Cultura 14 Novembre Nov 2016 1530 14 novembre 2016

Musica e scultura, la fluidità di Vuckovic in Unicredit Pavillion - La notizia

A Milano una mostra che prova a fissare il tempo e la vita

  • ...

Milano (askanews) - Un nuovo progetto di sperimentazione interdisciplinare per ragionare sul senso del tempo. L'Unicredit Pavillion di piazza Gae Aulenti a Milano ospita la mostra 'Dalla forma alla musica, dalla musica alla forma', una personale dell'artista Zoran Vuckovic, che abbina le sculture a un percorso musicale, e attraverso l'interazione tra ciò che si vede e ciò che si ascolta il visitatore viene assorbito da una sensazione di ammaliante fluidità, che è anche amplificata dalla struttura avvolgente progettata da Michele De Lucchi. E proprio la fluidità è una delle caratteristiche del lavoro scultoreo di Vuckovic, che ci ha raccontato di apprezzare particolarmente il bronzo perché lo si lavora allo stato liquido.'Io - ci ha spiegato a proposito del proprio metodo di lavoro - a questo punto fermo la forma fluida e la fermo in un punto che, questa è la mia idea fondamentale, è come se si volesse fermare la vita nella forma che voglio rappresentare e che davanti allo spettatore questa forma sia ancora in grado di tornare a vivere, cioè tornare al mondo delle idee, quello dove viene concepita una forma artistica'.Un circuito dunque di riattivazione delle sensazioni, che viene suggerito anche dal percorso espositivo, che termina dove era iniziato e che ha il proprio culmine, la propria 'zona di equilibrio', nello spazio centrale della 'Passerella dell'Arte' del padiglione. Qui la scultura di Vuckovic si mostra nelle sue diverse forme e nelle diverse strutture, come quelle liquide, che la sostengono e la ospitano. Ma in mezzo a tanta fluidità dei corpi, elastici e malleabili, colpisce la rigidità delle teste, che spesso appaiono bloccate in qualcosa che ricorda ancora il proverbiale blocco di marmo dal quale i vari Michelangelo - o aspiranti tali - hanno poi cavato le loro miracolose leggerezze. Anche qui Zoran Vuckovic ha una sua spiegazione per la scelta, che parte dalla fluidità per arrivare a un altro tipo di forma. 'Prendendo forma diventa il pensiero - ha aggiunto l'artista - che appena espresso è morto, perché si cristallizza e per questo la parte della testa rappresenta il pensiero'.Suoni e idee dunque, ma anche gas e liquidi che, nell'intento di Vuckovic, danno vita a un sogno esperienziale che sarà visitabile gratuitamente all'Unicredit Pavillion fino al 27 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso