Spettacolo 19 Ottobre Ott 2016 0900 19 ottobre 2016

L'attore Usa Matt Dillon a Roma: prima o poi tornerò alla regia - La notizia

Presidente di giuria per il premio Camera d'Oro Taodue ad Alice

  • ...

Roma, (askanews) - L'attore americano Matt Dillon è alla Festa del Cinema di Roma in veste di presidente di giuria del premio Camera d'Oro Taodue, nella sezione dedicata ai ragazzi 'Alice nella città', che decreterà la migliore opera prima e seconda. Capace di passare da film come 'Rusty il selvaggio' di Francis Ford Coppola, a commedie come 'Tutti pazzi per Mary', Dillon a 52 anni si trova per la prima volta in questo ruolo, ma ha ben chiaro cosa cerca in un film.'Non sono mai stato presidente di nulla, sono lusingato che me lo abbiano chiesto, è molto difficile scegliere anche se ho altri giurati che mi aiutano' ha detto.Tra questi giurati ci sono l'attrice Anna Foglietta e i registi Gabriele Mainetti e Claudio Giovannesi. Ma un film - ha spiegato Dillon - lo conquista se è autentico.'Tutti dicono sempre quanto sia importante la storia in un film, ed è vero, ma le storie sono create da persone e veicolate da attori e questo è molto importante per me, io guardo la coerenza e l'autenticità dei personaggi'.Dillon ha anche diretto un film nel 2002, 'City of Ghosts', e anche se non ha avuto un grande successo, soprattutto in Italia, in futuro non esclude di tornare alla regia.'Lo ho fatto quando sentivo di avere qualcosa da dire. Poi mi sono fermato, non avevo la pressione di fare il secondo film - ha raccontato - il mio lavoro è fare l'attore, ma ora sto lavorando a un documentario e ho scoperto che è molto più difficile perché in pratica lo scrivi mentre lo fai, sto ancora imparando'.E' un documentario a cui pensa da anni, ha rivelato, sul cantante cubano, El Gran Fellove, visto il suo grande amore per la musica afrocubana. Ci aveva pensato durante un viaggio in Messico e ora è tornato a occuparsene.'Ma tornerò di sicuro a fare un film di fiction - ha detto ancora - quando sarò pronto'.Tra l'altro, gli piacerebbe lavorare in Italia. 'Avete grandi talenti nel vostro cinema, non ho niente in programma al momento, ma mi piacerebbe davvero lavorare con voi' ha concluso.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso