata dal Comune e dalle Condotte d'Acqua Spa. Vicino a Forza Italia e all'ex sindaco di centrodestra Mariano Bruno, Corrado senior, riferiscono a Lettera43.it fonti isolane, era in odore di candidatura e nella legislatura precedente pure di un assessorato.
Tutto finì in un nulla di fatto: nessuna candidatura né poltrona.
Nel 2012, tra l'altro, vinse Marco Giorgianni, espressione di una coalizione composta anche da Udc, Pd, Fli.
E come in ogni tournover che si rispetti, Corrado ha ceduto la sua carica alla Lipari Porto all'avvocato Giancarlo Niutta. Mentre Bruno, ora consigliere di minoranza per il Pdl, nel 2013 è stato indagato per rimborsi gonfiati.
LE RADICI DEMOCRISTIANE. Anche il nonno del candidato pentastellato era un notabile dell'isola. Democristiano, era vicinissimo al sindaco 'imperituro' Francesco Vitale che 'regnò' dal 1952 al 1976. Vitale prima di abbracciare lo Scudo crociato era stato segretario del Partito fascista locale dal 1929 al 1933 e pure nel 1943.
La politica, dunque, Corrado l'ha nel dna.
Non stupisce che la sfida a Palazzo Marino non lo spaventi, anzi. In alcune interviste ha ammesso di «avere le carte in regola», anche per bucare il video.
Di sicuro lo pensa Bedori che dopo il risultato del referendum ha dichiarato: «Corrado è tagliato per fare l’attaccante, io no, preferisco la vita da mediano. E oggi sono tanto felice».
Tutto bene quel che finisce bene, quindi.
ATTIVISTA DAL 2012. E dire che Corrado è attivista M5s 'solo' dal 2012. Narrano le cronache che sia stato folgorato sulla via pentastellata proprio nella sua Lipari.
E che il responsabile della sua conversione, ma sono voci dell'isola, sia Francesco Finocchiaro del MeetUp lipariano i Grilli eoliani, un gruppo attivo che «riuscì pure a fare arrivare a Lipari Beppe Grillo», ricorda qualcuno.
Da allora Corrado è stato tutto studio (legale) e cinquestelle.

Twitter: @franzic76

Correlati

Potresti esserti perso