Economia interna 19 Ottobre Ott 2016 0915 19 ottobre 2016

Seychelles: 18.000 i turisti italiani nel 2015, +7 per cento - La notizia

L'arciplelago si presenta a operatori con un tour in 4 città

  • ...

Milano (askanews) - Le Seychelles si presentano alle agenzie di viaggio e agli operatori del turismo italiani con un tour che tocca in pochi giorni Milano, Firenze, Napoli, Roma. L'obiettivo dell'Ente del turismo dell'arcipelago è spingere sull'acceleratore della ripresa delle presenze italiane.Nel 2015 infatti sono state registrate oltre 18.000 mila presenze di connazionali, con un incremento del 7 per cento. Un segnale importante di nuovo interesse dopo che gli arrivi dall'Italia sono stati superati da quelli da altri paesi.Monette Rose, regional manager Italia dell'Ente del turismo delle Seychelles nel corso della prima serata del tour dedicato a agenzie e operatori, quella milanese, ha ricordato infatti come dal secondo posto nella classifica delle presenze straniere gli italiani siano scesi al quarto, superati soprattutto dai turisti provenienti dagli Emirati, avvantaggiati ovviamente dalla vicinanza e dai nuovi collegamenti.Nel corso della serata, sette partner - Air Seychelles-Ethiad, Alphonse Island, Carana Beach, Coco de Mer Hotel, Costance Hotel, Hilton e Kempinski - hanno presentato soluzioni e strutture, confermando l'arcipelago come destinazione ideale per una vacanza dal sapore esotico, aperta alle famiglie, ideale anche per matrimoni e viaggi di nozze. O anche per brevi periodi, magari d'inverno: una sorta di 'settimana blu' da contrapporre, nelle parole di Rose, alle 'settimane bianche'.Gli operatori e gli agenti di viaggio che hanno partecipato alle presentazioni hanno poi risposto a un quiz sulle località e sulle strutture dell'arcipelago. I più veloci a indovinare attraverso un piccolo telecomando sono stati premiati con un soggiorno di sette giorni nell'arcipelago, per toccare con mano la magia di una destinazione, innegabilmente tra le più affascinanti e esclusive del pianeta.

Correlati

Potresti esserti perso